Utente
Giorni fa ho subito un forte colpo alla testa, cerchero' in poche righe di spiegare la dinamica. Era Sabato e stavo effettuando dei lavori a casa con un grosso trapano e mentre effettuavo un foro improvvisamente l' attrezzo a causa di un blocco improvviso delle trivella a trasmesso il moto rotatorio al trapano e di conseguenza al mio braccio e senza nemmeno accorgermi mi ha letteralmente scaraventato contro il muro che era a pochi centimetri dalla mia testa! Insossavo una beretta e gli occhiali da lavoro li avevo momentaneamente alzati poggiati sulla fronte per poterci vedere bene.........quindi ho praticamente sbattuto la zona parietale sinistra scaricando il colpo sull' area cranica sopra l' orecchio non in un punto preciso ma è come se avessi scaricato il colpo su tutto il lato. Subito dopo il colpo sono corso a bagnare la zona con acqua fredda per due minuti e poi ho preseguito tutto il giorno a lavorare anche se a pranzo avvertivo un senso di "stordimento".I successivi tre giorni sono stati direi un po strani qualche girmanento di testa, la zona colpita zembra indolenzita, ma ho svolto tutte le mie attivita' e funzioni regolarmente. la classica botta non è uscita, forse la berretta e la stanghetta degli occhiali hanno attuttito il colpo ma dopo 5 giorni se premo in quella zona mi fa ancora un po male! Sostanzialemnte sono tranquillo ma se tornassi indietro un salto al P.S. l' avrei fatto ,in quanto il colpo è stato proprio violento e improvviso, insomma non è stata la classica botta sotto il tavolo.
Chiedo pertanto se posso stare tranquillo, se è meglio una visita o forse una tac per verificare se vi siano delle fratture craniche e perche' nonostante il forte colpo non ho avuto nessun taglio ne tantomeno l' uscita della botta.
grazie per la gentile risposta.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è normale che la zona del trauma contusivo sia indolenzita. Se non ha altri sintomi potrebbe stare tranquillo anche se, per precauzione, un controllo dal medico curante sarebbe opportuno.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio dottore, volevo aggiornare il mio stato passati 15 giorni dall' accaduto.
L' indolenzimento dovuto alla botta alla zona (parietale sinistra) e quasi del tutto scomparso, ho notato pero' che quando apro la bocca come per sbadigliare sento "tirare" proprio in quella zona dove ho subito il colpo, inoltre ho notato che la palpebra sinistra e' leggermente diversa quando è aperta o sbatte rispetto alla destra, e comunque tutta la zona dell' occhio la sento come dire strana, appesantita rispetto all' atra.. Forse sono solo mie senzazioni dovuto al fatto che porgo piu' attenzione a quella parte rispetto a prima oppure ogni tanto avverto come un lievissimo irraggiamento dal punto della botta(appena sopra l' orecchio sinistro) fino all' occhio, pertanto chiedo a lei se la botta possa avere schiacciato/tramautizzato qualche nervo ed inlfuisca sulla zona sinistra del viso, oppure se il colpo possa aver colpito anche la zona cervicale dove tempo fa ho sofferto di una lieve protusione.c5c6.
Altri sintomi particolari non ne avverto anzi, giorno dopo giorno, i giramenti e il dolore passavano solo mi è rimasta questa sensazione su questo lato infatti anche adesso mentre sbatto le ciglia la parte sinistra la percepisco diversa, inoltre proprio adesso mi sono accorto che aprendo la bocca avverto nell' orecchio "scrocchiare" solo la parte destra mentre quella sinistra no,puo' singnificare qualcosa?
Grazie per la risposta.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

potrebbe anche essere un click mandibolare ("scrocchiare nell'orecchio"), in tal caso potrebbe consultare uno gnatologo nell'eventualità che il trauma abbia coinvolto anche l'articolazione della mandibola.
Per il problema vicino all'occhio, a distanza, non posso darLe alcun parere se non quello di fare un controllo almeno dal medico curante per avere una valutazione obiettiva del disturbo che riferisce. Anche un coinvolgimento della colonna cervicale sarebbe possibile ma va valutato direttamente.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro