Utente
Buonasera.
Vorrei chiedere un consiglio in merito alla mia vicenda. Dopo episodi di vertigini e acufeni nel 2010 ed un successivo periodo di relativo benessere (venni curato con il microser), dal dicembre 2011 ho iniziato ad avere diversi sintomi quali tremore allo stomaco, male al collo, dolore alla gamba dx ed al testicolo sx, scosse elettriche alla mano. Dopo una visita dal fisiatra e relativi massaggi al collo e visto il perdurare dei sintomi ho effettuato una RM la quale ha dato esito "Focalità di iperintensità di segnale intramidollare paramediana sn nella sequenza dopo mdc all'altezza di c4. fine bulging discale posteriore c4-c5- e c5 e c6. tendenza alla rettilineazione della lordosi cervicale". I successivi esami (RM al cranio e PVE) non hanno mostrato nulla.
Ora sono in cura con Lexotan (5 gocce 2 volte al giorno) ma perdurano forti dolori alla gamba dx (soprattutto la zona del ginocchio e della caviglia) e debolezza degli arti. ho inoltrato notato un tremore molto forte quando faccio gli addominali, per esempio.
Il mio neurologo mi aveva detto nell'agosto 2012 che molto probabilmente il risultato della RM cervicale era un artefatto e che ci saremmo risentiti solo se ne avessi avuto bisogno.
Un altro neurologo mi aveva invece consigliato di rifare la RM dopo 3 mesi (dovrei farla il mese prossimo)
Tale situazione di incertezza e di malessere diffuso sta facendo sì che io mi senta molto depresso ed agitato.
Ora volevo sapere se con gli esami effettuati fino ad oggi si può effettivamente escludere la diagnosi di sclerosi multipla e se, come riferitomi dal medico di base, tutti i sintomi che sento possano essere conseguenza del forte stress e di problemi legati alla cervicale.
Vi chiederei inoltre di volermi indicare eventualmente quali esami riterreste necessari al fine di giungere finalmente ad una diagnosi.
Gli esami del sangue sono sempre perfetti.
Vi ringrazio infinitamente.

[#1]  
Dr. Rosario Vecchio

52% attività
0% attualità
20% socialità
AUGUSTA (SR)
SIRACUSA (SR)
FLORIDIA (SR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Gentile utente

Mi sembra di capire da quanto riporta che sarebbe stata messa in evidenza ad un Esame RM un'area midollare di alterato segnale che potrebbe essere interpretata come area infiammatoria visto che capta il contrasto. In questi casi si dovrebbe completare l'esame RM con l'encefalo (come correttamente e' stato fatto) ed eseguire un'esame del liquido cefalorachidiano e i potenziali evocati per giungere ad una migliore definizione diagnostica. Il quadro poi andrebbe eventualmente seguito con RM di controllo periodiche 3-6 mesi nel caso non emergano dati diagnostici conclusivi.
cordiali saluti

Dr. Rosario Vecchio

[#2] dopo  
Utente
Preg.mo Dottore,
La ringrazio per la Sua tempestiva risposta.
Approfitto della Sua gentilezza per riferirLe che i potenziali evocati visivi non hanno mostrato alcuna lesione e per chiedere il Suo parere a questo mio assillante pensiero:
l'alterazione del segnale nel midollo potrebbe essere valutata diversamente rispetto alla diagnosi di SM (ed, eventualmente quale altra patologia potrebbe essere,) oppure dovrò solo attendere l'insorgenza di nuove "placche" affinché possa ottenere la diagnosi?
La ringrazio ancora.
Cordialità

[#3]  
Dr. Rosario Vecchio

52% attività
0% attualità
20% socialità
AUGUSTA (SR)
SIRACUSA (SR)
FLORIDIA (SR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Gentile utente

Una lesione infiammatoria del midollo spinale identifica una condizione clinica detta mielite. Diverse sono le cause di mielite tra cui purtroppo anche la SM. Gli esami che Le citavo andrebbero effettuati per discrimare la causa del problema.
cordiali saluti

Dr. Rosario Vecchio

[#4] dopo  
Utente
Leggendo su internet mi è sembrato di capire che la mielite, indipendentemente dalla causa scatenante, non può essere altro che conseguenza di una patologia degenerativa. Mi scusi la domanda ma vorrei capire cosa mi posso aspettare. La ringrazio, come sempre. 

[#5]  
Dr. Rosario Vecchio

52% attività
0% attualità
20% socialità
AUGUSTA (SR)
SIRACUSA (SR)
FLORIDIA (SR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Gent utente

La mielite e' una malattia infiammatoria e non degenerativa.
cordiali saluti

Dr. Rosario Vecchio

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,
Mi scusi la franchezza ma la mielite, malattia infiammatoria, è scatenata, come scriveva Lei, da molteplici cause. Ora io devo fare indagini diagnostiche per capire la causa.
Vorrei sapere se la mielite è causata esclusivamente da una malattia degenerativa oppure no.
In altre parole, si potrebbe affermare che solo malattie degenerative, come la SM, causano l'infiammazione del midollo?
Grazie mille per la Sua preziosa collaborazione. 

[#7]  
Dr. Rosario Vecchio

52% attività
0% attualità
20% socialità
AUGUSTA (SR)
SIRACUSA (SR)
FLORIDIA (SR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Gent utente

Tra le cause di infiammazioni del midollo rientrano quelle infettive (batteriche e virali), autoimmuni, demielinizzanti. Per poter discriminare l'origine bisogna effettuare gli esami che Le riportano nella prima risposta.
cordiali saluti

Dr. Rosario Vecchio

[#8]  
Dr. Rosario Vecchio

52% attività
0% attualità
20% socialità
AUGUSTA (SR)
SIRACUSA (SR)
FLORIDIA (SR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Gent utente

Tra le cause di infiammazioni del midollo rientrano quelle infettive (batteriche e virali), autoimmuni, demielinizzanti. Per poter discriminare l'origine bisogna effettuare gli esami che Le riportano nella prima risposta.
cordiali saluti

Dr. Rosario Vecchio