Utente 483XXX
Gentili dottori, vorrei chiedere se con una visita neurologica ed una rm del rachide cervicale (fatta x dolori al collo) é possibile riscontrare anomalie che possano far sospettare la sclerosi multipla, perché avendo fatto entrambi e risultati nella norma il neurologo mi ha detto che nn ce bisogno di fare quella all'encefalo.
Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la RM cervicale quando mette in evidenza lesioni demielinizzanti può fare sospettare una RM, ma l’esito negativo della RM non la esclude.
Già è un’ottima notizia la visita neurologica negativa.
A questo punto diventa importante conoscere la sintomatologia.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 483XXX

Gentile dott. Ferraloro innanzitutto grazie x la risposta, la mia sintomatologia comprende debolezza muscolare, cefalea, dolori vari specialmente agli arti e alla schiena, formicolii e fascicolazioni ma che nn durano molto, ed è x questi sintomi che ho fatto alcune indagini e come ho scritto precedentemente, oltre alla visita neurologica ho eseguito rm cervicale dove mi é stata diagnosticata una protusione discale c5 c6 che impronta lievemente lo spazio sub-aracnoideo anteriore. In seguito ho eseguito anche rm lombo-sacrale e qui la situazuone é un po più complessa, queste sono le anomalie: ridotta la fisiologica lordosi lombare, segni di artrosi interapofisaia espressi da ipertrofia dei massicci articolari e da introflessione dei legamenti gialli, discopatia degenerativa l4-l5 ed l5-s1 espressa da riduzione di spessore e da attenuazione della normale attività di segnale, nelle sequenze a TR lungo x disidratazione del nucleo polposo. A livello l4-l5 protusione ad ampio raggio del disco intersomatico con focalitá in sede extraforaminale sx che potrebbe determinare conflitto con la radice nervosa l5 omolaterale.
A livello l5-s1 modesta convessitá posteriore ad ampio raggio del disco intersomatico con lieve impronta sul sacco durale e minimo impegno intraforaminale bilaterale.
Secondo lei possono questi referti giustificare i miei sintomi?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è necessario visionare direttamente le immagini dell’esame per dare un parere attendibile, teoricamente comunque è possibile.
Se la durata di alcuni sintomi è breve, come Lei stesso scrive, l’ipotesi SM è poco probabile.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 483XXX

La ringrazio Dottore, é stato gentilissimo e disponibile, una buona giornata

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona giornata anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 483XXX

Dott. Ferraloro, proprio ieri sono andato a fare una visita da un secondo neurologo, il quale mi ha sottoposto ad una attenta visita viste le mie paure riguardo malattie neurodegenerative quali sla e sm, nn ha riscontrato assolutamente nulla e scherzando mi ha detto che allo stato attuale ha più probabilità lui di diventare presidente della Repubblica che io di ammalarmi. Ma allora é possibile che queste fascicolazioni, formicolii ed altri sintomi siano solo dovuti ad uno stato ansioso?

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

certamente, anzi questi sintomi riconoscono frequentemente una causa ansiosa.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro