Utente 471XXX
Salve a tutti, un giorno fa mi è capitato di sbattere abbastanza violentemente la parte superiore della nuca contro il lampadario di casa. Mentre mi apprestavo a correre per uscire in tutta fretta, ho effettuato un "saltino" e ho colpito il lampadario. Non ho avuto né perdita di coscienza, né vista doppia, né problemi a muovermi o a camminare, soltanto un forte dolore conseguente alla botta che si è risolto nel giro di due minuti. Ora in testa ho una sorta di piccolo bernoccolo, che se toccato con forte pressione mi provoca anche dolore, essendo gonfio. Essendo una persona ansiosa, la mia domanda è questa: è possibile che conseguentemente a questo trauma cranico, io abbia sviluppato danni o lesioni cerebrali irreversibili? Ve lo chiedo perchè si leggono cose inquietanti sul web ed alcuni utenti sostengono che anche la più piccola botta vada a distruggere un'area del cervello, inficiando per sempre la capacità intellettive.
Grazie in anticipo per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

si tranquillizzi, un trauma cranico contusivo senza perdita di coscienza non causa lesioni irreversibili e non distrugge aree cerebrali. Nel Suo caso poi l'assenza di sintomi (il dolore premendo sul "bernoccolo" è normale ed è esterno al cervello) è ancora più rassicurante.
Stia tranquillo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro