Utente 437XXX
Salve gentili dottori,
conque giorni fa ho iniziato ad avvertire delle brevi contrazioni ritmiche sul flessore del pollice della mano destra. I primi due giorni occorreva con una incidenza di tre o quattro blocchi da meno di un minuto ciascuno, nell'arco della giornata. Poi è andato affievolendosi nei giorni seguenti. Da tre giorni ho però iniziato ad avvertire delle brevi contrazioni, ma molto più sporadiche su tutto il resto del corpo: quadricipiti, glutei, collo, bicipite.
Premetto che sono un soggetto ipocondriaco, ma che è stato sempre in grado di controllare l'ansia e non ho mai constatato sintomi psicosomatici. Prima dell'evento in questione ho iniziato ad avere uno dei miei periodi di paranoia convinto di avere la malattia di turno, che in questo caso erano Sclerosi Multipla e SLA. Questo è un periodo stressante per varie ragioni, e in più ci si è messa anche questa ansia per queste patologie. L'ansia è alimentata dal fatto che sulla stessa mano in cui ho avvertito le contrazioni si è appalesato anche un lieve dolore al muscolo flessore, nelle vicinanze della contrazione stessa. Allo stesso tempo è tornato a galla un vecchio e lieve dolore al tendine del bicipite a seguito di alcune trazioni alla sbarra che ho fatto un paio di giorni prima dell'evento.
Ora, io ho comunque ansia, e sono per cui poco oggettivo nei confronti di me stesso, e questa sensazione all'arto destro non riesco a descriverla. Lo sento meno forte, ma poi se vado a verificare non sembra così. Non mi pare di aver perso forza poiché riesco ad alzare pesi.
Le mie domande sono:
- un tendine infiammato può dare luogo a strane sensazioni propriocettive?
- un esame neurologico può individuare (anche ad uno stadio precoce) se c'è qualche problema ai motoneuroni?
- Le fascicolazioni che ho avuto fisse alla mano destra possono essere sintomo di qualcosa di grave al suo esordio?

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

1. "un tendine infiammato può dare luogo a strane sensazioni propriocettive?" Sì.

2. " un esame neurologico può individuare (anche ad uno stadio precoce) se c'è qualche problema ai motoneuroni?" Sì.

3. "Le fascicolazioni che ho avuto fisse alla mano destra possono essere sintomo di qualcosa di grave al suo esordio?"
Nella stragrande maggioranza dei casi no, considerata anche la Sua giovane età e la presenza di dolore.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 437XXX

Ok, grazi delle risposte. Cosa consiglia di fare per la visita neurologica? Devo avvisare il Neurologo del mio (sospetto) problema al tendine? Inoltre mi chiedevo se un qualunque problema tendineo potesse in qualche modo falsare i risultati. La visita neurologica di base è in grado di dirmi se la mia è una debolezza percepita o una debolezza vera? Oppure sono necessari altri esami?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

innanzitutto problemi del tendine non sono di competenza neurologica ma ortopedica.
Effettui la visita neurologica e dica al collega quali sono le Sue preoccupazioni.
Riguardo il deficit di forza, la visita può obiettivare quello puramente neurologico a prescindere dalle sensazioni del paziente.
Eventuali esami diagnostici verranno richiesti dal collega qualora gli esiti della visita lo richiedessero.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 437XXX

Gentile Dottore,

sabato ho la visita neurologica. Nel frattempo però ogni tanto lascio che l'ipocondria prenda il sopravvento e sprofondo in terribili momenti di angoscia e ansia. Sto avendo delle strane astenie. Sento caviglie e polsi deboli, come se fossero poso attaccati al corpo. Però poi cerco di riprendermi, di tranquillizzarmi e inizio a fare esercizi per vedere se è solo una sensazione o se è effettivamente mancanza di forza. Durante lo svolgimento di esercizi fisici la sensazione se ne va, ma appena smetto, mi torna. Poi mi passa se non ci penso. Volevo chiederle:
- In malattie gravi come la SLA, è possibile che la forza fluttui in uno stesso giorno o in una stessa settimana e che migliori o peggiori?
- E' possibile che uno stato d'ansia possa arrivare a causare queste sensazioni di debolezza, assieme a tremori?

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la SLA è una malattia progressiva che non prevede periodi di remissioni, pertanto non è ad andamento fluttuante.

"E' possibile che uno stato d'ansia possa arrivare a causare queste sensazioni di debolezza, assieme a tremori?" In generale è possibile.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro