Utente 489XXX
Buongiorno dottori , volevo chiedere un vostro parere perche ho un problema che mi sta rovinando la vita , da circa un anno in seguito a una serie di eventi abbastanza traumatici per me , il mio ritmo sonno veglia è impazzito , vado a dormire dalle 4:00 alle 7:00 e mi sveglio tra le 13:00 e le 15:00 di pomeriggio , nell ultimo periodo arrivavo a dormire anche 15 ore al giorno , non riesco ad addormentarmi prima delle 1:00 e se riesco forzatamente attraverso farmaci ecc.. ad addormentarmi prima mi risveglio dopo un ora e finisco per vagare insonne per casa , e le poche volte che riesco dopo circa 1 ora a riprendere sonno , se mi alzo al mattino verso le 10:00 ho difficolta a rimanere sveglio e mi sento come ubriaco dal sonno , non riesco a fare niente , di mattina anche solo parlare diventa difficile , è come se La produzione di ormoni deputati al sonno delle ore serali fosse alterata e spostata al mattino, per me reipostare il mio orlogio biologico è impossibile. Per diversi motivi ho eseguito esami del sangue 6 volte nell ultimo anno , non ho nessun problema, tiroide ok , cortisolo ore 8 ok , prolattina leggeremente alta 18 (range 5/13) esami fegato ok non presento problemi e se seguo il mio ritmo bilogico posso fare di tutto e mi sento pieno di energie ( dormo comunque molto circa 10 ore) ma mi sveglio da solo senza usare 20 sveglie e sono pieno di energie e sereno , pero il lavoro e la mia vita sono fortemente condizionate da questo ritmo ho girato 1000 dottori psichiatri ecc. sono stato in cura con antidepressivi per DOC e ansia che hanno ulteriormente peggiorato i miei distirbi se mi sveglio la mattina mi sembra di essere drogato , ho nausea , non ho riflessi , mi si chiudono gli occhi e se anticipo il sonno faccio incubi vontinui almeno 4/5 per notte e mi sveglio piu stanco di quando sono andato a dormire , attualmente mi sta seguendo un neurologo che mia ha prescritto una RM CON LIQUIDO DI CONTRASTO dell ipofisi che avevo eseguito gia 4 anni fa ( premetto di non aver capito il motivo per eseguire nuovamente un esame del genere , ma il dottore mi ha detto che voleva vedere perche la prolattina era “alta “) e ELETTROENCEFALOGRAMMA ,
Mi consigliate di eseguire la RM ?
Quali dottori potri consultare per risolvere la mia situazione ? Internista ? Censtro disturbi del sonno? Ci sono altra analisi utili che possano aiutarmi a capire il perche di questo sballamento del ritmo sonno veglia ?

Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

ritengo che l’opzione più razionale sia rivolgersi ad un centro di medicina del sonno dove potrà approfondire il Suo problema mediante esami diagnostici mirati, per es. una polisonnografia con lo studio dell’architettura del sonno ed eventuali altri esami che i colleghi riterranno opportuno richiedere.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 489XXX

La ringrazio per la risposta , ultimamente sono un po preoccupato , capisco i limiti di un consulto a distanza , ma in linea generale un disturbo del sonno come il mio puo dipendere da patologie cerebrali serie(tumore...) ?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

statisticamente la stragrande maggioranza di questi disturbi non è legata a tumori cerebrali, stia sereno e segua il consiglio che Le ho dato precedentemente.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 489XXX

La ringrazio molto della risposta , volevo chiederele un ultima cosa , da anni oramai soffro di gastrite eritematosa e MRGE cronico ( accertati da gastroscopia e esami vari ) quando per necessita sono costretto al alzarmi presto a causa del mio disturbo per il quale vado a dormire tardi dormo poco ( dalle 2 alle 4 ore) e mi sveglio con un forte “buco” di stomaco e inappetenza che scompaiono gradualmente dopo pranzo , premetto che nell ultimo periodo sto curando poco la dieta e spesso non eseguo correttamente la cura prescritta dal dottore .
Volevo chiederle se il dormire poco e male possa peggiorare i miei disturbi di stomaco , che solitamente non mi danno grossi problemi ma che quando dormo poco diventano quasi invalidanti causandomi spossatezza, inappetenza quasi totale e forte dolore , la privazione di sonno puo peggiorare notevolmente i miei fastidi?

Grazie in anticipo

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

teoricamente è possibile, poi varia da un soggetto all’altro, come è soprattutto possibile l’opposto, cioè che i disturbi digestivi possono influire negativamente sul sonno.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 489XXX

Grazie mille dottore nella domanda precedente mi sono scordato di chiederle un ultima cosa nell ultima settimana mi sta succedendo una cosa strana , cioè che soprattutto durante la notte o appena svegliato sento la pelle caldissima , mi sembra di avere la pelle bollente ma non ho la febbre e durante il giorno la cosa permane anche se in maniera piu lieve , potrebbe essere lo stress? O il caldo ( anche se negli anni passati non ho mai avuto questo problema)

Grazie in anticipo

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

potrebbe essere anche un sintomo ansioso, almeno a livello di ipotesi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 489XXX

Dottore volevo aggoirnarla su un problema che mi sta affliggendo negli ultimi giorni , sono circa 5 giorni che accuso uno strano mal di testa , molto leggero che mi permette di fare tutto , che è come una pressione sulle tempie e nella parte superiore della testa ( come se avessi qualcosa che mi comprime la testa ) che pero non accenna a migliorare con i farmaci , premetto che prima di questo mal di testa ho preso una botta abbastanza forte alla testa , mi consiglia di rivolgermi al pronto soccorso ?

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se ha avuto un trauma cranico la cefalea conseguente è normale che si manifesti, peraltro la sua lieve entità è un elemento rassicurante. La non risposta agli antidolorifici non la vedrei nemmeno come motivo di preoccupazione in quanto questo evenienza non è rara a verificarsi, soprattutto se si è sovrapposta una comune cefalea tensiva.
Se il problema dovesse persistere si rivolga al medico curante, se invece dovesse accentuarsi e trasformarsi in un dolore importante si rechi al P.S.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 489XXX

Dottore scusi se la disturbo ancora, oggi mi sono recato al ps perche il mal di testa non migliorava e mi hanno sottoposto a Tac encefalo , analisi del sangue e rx cervicale , dagli esami non è stato evidenziato nulla e il dottore che mi ha visitato ha confermato la sua ipotesi di lieve trauma cranico, volevo chiederle una cosa , avendo eseguito la tac , è ancora necessario eseguire la rm con liquido di contrasto dell ipofisi che mi aveva prescritto il neurologo ( o pensa che sia meglio rimandare per non espormi ad altre radiazioni) ?
Pensa che possa stare tranquillo?
Intanto aspetto anche gli esiti dell eeg

Grazie ancora

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se è stata prescritta una RM con mezzo di contrasto per lo studio dell'ipofisi la può effettuare ugualmente in quanto la RM è priva di radiazioni.
Inoltre per uno studio approfondito della regione ipofisaria non è la TC l’esame di prima scelta ma la RM.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro