Utente 226XXX
Buongiorno vorrei porvi qualche domanda, soffro parecchio di mal di testa soprattutto alla mia SX, alcuni medici mi hanno fatto fare la rsm ed è uscito conflitto al trigemino, fatto esaminare il tutto a neurochirurgo del besta a milano il quale dice che l'arteria è troppo piccola per poter dare fastidio,il mese prima sono stata in visita in humanitas a Rozzano e mi hanno detto che se con i farmaci non mi passava entro un mese mi sarei dovuta operare.io sono molto spaventata a chi credere?nel frattempo il mio medico di base mi chiede di fare EEG ,ne ho fatte due a distanza di alcuni mesi, la prima dice disturbata da artefatti di origine extra cerebrali(muscolo,movimento oculari) sulle regioni posteriori è presente un ritmo di fondo in banda alfa a 10Hz,nelle derivazione centro frontale di DX,il tracciato si presenta più instabile e ipovoltato,dalla banda del theta. Il secondo fatto 5mesi dopo 23/10/2018 cita così: abbondanti artefatti da movimenti oculari.tali limiti tracciato caratterizzato da attività di fondo alfa a 9Hz,simmetrica,abbastanza regolare in frequenza, regolare in distribuzione, modulata in fusi,reagente all'apertura occhi.Saltuarie anomalie temporali SX ,cosa devo concludere da tutto ciò, sospettano per caso sia epilessia? Io prendo questi farmaci (eutirox da 125 non ho più la tiroide,efexor da75 enalapril5mg liryca da50)possono questi farmaci interferire col problema che ho?soffro anche di fibromialgia!!!!! Spero in una risposta grazie

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
L'eventuale conflitto neurovascolare non mi pare possa creare alterazioni elettroencefalografiche. In ogni caso trasferisco la Sua domanda in Neurologia.
Inoltre il conflitto NV crea sintomi tipici che non mi pare ci siano, altrimenti li avrebbe descritti.
Mi sembra strano che Le abbiano proposto l'intervento soltanto per il mal di testa.
Forse un controllo presso un Centro Cefalee è più indicato.
Sentiamo i colleghi neurologi.

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l’esito dell’EEG è aspecifico, nel senso che non indica particolari condizioni patologiche, è un tracciato che spesso troviamo anche in soggetti "normali".
Concordo con lo stimato Collega Dr. Migliaccio che Lei non abbia sintomi che possano far pensare un conflitto neuro-vascolare, anche se effettivamente è stato riscontrato alla RM encefalica.
Sospettano un'epilessia? Ma per sospettare un’epilessia sono necessari sintomi epilettici o presunti tali che Lei non descrive.
È pure poco chiaro perché è stato richiesto l’esame, per la cefalea infatti non ha valore diagnostico.
Effettui una visita neurologica presso un collega esperto in cefalee o presso un centro cefalee come consigliato anche dal Collega Dr. Migliaccio.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#3] dopo  
Utente 226XXX

Grazie per il vostro interessamento. In effetti ho tralasciato di dire che ho avuto episodi di"assenze" seguite da allucinazioni delle quali finito l'effetto non mi ricordo nulla, definite dal mio medico episodi comiziali. Per questo mi è stato prescritto l' EEG.

[#4] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Bene, adesso si capisce perché è stato prescritto l’EEG il cui esito tuttavia non è indicativo di manifestazioni elettriche specifiche di tipo epilettico, questo comunque non esclude la possibilità che le crisi comiziali sospettate dal medico curante siano tali in quanto non è raro riscontrare un tracciato senza evidenti segni irritativi specifici nei periodi intercritici, cioè tra un episodio e l’altro.
Utile potrebbe essere un EEG registrato per 24 ore.
Ne parli col neurologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro