Utente
Gentili medici,

E' un pò di tempo (non saprei quantificare tanto ma d'istinto direi che è un bel pò), che soffro di un forte formicolio agli alluci, soprattutto a destra e soprattutto al risveglio.
Non ho idea se sia un fenomeno più circolatorio (sono uno che ha sempre le mani gelide) o neurologico.
Un'altra cosa legata a questo sintomo, che mi capita spesso in varie parti del corpo a caso, è una breve contrazione involontaria dei muscoli.
Di per se stessi non sono che semplici fastidi, ma sono un pò spaventato in quanto so che possono essere associati a gravi malattie neurodegenerative come sclerosi multipla, sla ecc...

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il formicolio riferito, nell'arco della giornata regredisce? Cioè è circoscritto solo al mattino dopo il risveglio?
La breve contrazione muscolare, forse una fascicolazione, sembrerebbe di tipo benigno essendo sporadica e migrante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottore,

anzitutto grazie per la celerità. Guardi, dipende dalle giornate, certe volte sparisce, altre rimane, altre si sposta dall'alluce alla pianta, ma rimane comunque sempre confinato al piede. Mi capita anche alle dita delle mani ogni tanto. Ma solo, appunto, alle estremità del corpo, le quali sono spesso molto fredde. Non riesco a capire se è una cosa circolatoria o neurologica. Crede dovrei fare una visita neurologica?

P.S. Non le ho detto la mia età, 26 anni, molto longilineo.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

Intuitivamente il disturbo potrebbe essere di tipo neurologico causato, per es., dalla compressione di qualche o alcuni nervi ma questa è solo un'ipotesi a distanza e nulla più.
Se dovesse persistere consulti un neurologo per avere un parere attendibile.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Grazie mille Dottore,

rivaluterò tra qualche giorno e le faccio sapere.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ok, buona serata!
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Dottore, mi scusi se la disturbo. Domani chiamerò il neurologo ma intanto le dico una cosa che mi sta spaventando molto.

Praticamente il formicolio è aumentato in tutte le estremitò, fino a stasera, quando mentre guardavo la tv, ho iniziato non sentire più' il braccio sinistro. Come se non ci fosse.

La cosa sta continuando. E' una sensazione bruttissima?

E' pericoloso? Cosa può essere?

Mia madre dice che è un attacco di panico, ma questo mi è ventuto perchè non sento più il braccio, e il tutto è partito da un piccolo formicolio alle dita dei piedi...

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
A distanza è impossibile potere valutare la natura del disturbo riferito, ovviamente può essere un disturbo psichico ma capisce bene che non possiamo dare certezze.
L'invito, da questa postazione, non può non essere quello di farsi controllare di persona da un medico.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Gentilissimo Dottore,

Sono stato dal neurologo. Gli ho spiegato dei miei formicolii, partiti dall'alluce destro e poi enspansisi in tutte le estremità, delle fascicolazioni a riposto agli arti inferiori del fatto che avverto spesso dolori cervicali ecc.

La visita neurologica è risultata sostanzialmente normale, la forza è buona, il muscoli rispondono bene al "martelletto", il fondo dell'occhio è buono ecc. Mi ha detto però che c'è una "sofferenza rachidale, radicale, non ricordo il termine esatto" quando da supino spingevo sulle gambe, perchè avevo dolore ai quadricipiti e perchè sentivo tirare molto quando mi faceva provare a toccate le punte dei piedi.

Gli ho chiesto se ci poteva essere un'interessamento del sistema nervoso centrale per quanto riguarda i miei disturbi e lui, senza che nominassi la malattia, mi ha detto "non mi sembra proprio una sintomatologia da sla".

Gli ho chiesto se dovevo fare l'EMG ma lui ha detto che per ora no in quanto non ha notato fascicolazioni (forse è stato un caso, ma in quel momento non le avevo).

Come approfondimenti da fare mi ha dato una risonanza magnetica senza contrasto di tutta la colonna e delle analisi del sangue soprattutto per vedere gli elettroliti.

Farò questi approfondimenti, nel frattempo la sintomatologia purtroppo continua ed è molto fastidiosa fiscamente, oltre che psicologicamente, in quanto a livello subconscio mi fa pensare sempre all'ipotesi peggiore...

Volevo sapere se per lei è corretto l'iter, se posso aggiungere qualcosa e se può spiegarmi cos'è questa sofferenza radicale...

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Probabilmente il collega ha parlato di "sofferenza radicolare", cioè della radice nervosa all'uscita dal midollo spinale. In tal senso e' corretta la prescrizione della RM della colonna vertebrale.
Per il resto mi pare non siano stati riscontrati altri segni patologici.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
Quindi per la Sla potrei strare tranquillo secondo Lei dottore? o serve anche l'emg?

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Considerato l'esito della visita neurologica e quello che Lei ha scritto, non mi pare ci siano elementi sospetti.

Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
Gentilissimo Dottore,

volevo aggiornarla sulla situazione: tra poche ore farà la RM colonna, domani mattina gli esami del sangue e giovedì vedrò un secondo neurologo per un altro parere.

nel frattempo la sintomatologia è sempre li: il formicolio c'è sempre, va e viene di intensità e estensione (epicentro sempre piede destro) a seconda delle posizioni e di non so cosa, ma c'è sempre e mi spaventa moltissimo. Anche le fascicolazioni a entrambe le gambe vanno e vengono durante la giornata.

da un paio di giorni mi sembra di notare anche una sorta di sensazione di acido lattico al quatricipite sinistro (gamba meno colpita dal formicolio), allora mi metto a fare esercizi per rimane in equilibrio sulla gamba e mi sembra che non ho problemi di forza. E' sempre difficile per me capire quanto ci sia di suggestione e quanto di reale.

Stanotte per dormire ho dovuto prendere un antidolorifico (sinflex) in quanto dalla mattina ho avuto alle gambe dei forti dolori tipo quelli che si hanno quando si cammina tutto il giorno, mentre io non ho fatto praticamente nulla...

Sono davvero agitatissimo perchè quell'acronimo di 3 lettere S.L.A. continua a ronzarmi nella testa...

Con tutti i limiti del consulto online Lei che idea si è fatto, vista la sua esperienza professionale. Cosa le sembra questa sintomatologia?

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il formicolio ed il dolore sono sintomi sensitivi che non hanno a che vedere con la SLA la cui compromissione è motoria. Faccia tranquillamente la RM e mi faccia sapere l'esito. E poi nessun segno sospetto è stato riscontrato alla visita neurologica.

Buona giornata
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente
Gentilissimo Dottore torno a disturbarla e le faccio il punto della situazione.

Ho eseguito analisi del sangue, perfette, compresi elettroliti e RM colonna completa totalmente negativa, non c'è neanche una piccola ernia, nulla.

Nel frattempo i sintomi sono più o meno uguali, sicuramente non sono peggiorati, ma comunque in formicolio va e viene, senza mai scomparire, soprattutto al piede destro.

A questo punto ho fatto vedere gli esami ai due neurologi che mi avevano precedentemente visitato.

Il primo, dopo avermi fatto una visita neurologia assolutamente negativa ed aver, anche lui, letto gli esami, mi ha detto di star tranquillo e non fare più nulla.

Il secondo, quello che originariamente mi aveva dato gli esami, mi ha consigliato un EMG per studiare la conduzione dei nervi.

A QUESTO PUNTO NON SO CHE FARE, DOPO LE PAROLE DEL PRIMO NEUROLOGO MI ERO TRANQUILLIZZATO, ORA DOPO CHE IL SECONDO I HA DETTO DI FARE QUESTO ESAME SONO TERRORIZZATO, IN QUANTO SO CHE E' UN ESAME CHE SERVE PER VEDERE SLA ECC...

Dottore secondo Lei cosa devo fare?

[#15]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Assolutamente no, l'EMG serve soprattutto a studiare eventuali neuropatie periferiche, è un esame frequentemente prescritto e non deve destare nessun allarme.
E poi, Le dicevo, i sintomi sensitivi non fanno parte della SLA.
Deve o non deve effettuarlo? Questo non lo posso dire io a distanza, due neurologi che l'hanno visitata hanno dato due indicazioni differenti, pensi noi che siamo al buio.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente
Gentile Dottore, domani farò l'emg.

Non tanto per il formicolio in zona gamba destra, quanto per un senso di minor forza al quatricipite sinistro.

Praticamente, più o meno da quando è cominciato il formicolio a destra, sforzando la gamba sinistra sento una maggiore fatica. Per esempio sono andato a correre e dopo 5 giorni all'altra gamba non ho nessun dolore muscolare, mentre lì ne hotanti e forti. Poi se mi piego su quella gamba sento proprio l'acido lattico che brucia tantissimo, come se facessi un grande sforzo.

I due neurologi non hanno notato un deficit di forza perchè riesco a fare tutto su quella gamba, ma non una fatica maggiore.

Premetto che 12 anni fa mi sono rotto i legamenti della caviglia sinistra e da quel di' tutta la muscolatura di quella gamba è sempre rimasta un pò meno trofica, però da punto di vista della potenza non ho mai avvertito differenze come ora.

[#17]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ok, faccia l'EMG e mi faccia sapere l'esito.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente
Gentile Dottore, ho appena fatto l’esame, che è stato eseguito in prima persona dal neurologo che me lo aveva descritto. Di seguito il referto:

L’ESAME SEUROGRAFICO DEGLI ARTI SUPERIORI DOCUMENTA VALORI DI AMPIEZZA DEI POTENZIALI SENSITIVI AI LIMITI SENSITIVI E MOTORI AI LIMITI DELLA NORMA IN PRESENZA DI VELOCITA’ DI CONDUZIONE CONSERVATE A CARICO DI TUTTI I TRONCHI NERVOSI ESAMINATI.

L’ESAME NEUROGRAFICO DEGLI ARTI INFERIORI DOCUMENTA VALORI DI AMPIEZZA DEI POTENZIALI SENSITIVI E MOTORI AI LIMITI DELLA NORMA IN PRESENZA DI VELOCITA’ DI CONDUZIONE CONSERVATE A CARICO DI TUTTI I TRONCHI NERVOSI ESAMINATI.
RISPOSTE MUSCOLARI TARDIVE DAL NRVO TIBIALE NEI LIMITI DELLA NORMA BILATERALMENTE.

A questo punto c’è un vuoto di sceneggiatura: tornato a casa sono andato su wikipedia e ho visto che quello che ho fatto io non è l’EMG, che lui stesso mi aveva prescritto, ma L’ENG. Non mi è stato infatti infilato nessun ago da nessun tecnico nei muscoli per vedere le cose davvero importanti.
Eppure sulla cartella che mi ha dato il dottore c’è scritto EMG.

Non mi sembra un comportamento correttissimo, visto che in questo modo io non mi sento tranquillo. Gli avevo specificatamente detto che sentivo il quatricipite sinistro meno potente, perché non ha usato gli aghi?

Lei cosa ne pensa Dottore? Posso stare tranquillo così? Oppure l’esame è inattendibile in questo modo?

[#19]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sì, è stata effettuata solo l'Elettroneurografia ma se l'esame l'ha eseguito il neurologo che l'aveva richiesto evidentemente ha ritenuto opportuno limitarsi solo a questo considerato l'esito negativo della visita neurologica. Il collega durante la vista Le aveva anche detto che voleva informazioni sulla conduzione nervosa, pertanto la scelta dell'ENG è condivisibile.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#20] dopo  
Utente
Quindi Dottore apposto cosi?

[#21]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In base al quesito del neurologo (studio della conduzione nervosa) l'esame effettuato è quello indicato in quesi casi.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#22] dopo  
Utente
Dottore, mi perdoni davvero per il continuo disturbo,
secondo Lei dopo questo esame posso stare tranquillo anche per quanto riguarda patologie tipo sla, o devo fare anche una EMG vera e propria?

[#23]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Per la SLA l'esame di elezione è l'EMG, da effettuare però se alla visita neurologica emergono segni sospetti, non mi pare sia il Suo caso con due visite neurologiche negative.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#24] dopo  
Utente
Ieri, durante l'esame, ho detto al neurologo che rispetto alla visita che mi aveva fatto due settimane prima sentivo il quatricipite sinistro più debole e facile all'affaticamneto. Eppure lui mi ha fatto solo l'ENG, senza usare gli aghi.
A questo punto mi trovo molto in difficoltà, in quanto non so se fare un'altra visita neurologica, la terza, visto che quel maledetto tarlo della SLA non può essere ancora escluso neanche con un ENG buono.

[#25]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il tarlo si esclude con la visita neurologica! Non ho mai prescritto in 30 anni un'EMG per SLA in un soggetto con visita neurologica negativa, pertanto condivido la scelta del collega neurologo.
Dr. Antonio Ferraloro

[#26] dopo  
Utente
Ha ragione dottore, mi scusi.

Continuerò a fare la mia vita, domani andrò anche a correre di nuovo. vedrò come si evolve in queste prossime settimane. Poi, se questa spossatenzza alla gamba prosegue, o peggiore, rifarò la visita e le farò sapere.

Mi scusi ancora.

Cordiali saluti