Utente 454XXX
Salve a tutti, spero vivamente di essere nel posto giusto per avere una rassicurazione perche mi piacerebbe poter avere un parere da chi ne sa sicuramente piu di me e mi possa tranquillizzare quanto basti per farmi passare in maniera piu rilassata la giornata.
Sono un Ragazzo di 19 anni, e da ormai quasi un mese soffro di pesantezza alla testa.
Tutto e incominciato all inizio del mese di giugno quando dopo aver preso un caffe una sera mi venne un lancinante mal di testa, pensai fosse stato colpa del caffe cosi non feci nulla, andai a letto e il giorno successivo infatti sembrava sparito, fino a che la sera stessa si ripresento, fino a diventare assillante con una sensazione come se avessi la testa sotto una pressa ed un masso al centro della testa, compreso anche un senso di irrealta. Andai in ospedale e un dottore mi mise tremenda paura dicendomi che potesse essere di tutto anche un Tumore o una infezione al sangue. ( e io da ipocondriaco, mi sono messo in uno stato d´ansia infinita.)

Cosi di corsa il giorno successivo decisi di andare dal dottore (che durante la settimana mi chiese di misurarmi la pressione 2 volte al giorno) a fare per la prima volta le analisi del sangue scoprendo cosi una settimana dopo che il mio sangue era in splendida forma e che anche la mia pressione lo era. Il giorno dei risultati delle analisi ero veramente agitato il dottore vedendomi cosi mi diede delle pilloline di opipramol (che tutt ora prendo 1 ogni sera) credendo fosse ansia/stress e mi consiglio di fare una visita neurologica (che faro tra un mese, e questo mi mette tanta ansia).

Due settimane dopo il mal di testa sembra svanito, Ogni tanto sembra di stare in perfetta forma (per qualche oretta) e ogni tanto (tipo ora) si ripresenta quella sensazione di avere un qualcosa al centro della testa (ogni tanto lo sento a sinistra del centro, altre volte a destra del centro e altrevolte ancora sempre al centro ma piu in basso) riesco a concentrarmi meglio, ma una cosa che fino ad oggi non e andata via e quella sensazione di pesantezza che mi viene piegando la testa verso sopra, sotto, a sinistra o a destra. Tutte queste sensazioni pero mentre dormo non le sento minimamente, ne tanto meno la mattina appena alzato, infatti esse si ripresentano una mezz oretta dopo che sono sveglio, e l unica volta che riesco a trovare abbastanza sollievo durante la giornata e quando sono disteso sul divano.

Ammetto di essere ipocondriaco e di aver letto milioni di forum su internet, senza portarmi da nessuna parte tranne che (ovviamente) alle peggio malattie e io di tutto cio ho un grande terrore. Mi vergogno di dire che la sera piango perche ho veramente il terrore che questo male possa uccidermi e non riuscire a pensare al mio futuro, alla mia eta mi fa star male.

Quindi vi prego di dirmi se ci sono persone con i miei stessi sintomi, e se tutto cio e qualcosa di grave o e solo la mia ipocondria. (perdonate eventuali errori grammaticali Scrivo dall estero con una tastiera estera)

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la sintomatologia che riferisce non farebbe pensare problematiche importanti, una tensione muscolare a livello cervicale o dei muscoli pericranici potrebbe essere un'ipotesi ma ovviamente deve effettuare la visita neurologica per avere una valutazione diretta.
Stia tranquillo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 454XXX

Egregio Dottor Ferraloro,

la ringrazio per la sua risposta, ovviamente farò una visita neurologica (fissata il 25.07.17), per il momento però posso almeno tirare un respiro di sollievo e magari non stressarmi così tanto fino a quel giorno. Purtroppo sia la paura che la "curiosità" mi portano sempre a "bagnarmi prima che piova" ed è una cosa che dovrò affrontare prima o poi (questo potrebbe anche essere il momento giusto).

La ringrazio infinitamente e se in caso ci fossero delle novità sarei felice di sentire anche un suo parere.

Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Va bene, volentieri.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 454XXX

Gentile Dr. Ferraloro,

Dopo aver fatto il controllo dal neurologo (oggi) il dottore che mi ha visitato mi ha "diagnosticato" un forte stress anche alle spalle dovuto magari al mio stile di vita molto sedentario e agli altri problemi dovuti al mio trasferimento all'estero.

Mi ha consigliato semplicemente di riposare e di non farmi troppi problemi su questo fastidio anche perché io stesso vedo dei miglioramenti con il tempo (e dopo aver effettuato due sedute di agopuntura).
Mi ha anche detto di evitare di fare la tac perché semplicemente non ne vede il bisogno e che sarebbe solo una perdita di tempo e prenderei radiazioni senza motivo.

Ci tenevo a ringraziarla per il consiglioche mi ha dato e le auguro le miglior cose.

Cordiali Saluti

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in pratica è stato confermato quanto intuitivamente si sospettava on line fin dalla prima risposta.
Mi fa piacere che la sintomatologia sia migliorata e che Lei si sia tranquillizzato.
Faccia dell'attività fisica, anche lunghe passeggiate a passo sostenuto, non quello a "veder vetrine", e starà meglio.

Cordialmente Le auguro una serena estate
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 454XXX

Gente Dottor Ferraloro,

le scrivo a distanza di quasi un mese, le cose sono pian piano in qualche modo migliorate, ho incominciato a fare esercizi per il collo e le spalle, per far rilassare i muscoli, li faccio ogni giorno ma comunque ho tanta paura perché se si, le cose sono migliorate ancora ma purtroppo non sono andate via. credevo che la cosa stesse pian piano andando bene fino a venerdi, e da quel giorno che ho un mal di testa dietro la testa soprattutto sulla parte sinistra, che si espande quasi fino al collo, ieri ho preso una semplice bustina antinfiammatoria e la cosa sembrava scomparsa fino a oggi pomeriggio, ho dovuto prendere un altra bustina antinfiammatoria che pero sta volta non mi ha dato gli stessi risultati, ovvero la situazione è migliorata ma non è scomparso del tutto il dolore...

Voglio essere piu preciso:
durante queste settimane ho avuto dolore al collo che è scomparso circa 7-8 giorni fa, durante questi 8 giorni ho avuto solo tanta ansia (per la mia ipocondria), vertigini come mio solito e basta, adesso da 3 giorni ho questo mal di testa che mi da un dolore non pulsante ma fisso che si irradia fino al collo quasi non esagerato e se sto fermo con la testa lo sento meno, si trova a sinistra dietro la testa un po piu sopra della nuca (questione di poco) se mi tocco la testa, magari appoggiandoci la mano o appoggiandomi sul cuscino il dolore aumenta per un attimo, e se magari alzo la testa verso l alto o la piego mi provoca dolore leggero al lato sinistro del collo, per qualche attimo, non mi da problemi nel gestire la mia giornata (non tantissimi almeno), ma se muovo la testa da fastidio.

Premetto ho prenotato anche una visita psichiatrica per la mia ipocondria perche effettivamente non posso piu vivere nella paura di aver sempre qualcosa di brutto, è diventato problematico vivere anche perche io Venerdi parto per la sicilia, dove farò anche dei massaggi per rilassarmi (anche perchè vorrei tanto stare tranquillo ma cosi io non riesco e ci sto mal) e mi prenderò qualche settimana per riposarmi dal lavoro.

Non riesco a pensare positivo e magari con quella visita migliorerò qualcosa di me, pian piano.

Di conseguenza si sussegue la mia domanda,
secondo lei devo rifare la visita neurologica? o è normale? nel senso, puo capitare che lo stress non sia andato via dopo queste 4 settimane?
E' normale che mi sia venuto questo dolore?
Per quanto tempo dovrò sopportare tutto questo?

Nella speranza di una risposta e di un ulteriore "aiuto"

Cordiali saluti

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

da quanto scrive, la cefalea dell'ultima settimana è, come detto dal neurologo, di tipo tensivo con forte componente muscolare, ciò che descrive è assolutamente compatibile con questa condizione.
Certamente condivisibile la visita psichiatrica in quanto spesso l'ansia si può somatizzare a livello cervicale.
Al momento non penso sia necessaria un'altra visita neurologica, l'ultima è di pochi giorni fa.
Parta tranquillamente per le vacanze e si rilassi, anche questa può essere una terapia.
La Sicilia l'attende a braccia aperte...

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 454XXX

Gentile Dr. Ferraloro,

la ringrazio per la sua risposta, partiro per la sicilia gia piu rilassato, il che e gia qualcosa.

li ho un amico che si sta specializzando nel settore dei massaggi e per mia fortuna (speriamo haha) ha trattato nell ultimo periodo un ragazzo con la cefalea muscolo tensiva.

Da quello che ho letto in rete i massaggi non possono curare questa "patologia" (se cosi vogliamo chiamarla) ma almeno posso portarmi del sollievo, cosa che ormai manca da tempo.

In piu, gia che ci sono, voglio farle delle domande per capire meglio:

1. La cefalea muscolo tensiva, so che non e curabile facilmente, quante possibilita ci sono che essa si cronicizzi?

2. Come puo una persona tipo me capire che essa possa diventare cronica o no?

3. Nel mio caso specifico, tutto era partito da un mal di testa non comune, che mi portava vertigini, pressione alla testa ecc ecc, durante questi ormai quasi 3 mesi, essa e per certi aspetti migliorata, sia grazie all agopuntura che grazie al tempo e una pomata alle erbe giapponesi che mi diede il mio neurologo, ma per certi aspetti ci sono cose che non mi sono capitate e che sono arrivate dopo come il mal di testa dell ultimo periodo, o il male al collo di un paio di settimane fa o addirittura al dormire male un giorno e 3 giorni bene ecc ecc ecc.
Tutti questi cambiamenti, sono una cosa positiva o e solo un susseguirsi di cose che capitano nella cefalea muscolo tensiva?

4. fare un lavoro molto sedentario che ti porta sempre nello stare seduto 8 ore al giorno, puo portarti a un cefalea muscolo tensiva?

5. Sia sincero, al mondo quante persone riescono ad essere curate dalla cefalea muscolo tensiva?`


spero che possa rispondere alle mie curiosita

cordiali saluti

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

1. È curabile ma può ritornare a distanza di tempo. Probabilità che si cronicizzi? Non si può quantificare, spesso dipende dallo stile di vita.
2. Come detto, può dipendere dallo stile di vita.
3. Le fluttuazioni si possono verificare, cioè il ripetersi di periodi di benessere alternati a recidive.
4. Certamente, le posture fisse e prolungate sono un fattore favorente, bisognerebbe alternare frequentemente con periodi di movimento, almeno del collo.
5. Ancora non le ho contate, non ho avuto il tempo...appena lo farò sarà il primo a saperlo.....^___^
Comunque la cefalea tensiva è curabile.

Buon ferragosto
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 454XXX

Gentile Dottore Ferraloro,

La ringrazio infinitamente per aver risposto alle mie domande.
Sono passati ormai 3 settimane da l'ultima volta che le ho scritto, le vacanze sono andate abbastanza bene, ho sofferto parecchio al collo per via del viaggio fatto in macchina, ma per il resto ci sono delle novità:
come le dicevo diverse settimane fa, dovevo incontrare un fisioterapista mio amico in italia, mi ha fatto un controllo generale notando tantissimi problemi alla cervicale e ai muscoli sternocleidomastoidei, notando una forte tensione muscolare in rotazione ed inclinazione del collo.
perciò ho iniziato a fare delle sedute da lui, le prime due sedute sono state orribili e la cosa stava peggiorando, ma dalla terza seduta in poi, ho incominciato a dormire meglio, le fastidiosissime vertigini sono quasi del tutto andate via, sono leggerissime, e si presentano piu delle volte la sera, come anche i dolori al collo e la tensione muscolare.
Mi ha spinto nel non "pensare troppo al dolore" facendomi notare quanto il mio PENSARCI CONTINUAMENTE mi porti a sentire il dolore molto di più di quando io magari sono più distratto.
Mi ha consigliato anche modi di dormire (con il cuscino sotto le gambe) postura quando sono seduto ecc ecc ecc...
Abbiamo fatto 5 sedute che mi hanno ridato vita e sono molto più tranquillo e rilassato.

A breve riandrò dal mio medico per farmi prescrivere altre sedute di massaggiatura (?), e vedrò anche di iscrivermi in palestra...

perciò adesso rimango con la speranza che questi restanti dolori vadano via.

Mi faccia sapere il suo punto di vista,

Cordiali Saluti.

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

mi fa piacere che la situazione sia nettamente migliorata e che la fisioterapia Le abbia molto giovato.
Continui su questa strada e vedrà che anche la sintomatologia residua potrebbe regredire del tutto.

Buona giornata
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 454XXX

Buona sera gentilissimo Dr. Ferraloro,

e da un paio di settimane che non le scrivo,
ora le cose stanno così:

La mia situazione sembra molto migliorata,le vertigini ormai quasi non le sento più se non nei momenti di tensione più intensi o la mattina quando mi sveglio, durante il pomeriggio sento la tensione al collo ma nella testa nessun tipo di dolore, se non delle fitte leggere qualche volta, ma che dopo un po' quasi le dimentico, ormai il dolore al collo quando mi muovo sembra ogni tanto di non averlo ma, una cosa che capita spesso ultimamente sono delle vampate di calore che mi ricoprono la faccia e un malessere generale del tipo quello che si sente quanto si ha un po di febbre (che ho controllato ma non ho) e che passa magari dopo un paio di orette o qualcosa cosi, sarà che mi sto influenzando oppure la cervicale porta anche questo tipo di sintomo?
capita anche che delle volte facendo dei grossi sforzi (sto traslocando) che dopo mi sento un po confuso, ma mi riposo un po e poi sparisce tutto, il mio fisioterapista per fortuna è molto qualificato e da quando vado a fare le sedute da lui la cosa mi rilassa (anche se appena uscito dal li mi sento tutto rotto hahah).

Io ovviamente mi sento nuovo ma
Continua la mia infinita lotta contro questo male che spero di vincere, molte volte, quando sento appunto magari dei momenti in cui sto peggio mi faccio prendere dall'ansia e mi metto a pensare che probabilmente sto sbagliando terapia o robe simili e quindi, molte volte mi deprimo, a breve compierò 20 anni e sinceramente non mi piace proprio avere un ricordo simile per una data cosi importante. Spero davvero tanto che dopo questi 4 mesi di guai la cosa vada via, la vivo troppo male e infatti, come le dicevo in passato sto andando da uno Psicoterapeuta e giorno 24 ottobre inizia il corso per la gestione dell'ipocondria, sperando che magari anche quello possa aiutarmi nel "compatire" di più questa mia situazione, almeno fino a quando questa non svanisca quasi del tutto.

Ci tenevo a farle sapere la mia situazione al momento, sperando un giorno di poterle scrivere novità più positive,
la ringrazio infinitamente per il tempo che dedica a rispondermi e a leggere ciò che mi preoccupa, spero un giorno di potermi sdebitare.

Intanto la saluto con la speranza di leggere ancora il suo punto di vista

Cordiali saluti

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come vede, la situazione è nettamente migliorata, ancora però persistono sintomi e paure che col tempo dovrebbero regredire.
L'attuale stress e lo sforzo fisico che sta compiendo per il trasloco certamente non aiutano, anzi ingigantiscono il problema.
Continui con la psicoterapia e stia tranquillo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 454XXX

Gentile dottor Ferraloro,

Non pensavo mai e poi mai, di scriverle anche per il mio compleanno, ma ormai sono davvero stanco.
Nel corso dell ultimo mese le cose sono cambiate.
Le fastidiosissime vertigini che tanto odiavo sono andate via, lasciando spazio ad altri sintomi che non mi permettono di vivere bene la giornata.
Ultimamente da circa 2 settimane dormo anche tanto male mi sveglio la mattina che sento un peso a destra o a sinistra della testa, o comunque sia un malessere generale che è solo in testa, sono perennemente stanco, e questo mi porta molta tristezza anche il giorno del mio compleanno.
Ultimamente ho pure iniziato a scrivere su un foglio, come mi sento in determinati punti della giornata, se bene o male o comunque sia, quello che provo in quell istante (tutto questo sotto iscrizione del medico che mi ha detto di provare per farmi sentire piu sicuro di me stesso)
ed effettivamente cosi ho scoperto che quelle vampate di calore vanno via quando non ci penso, che quel mio malessere era la mia testa a portarlo.
Soltanto che adesso mi sorgono nuovi sintomi e nuove cose che complicano la situazione:

-Da due giorni ci vedo male rispetto a prima ma non mi capita tutto il giorno, ma qualche volta durante tutta la giornata
-sento dei piccoli fischi all orecchio, anche quelli non sempre ma qualche volta durante la giornata
-quando mi vengono quegli attacchi di calore che portano con se anche la confusione, non riesco a fare nulla se non provare a concentrarmi su altro, e ogni tanto funziona e vanno via, altre volte no.
-tensione muscolare o comunque dolori muscolari che al momento sono la cosa che mi da meno fastidio

in famiglia aime, tra tutti noi le cose sono peggiorate, la mia famiglia vedendomi cosi crede che sia pazzo, che sia impossibile che questo male sia così fastidioso, ma io ci provo a stare bene, provo a ritornare a vivere come facevo prima di questo male, ma non sempre le cose vanno come vorremmo e quindi, mi tocca aspettare, e oramai mi sembra un'eternita.

Lo Psicoterapeuta mi aveva consigliato di prendere delle pillole per l'ansia, e io ho rifiutato per paura che queste possano poi portare alla dipendenza come è gia successo ad altri parenti della mia famiglia. Di conseguenza Mi ha consigliato allora di Visitare un corso per la gestione dell'ipocondria e dell'ansia che visitero a breve nella speranza di uscire da questo tunnel e di tornare a vivere sereno come un ventenne dovrebbe fare.

le mie domande sono:
Possibile che tutt'ora la cosa non sia andata via?
Possibile che siamo passati da un punto all altro non capendo precisamente quello che ho? Non riuscendo tuttora a dare un nome preciso a questo male?
Siamo passati, da una sinusite (come disse il mio vecchio medico curante) allo stress, per poi passare alla cervicale e adesso andare a problemi di ansia, puo mai essere una roba simile?
Perche sintomi che prima non avevo adesso si presentano cosi dal nulla?.

Intanto le mando i miei migliori saluti, spero di poter leggere un suo parere.

Cordiali saluti

[#15] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

probabilmente un problema cervicale sussiste ma il disturbo di base ritengo sia di origine ansiosa.

"Perche sintomi che prima non avevo adesso si presentano cosi dal nulla?", questo è tipico dei disturbi d'ansia.

Probabilmente Lei ha bisogno di una terapia farmacologica, a parte gli ansiolitici che se assunti per lungo periodo potrebbero causare dipendenza, altri farmaci utilizzati frequentemente in queste condizioni non causano né dipendenza né assuefazione.

Quali farmaci erano stati consigliati?

Buon compleanno!
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente 454XXX

Gentile dottor Ferraloro,

un po di tempo fa, il mio medico di famiglia mi diede delle pillole di Opipram 50 mg (le pillole sono tedesche non so come sia in italia)
quelle pillole le presi per 3-4 settimane ma non mi fecero tanto effetto, infatti smisi di prenderle.
Mentre il mio psicoterapeuta mi ha prescritto delle pillole di Citalopram Aristo 40 mg.
I primi sono degli ansiolitici mentre i secondi sono antidepressivi, cosa ne pensa?

Grazie mille per gli auguri!

Cordiali saluti

[#17] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

una terapia con antidepressivi la riterrei indicata ma deve prescriverla il medico che La segue.
Questa categoria di farmaci non causa dipendenza.
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente 454XXX

Gentile Dottor Ferraloro,

vedro di prendere un altro appuntamento con il mio psicoterapeuta, per parlarne di nuovo e magari a sto punto, seguire una cura farmacologica.

Cordiali Saluti.