Utente 464XXX
Slave dottori,
Sono una ragazza di 28 anni. Soffro di emicrania da quando ho avuto il primo ciclo. Dopo varie terapie seguite in maniera incostante negli anni mi sono decisa a prendere sul serio il problema, dal momento che la mia emicrania si è cronicizzata. Ho appena iniziato una profilassi con laroxyl e triptani per trattare gli attacchi. Devo iniziare ad assumere laroxyl gradualmente, i primi due giorni 3 gocce la sera, poi 5 gocce per una settimana, dalla seconda settimana 3 gocce mattina, 3 pomeriggio e 3 sera. Dalla terza settimana dovrei stabilizzarmi alla dose di 4 gocce mattina, 4 pomeriggio e 6 la sera.
Ho iniziato da soli due giorni: due sere fa ho preso le prime 3 gocce, e ieri sera altre 3. Ho notato che poco dopo l’assunzione, ieri sera, ho iniziato a sentirmi stordita e ad avvertire una leggera nausea, concomitante, paradossalmente, con fame nervosa. È possibile che questi sintomi siano riconducibili all’assunzione del farmaco nonostante le basse dosi? Devo farlo presente al mio neurologo o posso tranquillamente continuare la terapia fino all’assunzione massima (14 gcc al giorno)? Mi è inoltre capitato di dover prendere il triptano (frovatriptan) e avvertire una strana oppressione al torace, come se avessi un peso sopra. Non so, sono tutti sintomi che non ho mai avuto, sono sempre parte della profilassi che sto seguendo?
Grazie per l’attemozione.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il senso di stordimento e la nausea possono essere effetti collaterali del laroxyl, se sono lievi continui la terapia, dovrebbero regredire col suo prosieguo, se invece sono importanti avverta il neurologo che potrebbe provvedere alla sostituzione del farmaco in quanto come prevenzione dell’emicrania ne esistono diversi.
Il senso di oppressione toracica, invece, è un tipico effetto indesiderato dei triptani, anche questo, se di entità notevole, lo riferisca al collega.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 464XXX

Grazie della sollecita risposta.
Continuerò la terapia fino al raggiungimento della dose massima prescrittami, prima di ricontattare il neurologo di riferimento. Per curiosità, quali sono le alternative al laroxyl per la profilassi dell’emicrania? Io ho fatto 6 mesi di topamax con effetti collaterali devastanti (Perdita importante della memoria, dimagrimento notevole, mancanza di lucidità..) Non vorrei che in mancanza di efficacia del laroxyl il topiramato sia l’unica alternativa.
Grazie per la sua attenzione
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

no, il topiramato non è l’unica alternativa all'amitriptilina, nella profilassi dell’emicrania sono utilizzati con successo anche alcuni calcioantagonisti, i betabloccanti e altri antiepilettici.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro