Sensazione di svenimento, mancanza di energia

Gentile Dottore,

cerco di darle in modo sintetico un quadro della mia situazione.
Mi sono laureato nel mese di Novembre e subito dopo la Laurea, ho iniziato ad avvertire alcuni disturbi come debolezza, sensazione di svenimento, pressione alta, mal di testa e in alcuni casi dolori al petto e come un pressione attorno alla gola. I dolori al petto e la pressione alta mi hanno portato ad approfondire la situazione con una visita cardiologica che è risultata negativa.
Ho poi iniziato a lavorare ma dopo pochi mesi, a seguito di un periodo di forte stress, ho avuto un attacco di panico che mi ha portato a lasciare il posto di lavoro e a prendere un periodo di pausa.
L'attacco di panico mi ha portato un forte calo fisico e nonostante siano passate ormai più di tre settimane in cui ho cercato esclusivamente di rilassarmi, ora mi sento ancora molto debole a livello fisico; alcuni giorni mi sento spesso completamente senza forze, come se avessi la sensazione di svenire o di addormentarmi, con la vista annebbiata in alcuni casi e con la difficoltà a concentrarmi. Ho iniziato ad assumere il Lexotan subito dopo l'attacco di panico ma ho cercato piano piano di ridurre la quantità assunta. Sto per iniziare un percorso con uno psicologo ma non so se sarà sufficiente per risolvere i disturbi fisici che ho attualmente.

Cosa mi consiglia di fare per risolvere i miei problemi fisici? Dovrei rivolgermi ad un neurologo per approfondire l'origine dei problemi, ad uno psichiatra o ritiene sufficiente un supporto psicologico?

Grazie di cuore per il servizio da voi offerto.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,6k 2k 23
Gentile Utente,

la sintomatologia sembrerebbe di origine psichica ma, se ancora non sono stati fatti, suggerirei di effettuare gli esami ematici di routine più quelli riguardanti la funzionalità tiroidea.
Se tutto nella norma potrà continuare la psicoterapia che sta per iniziare e vedere poi i risultati.
Se non avrà i benefici sperati si può rivolgere successivamente ad uno psichiatra.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio Dottore per la gentile risposta.

Ho già effettuato esami del sangue che mi aveva prescritto il medico di base ed erano risultati tutti negativi.
Secondo lei i sintomi che presento in questo momento (forte debolezza, giramenti di testa e difficoltà di concentrazione), non necessitano di una valutazione neurologica?

Grazie ancora
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,6k 2k 23
Gentile Utente,

da questa postazione, non potendo avere un approccio diretto, dobbiamo consigliare di escludere cause organiche prima di arrivare alla conclusione dell'origine psichica della sintomatologia riferita, pertanto la visita neurologica è corretto che preceda la valutazione psicologica.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Quello che mi fa davvero preoccupare è il calo fisico che ho avuto negli ultimi giorni, che mi pensare a qualcosa che vada oltre l'aspetto psicologico.

Mi sento spesso durante la giornata molto debole e con poca forza negli arti. Una camminata di pochi metri mi mette in difficoltà.

Grazie Dottore per il suo supporto.
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,6k 2k 23
Di nulla.

Buona domenica
[#6]
dopo
Utente
Utente
Gentilissimo Dottore,

mi scuso molto ma ho bisogno di disturbarla ancora.

Come da lei consigliato e d'accordo con il medico di base, ho sostenuto una visita neurologica.

Dopo aver sintetizzato brevemente i miei problemi e la mia situazione, la Dottoressa ha da subito attribuito le cause a disturbi d'ansia.
Mi ha visitato (le riporto il referto: "Fasico, orientato. N.c. indenni. Ming I e II ben mantenuto. Non deficit di forza. ROT simmetrici. RCP in flessione.
Non dismetrie. Marcia corretta, anche in tandem. 6 squatting. Non dolorabilità alla palpazione muscolare. Non ipertono. Trofismo normale.") e non ha ritenuto opportuno di approfondire con esami strumentali.

Mi ha prescritto di non prendere più gli ansiolitici che stavo assumendo (per un mese ho preso Lexotan ed ero poi passato da una settimana a Xanax), mentre mi ha prescritto Extact 20mg iniziando con mezza dose la prima settimana.

Ho iniziato a prendere l'Entact come prescritto 5 giorni fa ma la mia condizione è notevolmente peggiorata. In questo momento presento forte debolezza, nausea, ho avuto alcuni attacchi di diarrea, tremori e l'ansia mi è aumentata.
Quello che più mi preoccupa è la sensazione di fastidio (che avevo già da prima dell'assunzione di Entact) che sento nella parte bassa della schiena e che va poi ad espandersi negli arti inferiori (mi dà fastidio anche quando sono sdraiato e rende il sonno ancor più difficoltoso) e alcune volte sento come delle piccole scosse in diverse zone del corpo.

Le chiedo gentilmente un parere riguardante la mia situazione.
Una visita del genere è sufficiente ad escludere patologie come la sclerosi multipla?
Le sembra normale una reazione del genere dopo aver iniziato ad assumere Entact? Le chiedo di cuore un consiglio su come comportarmi perché sono molto preoccupato.

Grazie mille anticipatamente.
[#7]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,6k 2k 23
Gentile Utente,

si tranquillizzi, è normale un'accentuazione dell'ansia ed un peggioramento della sintomatologia nei primi giorni di assunzione di farmaci come l'entact. Probabilmente la dose iniziale è stata eccessiva (10 mg), infatti quando iniziamo la terapia con la confezione da 10 mg consigliamo di iniziare con mezza cpr cioè con 5 mg. Pertanto avendo Lei iniziato con 10 mg ha aumentato le probabilità dell'insorgenza degli effetti collaterali tipici delle prime due settimane (mediamente).
Potrebbe ovviare a questa situazione, minimizzando al massimo gli effetti indesiderati, con un quarto di cpr per una settimana incrementando poi di un quarto ogni settimana fino al raggiungimento della cpr intera da 20 mg come prescritto dal medico.

Cordialità
[#8]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la gentile risposta.

Quello che più mi fa preoccupare in questo momento è il fastidio che sento spesso durante la giornata nella parte bassa della schiena e che sento poi nelle gambe... Dura da qualche settimana ormai e non è iniziato con l'inizio del ciclo di Entact. Il fastidio lo avverto in modo discontinuo durante la giornata, sia in piedi che seduto/sdraiato...

Mi fa preoccupare più che il fastidio in se, il fatto di aver letto che spesso è sintomo di malattie come la sm.

Grazie ancora
[#9]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,6k 2k 23
Gentile Utente,

per il problema alla schiena faccia una visita dal Suo medico curante in quanto a distanza non è possibile dare un parere attendibile.

Cordiali saluti

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio