Utente 279XXX
Buongiorno, ho una amica di 16 anni che ogni estate, per circa un mese l'anno, beve superalcolici e cocktail ogni sera, arrivando spesso a diventare brilla o addirittura ubriaca, senza mai peró vomitare. Durante l'anno l'assunzione di alcol non supera le 4 volte al mese e in dosi discrete. Vorrei sapere quali danni a livello neurologico e di fegato si possono presentare dopo tre estati passate con questo quotidiano stile di vita. L'assunzione di 3 o 4 coktail al giorno per solo un mese l'anno in età adolescenziale puó causare danni cerebrali permanenti e irreversibili? Eventuali terapie?

[#1]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Cara utente,
veramente degna di nota questa sua premura per l'amica 16enne.
In due parole: l'alcol ed in particolare i super alcolici fanno male!
La assunzione pressochè costante con episodi di eccesso inducono assuefazione, necessità ad aumentare i dosaggi per ottenere i medesimi effetti auto-medicamentosi (poichè di questo si tratta: l'abuso di sostanze serve a riempire i vuoti della nostra esistenza e a non pensare/affrontare i problemi che ci appaiono senza soluzione; di base può esserci una personalità pre-morbosa di tipo dipendente o compulsiva), fino alla dipendenza con sindromi astinenziali in assenza di tentativi di assunzione della sostanza superalcolica. I danni organici neurologici possono essere molteplici: calo delle performances cognitive (memoria, attenzione, concentrazione), di studio e/o lavorative, problematiche nei rapporti interpesonali, atrofia cerebrale e cerebellare, sindrome di Wernicke-Korsakoff, polineuropatia alcolica (tossico/carenziale), ecc Problematiche psichiatriche. Epatopatia cronica e problematiche metaboliche. Prima si rivolge ad uno specialista (NB: ammettendo di avere un problema con l'alcol; ammissione questa che rappresenta momento principale per iniziare qualsiasi tipo di trattamento; e rammentando quello che tutti che hanno questo tipo di problema dicono "...all'inizio ero io a farmi l'alcol, adesso è l'alcol a farsi me...") e meglio sarà!
Buona fortuna.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente 279XXX

La ringrazio per la risposta esauriente, ma premettendo che l'assunzione di alcol è stata praticamente sospesa, volevo sapere se è possibile un recupero totale dei possibili danni subiti per queste sbronze. Insomma si possono recuperare le eventuali facoltà mentali perdute nell'arco di tre mesi in una sedicenne?

[#3]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Cara utente,
vedrà che le cose cambieranno.
Qualsiasi possa essere stata la eventuale alterazione neurologica, psico-compotramentale, sociale ed inter-personale, epatico/metabolica, ecc una volta che la astineza dalla assunzione dalle sostanze superalcoliche diverrà stabile tenderà ad andare incontro ad una remissione via via sempre più importante.
La cosa importante è stato il rendersi conto del problema in atto ed agire di conseguenza per tempo.
Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#4] dopo  
Utente 279XXX

La ringrazio infinitamente per il chiarimento.
Saluti.