Utente 448XXX
Buongiorno, cercherò di essere più chiara possibile. Ad ottobre 2017, ho iniziato a sentire un senso di tiramento del muscolo sternocleido sinistro abbastanza fastidioso, successivamente scomparso in gennaio. Qualche mese più tardi, a seguito di un’influenza, è ritornato questo fastidio al collo con una sensazione di avere un qualcosa sulla lingua parte sx. Specifico meglio: a metà della parte sx della lingua, la sensazione è come una pellicina rialzata. Stesso fastidio come se avessi una briciola, a livello sotto la tonsilla sx. Mi sono recata alla prima visita otorino e dice che non c’è nulla a parte un po’ di reflusso. Analisi del sangue ok, tampone faringeo ok, ecografia collo solo dei linfonodi reattivi. Passano i mesi e avverto ogni giorno questo tipo di fastidio, delle volte più acuto delle altre insieme alla sensazione di tiramento del muscolo e anche intorpidimento della guancia/mascella sx fino allo zigomo. Eseguo la laringoscopia ed è tutto ok e mi indirizzano ad un dentista. Dopo approfondite visite odontoiatriche mi hanno indirizzato da un neurologo dicendomi che secondo loro potrebbe essere un dolore facciale idiopatico. In attesa di vedere un neurologo, e dato che non ho mai considerato che potesse essere un problema di origine neurologica, mi sono letta un po’ di roba. Possono anche essere sintomi legati anqualcosa di più grave come sclerosi multipla? O in questi mesi, avrei avuto ulteriori sintomi?
In attesa di una risposta, porgo Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Paziente,
nel suo resoconto anamnestico sono tirati in ballo un nervo cranico (trigemino) ed uno spinale (accessorio) responsabili dell'innervazione della lingua, della faccia e dello sterno-cleido-mastoideo, il che rende alquanto problematico formulare delle ipotesi diagnostiche senza un reale riscontro clinico. Orientativamente, per escludere un coinvolgimento di questi nervi. le suggerirei di effettuare una RM-encefalo ed una del rachide cervicale. Sulla scorta di questi elementi, sarà più agevole per il Neurologo poter orientare l'indirizzo diagnostico.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 448XXX

Gentile Dottore, la ringrazio per la sua risposta. A giudicare dal suo consiglio, mi sembra che il problema possa essere tutt’altro che banale. Considerando che sono mesi e mesi che ce l ho, se fosse stato qualcosa di grave, come ad esempio la sm, non sarebbe peggiorata invece da rimanere sempre uguale? E senza mai passare.

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Non sono sintomi tipici della SM, sia tranquilla
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it