Utente 466XXX
Buongiorno dottori.
Sono un ragazzo di 22 che da un anno e mezzo soffre di ansia generalizzata e attacchi di panico.
Mi sono sottoposto a varie visite da colleghi psicologi e neurologi e in più ho fatto delle sedute di psicoterapia.
L’ansia va e viene ma la cosa che mi preoccupa è che da un po’ di tempo non riesco a deglutire. È come se avessi un blocco.
Mangiare è diventato un incubo, tendo ad allungare il collo in avanti durante la deglutizione e mi sudano le mani.
Questo problema si è manifestato per la prima volta diversi mesi fa per poi andare via e ripresentarsi da circa un mese.
La mia più grande paura è che possa essere la SLA o qualche altra malattia neurogenerativa.
Alcune volte sento stanchezza alle gambe e dolori al petto (una visita cardiologica accompagnata dai vari test ha escluso problemi cardiaci).
Dottori, voi cosa ne pensate?
Vi ringrazio anticipatamente per la vostra attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

lasci perdere la SLA, il sintomo non ha nulla a che vedere con la malattia che teme. Il disturbo che riferisce è di origine ansiosa, evidentemente le terapie finora praticate non si sono rivelate particolarmente efficaci, probabilmente serve una terapia di tipo farmacologico, effetui quindi una visita psichiatrica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 466XXX

Grazie mille dottore. A questo punto non so se proseguire la psicoterapia perché non sta dando i risultati sperati.
La sua risposta e le sue rassicurazioni mi hanno tolto un peso. La ringrazio davvero tanto.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'associazione della farmacoterapia e della psicoterapia può essere più efficace.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro