Utente
salve,
premetto che ho 25 anni e che da 3 soffro di mal di testa.. il primo anno che ho iniziato a soffrirne mi sono recata dal neurologo che mi ha fatto fare una cura con cinazine e nimesulide . terminata la cura sembrava tutto passato ma da gennaio 2012 soffro di emicrania con aura.
E' davvero fastidiosa in quanto mi invalida per molti minuti e non posso permettermelo poichè lavoro, studio e guido e devo essere stabile.
Mi hanno sempre detto che non ci sia una cura e mi hanno sempre consigliato di prendere una tachipirina all inzio dell attacco ma ciò non risolve il mio problema. in quanto ciò che mi crea problemi è l aura in se e non il dolore. Credo sia impossibile che non esista una cura a questo problema

potreste aiutarmi ? grazie mille

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la diagnosi di emicrania con aura chi l'ha fatta? Può descrivere come si manifesta? Quanti attacchi al mesi si presentano?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
salve dottore,
la ringrazio per avermi risposto.
la diagnosi è stata fatta dal neurologo in seguito alla visione della risonanza che mostrava solamente il setto nasale leggermente deviato e sinusite.
la manifestazione avviene in questo modo, in particolare la mattina e massimo ad ora di pranzo, inizio a vedere come dei fasci luminosi muoversi in entrambi gli occhi, questo per almeno mezzora dopo di che si manifesta un forte mal di testa.
Gli attacchi sono molto variabili, ero almeno un paio di mesi che non mi si sono presentati. mentre dalla scorsa settimana mi sono venuti tre giorni di fila.
non so se dipenda dal fatto che ultimamente ho dormito poco e studiato tanto, intendo nei giorni precedenti agli attacchi.
Il medico di base mi ha detto che dovrei correggere la postura, passando molte ore seduta tendo a curvare le spalle .

cosa mi può consigliare ?
passo le giornate con la paura che l aura si possa presentare da un momento all altro e non mi consola il dover prendere la tachipirina all inzio dell aura

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'emicrania con aura ha un decorso capriccioso nel senso che a periodi di attacchi frequenti possono seguire periodi molto lunghi anche di anni o decenni di quiescenza. Nei periodi di maggior frequenza è possibile impostare una terapia di prevenzione che nella maggior parte dei casi dà buoni risultati.
Le ricordo che nelle giovani donne è controindicato l'uso di contraccettivi orali e il fumo di sigaretta.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
ho preso la yasmine per 5 anni , interrotta a settembre e da gennaio prendo la daylette proprio perchè con la ginecologa pensavamo che il problema del mal di testa fosse legato alla pillola e così me ne ha prescritta una più "leggera". Considerando però che ho iniziato a soffrirne dopo 3 anni dalla sua assunzione..
con chi potrei parlarne di questa terapia di prevenzione ?

la ringrazio ancora

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le ricordo che anche la "pillola" che assume è controindicata in questi casi, se la utilizza a scopo contraccettivo sarebbe utile parlarne con la ginecologa per valutare un mezzo contraccettivo alternativo.
La controindicazione non riguarda l'eventuale fattore favorente la cefalea ma, nei casi di emicrania con aura, l'aumento del rischio vascolare.

<<con chi potrei parlarne di questa terapia di prevenzione ?>> con un neurologo esperto in cefalee.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
la ringrazio dottore

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Di nulla, è stato un piacere!

Buona giornata
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Gentile dottore, oggi si è ripresentata l aurea e l emicrania.. dopo mentre parlavo sbagliavo le parole e confondevo le lettere. Devo preoccuparmi? Cosa dovrei fare?

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Quanto è durato il disturbo del linguaggio? Si è manifestato insieme all'aura visiva? L'ultimo attacco a quando risale?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
gentilissimo Dr. il disturbo del linguaggio è durato un oretta ,nemmeno .... si è manifestato dopo l aura.. l ultimo attacco l ho avuto il 1 settembre alle 13:35 , quello di oggi invece stamattina alle 10 circa

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Per stroncare la fase acuta del dolore è corretto assumere gli antidolorifici di cui conosce personalmente l'efficacia, come dico spesso "ognuna ha il suo".
Per il resto una valutazione neurologica la farei, senza apprensione però.
Eventuali esami diagnostici verranno richiesti dal neurologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
gentile dottore..
approfitto ancora...
in seguito al controllo dal neurologo esso mi ha consigliato di interrompere la pillola, la ginecologa però mi ha detto di proseguirla per evitare una gravidanza, il neurologo mi ha prescritto una cura da iniziare al cambio di stagione quindi 21 settembre per 30 giorni e un altra da fare per 15 giorni, questa cura però mi è stata sconsigliata dal mio medico di base , non riesco a leggere i nomi dei farmaci scritti nel foglio , uno pare flumarizine , uno migraroll ma non sono sicura in quanto scritto a penna.

secondo lei il tutto è dovuto dallo stress.


questi giorni ho avuto diversi episodi di aura ed ho notato che è collegata alle notti in cui riposo poco e quando assumo una scorretta postura,,
ogni qual volta che muovo il collo esso schiocca nella ..parte posteriore.

ieri notte ho avuto un forte attacco di emicrania passato solo dopo aver preso un oki alle 4 del mattino...
tutto il giorno ho fastidi alla vista anche con gli occhiali ( ho un astigmatismo miopico ) e non so se sia dovuto al fatto che ho dormito poco..

cosa posso fare ?
ho fastidio nel vedere la luce del sole, lo schermo del pc e dello smartphone ,
ricordo anche che l emicrania si è presentata due mesi dopo in seguito ad aver avuto un forte urto al collo che mi ha portato a chinare violentemente avanti la testa


grazie mille e scusi se mi sono dilungata

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
I farmaci dovrebbero essere flunarizina e l'altro migrasoll che è un integratore, comunque non vedo motivo per sconsigliare questa terapia a meno che in passato Lei non abbia sofferto di disturbi dell'umore (depressione) in cui effettivamente la flunarizina è sconsigliata.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente
gentile dottore,
approfitto di questo post per farle una domanda,
da un po di giorni avverto una sensazione di fastidio al palato sulla parte sinistra , sulla parte sinistra della lingua e sui denti della parte sinistra, quasi come un formicolio , la sensazione è simile a quella che si ha dopo aver mangiato qualcosa di molto caldo,

è il caso di fare qualche visita approfondita ?
non ho altri sintomi , inoltre il fastidio non è continuo ma a volte passa... si può ricollegare ad un fattore di tipo ansioso ?
grazie

[#15]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Senz'altro un fattore ansioso può essere preso in considerazione ma prima di arrivare a questa conclusione, qualora il disturbo dovesse persistere, una visita neurologica sarebbe consigliabile.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro