Utente
comincio a dire che i primi capogiri risalgono 4 anni fa ma solo 1-2 casi violenti in cui tutto girava, non riuscivo a stare in piedi e dovevo andare a letto, tutto questo accompagnato da nausea e sudorazione. Via via i casi di capogiri sono aumentati ma non i casi violenti. Adesso sono giorni che ho sempre questi capogiri, non riesco a mantenere lo sguardo fisso, stanchezza, gambe molli, senso di irrequietezza, ogni tanto un po di tachicardia e spesso il tutto aumenta dopo i pasti e dopo aver fumato una sigaretta e diminuiscono o scompaiono la notte. Un po fanno male le cervicali e ho giramenti lievi in caso di cambiamenti climatici.
RAGGI : l'indagine evidenzia lieve scoliosi sn-convessa cervicale, tratto cervicale rigida con perdita della fisiologica lordosi, riduzione dello spazio intersomatico c4-c5, lieve scoliosi sn-convessa lombare, sclerosi delle articolazioni interapofisarie posteriori tra l4 e s1. FISIATRA: riferiti episodi di cefalea,cervicalgia, vertigo; all'AEO rachide cervicale mobile, non dolente, non attuale fibriomalgia dei trapezi. OTORINO: sindrome mitativo periferico su base ansioso, contrattura della muscolatura lungo il collo, non nigstamo, esame audiometrico ok. CONSIGLI: agopuntura, ginnastica posturale, rilassanti.
A tutto questo dico che sono un tipo ansioso e soffro di rinite e intestino ma sono veramente preoccupato che si tratta di qualcosa di serio perchè in quest'ultimo mese non vogliono andare via...3 giorni si e 1 no e cosi via.
Vi ringrazio anticipatamente!

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

dalla sintomatologia descritta e dalle visite effettuate non verrebbe da pensare ad un problema importante, si tranquillizzi. Considerati poi i sintomi associati che riferisce l'ipotesi ansiosa è probabile. Ciò non toglie che possa esserci anche una componente di origine cervicale ad accentuare le vertigini.
Pertanto mi trovo d'accordo con la diagnosi che Le hanno fatto e con i consigli che Le hanno dato.
Se per Sua sicurezza vuole sentire il parere di un neurologo nulla vieta di effettuare anche una visita neurologica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
grazie....cmq volevo aggiungere che ho anche dei tremori continui, tachicardia....
ho paura che possa essere la sm!!! ma spero solamente che sia l'ansia...anche perchè molte volte spunta o peggiora senza avviso e quasi svengo....dovrei stare a letto..
ho prenato una visita neurologica anche se i precedenti medici e il mio medico curante ritengono che non è il caso.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

capisco che la visita neurologica Le è stata sconsigliata in quanto ritenuta poco utile ma se per Lei è fonte di sicurezza è opportuno che la faccia.
Cerchi di stare sereno.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
salve dott sono in attesa di una visita neurologica. Le volevo comunque dire in questi ultimi 2 giorni i capogiri mi sn diminuiti e anche le occhiaie leggermente, forse grazie alle gocce di levopraid; ma volevo dirle che non capisco questi miei dolori alle gambe, soprattutto a quella sinistra....in posizione eretta me le sento molle, ma soprattutto l'adduttore è teso e al tatto dolorante e a tratti qualche vampata di calore. le mani e le braccia sono molli ma non tali da riuscire ad utilizzarle e ho qualche movimento involontario delle dita . di camminare comunque cammino regolarmente. cmq sono seriamente preoccupato se fosse la sm! lei m consiglia di fare direttamente una rm o aspetto prima il parere del neurologo??? sono anche molto piu magro.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

aspetterei prima il parere del neurologo in quanto gli esami diagnostici vanno effettuati dopo un'accurata visita medica e in base al sospetto diagnostico che solo la visita può dare in maniera attendibile.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
grazie mille....ma secondo il suo parere medico????

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

a distanza non è possibile esprimersi. Intuitivamente viene da pensare ad un fattore ansioso.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
gentile dott volevo farle sapere l'esito della visita neurologica : attuale esente da anomalie significative, MOE nella norma, non deficit in sede cranica o focali, ROT normorevocabili simmitreci, Romberg negativo. In conclusione disturbo somatoforme.
suggerisco al momento: biosame e mezinat. programmare esame ematochimici inclusi cpk.
quindi dott??? il suo parere????
è possibile anche che il mezinat m dia insonnia???

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come certamente avrà capito la visita neurologica è negativa, non sono state riscontrate alterazioni all'esame neurologico.
La terapia prescritta è a base di integratori. E' improbabile che il mezinat Le dia insonnia in quanto è a base di melatonina che è una sostanza che favorisce il sonno.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
dott ferraiolo quindi lei ritiene che non è necessario fare altri controlli o indagini diagnocisti??? comunque non riesco proprio a capire perchè non dormo e ho sempre queste gabe tese e doloranti, capogiri soprattutto quando esco o sto in giro e la mancanza di forze! sono proprio questi sintomi che non vogliono andar via che mi fanno preoccupare!

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

continui la terapia prescritta ma consideri che sta assumendo soltanto integratori la cui efficacia potrebbe essere limitata. Se il problema non dovesse risolversi potrebbe essere possibile il ricorso a farmaci più efficaci.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
gentile dott volevo informarla che ho fatto tutte le analisi ematochimiche compresi i cpk urine e feci....il risultato è tutto negativo e analisi quindi perfette. Per il mio medico è tutta questione di ansia e depressione e oltre agli integratori m ha consigliato di prendere per un po gocce di daparox. Pero io non ce l faccio piu con questi capogiri occhi pesanti e vista un po a lucine...sono anche molto smemorato. che consigli mi puo dare???? grazie

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se il problema è solo di ansia e di depressione come Le hanno diagnsticato il neurologo e il medico curante, l'attuale terapia è insufficiente. Come Le dicevo precedentemente avrebbe bisogno di farmaci più efficaci come quello che Le ha consigliato il Suo medico ma a dosaggi congrui, per tempi prolungati e non <<prendere per un po gocce di daparox>>.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente
LEI RITIENE CHE POTREBBE ESSER ALTRO???? IN BASE A TUTTO QUELLO SCRITTO FINO AD ORA CHE CONSIGLIO MI DA??? COME CAPISCE SONO DAVVERO STANCO DI STARE COSI...MI LIMITA IN TUTTO...

[#15]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

a distanza non è possibile esprimersi in maniera attendibile, in linea di massima la diagnosi che ha avuto è ampiamente condivisibile, infatti Le ho consigliato di intraprendere una terapia più efficae.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro