Si può parlare di fibromialgia nel mio caso

Salve, vorrei sottoporre alla Vostra attenzione un dubbio che mi assale non riuscendo a venire a capo di una serie di sintomi che ho, ma che pare non siano riconducibili a qualcosa di specifico. Tuttavia mi sono imbattuto in un sito che parla di fibromialgia e sembra essere esattamente la mia patologia.
1) spesso ho dolori muscolari che non sono riconducibili a movimenti bruschi o sforzi;
2) ho quasi sempre rigidità al risveglio (sembro un vecchietto di 90 anni pur avendo 31 anni);
3) quando dormo mi sveglio quasi ogni notte dopo alcune ore e, a volte, anche più di una volta, senza riuscire a prendere sonno di nuovo immediatamente;
4) ho spessissimo mal di testa, in particolare nella zona nucale e periorbitale, inoltre sono in cura con un miorilassante per via di una rigidità muscolare a livello dell'articolazione temporo mandibolare;
5) spesso ho dei formicolii o un senso di ragnatela in varie zone del copro, nonché spasmi muscolari brevi, mioclonie o fascicolazioni, che dir si voglia;
6) ho sempre acidità di stomaco, difficoltà digestive e feci spesso acquose;
7) debbo andare in bagno spesso per urinare, anche subito dopo aver urinato normalmente e ho come la sensazione che la vescica non si svuotasse del tutto;
8) ho spesso alterazioni della temperatura corporea, in particolare d'estate ho sempre molto più caldo degli altri e d'inverno molto più freddo, da adolescente mi è stato diagnosticata la malattia di Reynaud;
9) spesso cammino sbandando;
10) muovo continuamente la gamba sinistra come per una sensazione di sfogo emotivo/tensivo;
11) sono allergico (rinosinusite);
12) ho una faringotonsillite cronica e linfonodi reattivi da anni;
13) spesso vivo uno stato di depressione.
Vorrei precisare che ho effettuato una visita neurologica che non ha individuato alterazioni, inoltre ho effettuato una RM rachide cervicale ed encefalo anche qui nella norma. Vorrei anche precisare che circa 3 anni fa ho svolto attività in palestra per un anno con un miglioramento della muscolatura in generale (sollevando anche grossi carichi) e con lo svolgimento di attività aerobica quotidiana e mi sentivo letteralmente un LEONE. Gli spasmi muscolari li avevo anche prima di andare in palestra ma quelli sono rimasti anche nel corso dell'attività di palestra.
Io non riesco più ad andare avanti in questa maniera. Vorrei capire una volta per tutte che cosa ho. Si può parlare di Fibromialgia nel mio caso? Mi consigliate di iscrivermi di nuovo in palestra e vedere se la situazione generale migliora?
[#1]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 189 52
Circa la ipotesi diagnostica di fibromialgia allego un breve link:
https://www.medicitalia.it/blog/terapia-del-dolore/3452-fibromialgia.html

RM Encefalo e Rachide negativi?
Non comprendo il senso nella esecuzione di questi esami: evidentemente la ipotesi di lavoro era "mirata ad altro disturbo".
La diagnosi di fibromialgia è essenzialmente clinica e eventualmente integrata con test neurofisiopatologici.

Per il suo neurologo non c'è nulla...
Sa se ha cercato e trovato i "trigger points"?
Occorre la positività a 11 su 18 di essi per formulare una diagnosi clinica.

La sintomatologia che riferisce è compatibile ma occorre una valutazione clinica della obiettività...

Lo specialista di riferimento è il neurologo (che sappia cosa cercare) oppure il reumatologo.
Pertanto il consiglio è quello di provvedere ad una valutazione clinica reumatologica oppure ad un secondo parere clinico neurologico.

Va, inoltre, osservato come preso atto dei suoi dati staturo/ponderali sorge il sospetto (seppur lei non ne parli affatto) che possa avere roncopatia ed apnee respiratorie durante il sonno.
Una fibromialgia ed una sindrome roncopatica/apnee ostruttive nel sonno possono coesistere.

Nel caso avesse i disturbi suddetti un esame Polisonnobrefico ed una valutazione neurologica presso esperto in "medicina del sonno" risulterebbero assolutamente indicati.

Cordialmente.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve,
ho effettuato gli esami in questione a seguito di visita con un primo neurochirurgo dopo aver lamentato il disturbo del mal di testa. Il neurochirurgo dopo una prima visita mi ha prescritto questi esami per scongiurare un possibile interessamento del nervo trigemino. All'epoca non conoscevo questa "fibromialgia" e quindi non ho associato tutto il resto a livello sistemico, non ho collegato i vari sintomi tra loro, ma mi sono concentrato solo nel trovare la soluzione alla cefalea (successivamente prima un dentista e poi un chirurgo maxillo-facciale ne hanno individuato la causa in un disordine dell'articolazione temporo mandibolare dopo accurata visita susseguente ad un intervento di rimozione molari dell'anno scorso, quindi almeno da quel punto di vista ho risolto, almeno spero). Dunque il neurochirurgo non mi ha valutato in quel senso, cioè nel senso di indagare su una possibile fibromialgia e onestamente credo che dove vivo io (e forse anche in molti ospedali/cliniche d'Italia) questa malattia sia ancora poco conosciuta dagli stessi specialisti che difficilmente si sbilanciano in una diagnosi in tal senso. Per ciò che concerne i miei dati vorrei specificare che ho molta massa muscolare, quindi in senso stretto a prima vista non sembro affatto obeso, ma piuttosto robusto. Rispetto alla roncopatia/apnee ostruttive mi farebbe piacere indagare (la mia compagna mi ha sempre detto che nel sonno a volte russo e a volte meno, ma più che russare il mio è una sorta di respiro affannoso). Seguirò i suoi consigli nell'approfondire questi ulteriori aspetti. La ringrazio di cuore.
[#3]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 189 52
Grazie a Lei per aver scelto Medicitalia.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test