Utente 512XXX
Gentili dottori,
circa un mese e mezzo fa ho effettuato una visita neurologica per via di un dolore alla gamba destra che mi ha lasciato una conseguente debolezza (adesso passata). Il neurologo ha constatato dei ROT vivaci e masseterino vivace, ma reputava che il mio fosse un problema alla colonna e mi ha prescritto una RX della colonna per intero. Dalla radiografia si evince una lieve scoliosi e un sollevamento craniale di 0,6 cm dell'emibacino dx, con un restringimento a livello del metamero L5-S1. Effettuando una risonanza lombo-sacrale, poiché il medico curante sospettava una discopatia, essa è risultata completamente negativa.
Nel frattempo sono sorti sintomi vari: sensazione di spilli sparsi, non costanti ma in differenti parti del corpo, scossette elettriche non frequenti, dolorini sparsi, vibrazioni interne (a volte sembra la vibrazione di un cellulare) specialmente sotto i piedi e alle gambe, ogni tanto sensazione di rigidità in particolar modo alle dita delle mani (specie la destra), dita che a volte si muovono da sole (in particolare i pollici), spasmi misti tra fascicolazioni e miochimie non dolorosi e in posti variabili, a volte debolezza al braccio destro (difficoltà a stringere il pugno) ma soltanto momentanea, sensazioni di calore o di freddo in parti del corpo casuali che durano poco, a volte formicolii.
Il mio medico di famiglia sostiene sia tutto dovuto a carenza di B12 e vitamina D (molto bassa a 10,75), quindi le sto integrando, la prima da un mese e mezzo e l'altra da circa due settimane. Lui ritiene di non fare altri accertamenti.
Vi scrivo adesso perché ho dei tremori che non mi convincono, in particolare alle mani e al viso. In certi momenti le mani tremano vistosamente, senza che abbia fatto alcuno sforzo, inoltre ho notato dei tremori alle palpebre specialmente quando sono chiuse (a volte anche da aperte) e, quando contraggo il viso come per stringere gli occhi, tremano anche le guance e le sopracciglia in modo vistoso. Ho visto anche che sia lingua che bocca tremano, non riesco a capire se la lingua abbia delle fascicolazioni ma di certo le labbra tremano quando apro la bocca. Il mio collo, inoltre, non si muove in modo fluido, ma "a scatti".
L'altro giorno ho notato anche che, quando mi avvicino a fonti di calore quali per esempio una stufa, il mio braccio destro in particolare è come se si rammollisse, non stringo bene il pugno. Sintomo che scompare immediatamente appena mi allontano dal calore.

Ammetto di essere fortemente spaventata da un'eventuale SLA, in particolare il tremore alla lingua mi ha terrorizzata, seppur oggettivamente credo che i sintomi sembrerebbero più tipici, invece, di altre patologie neurologiche. Pensate che debba proseguire nel fare ulteriori esami, alla luce di quanto scritto?
Mi scuso per essermi dilungata molto, ma ho ritenuto che descrivere minuziosamente i miei sintomi potesse esservi utile.
Vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

se la visita neurologica è stata effettuata precedentemente all'insorgere della sintomatologia riferita è corretto ripeterla, tuttavia mi sembra che i vari sintomi da Lei descritti abbiano una durata breve e che non siano continuativi, questo è positivo.
Riguardo il tremore, se si manifesta solo in seguito a tensione muscolare causata da particolari movimenti non penso sia una cosa preoccupante ma in ogni caso deve essere valutata direttamente.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 512XXX

Sì, i sintomi fluttuano sia come durata che come zona corporea e non impediscono le mie normali attività, sono pure abbastanza certa che ci sia una componente ansiosa perché i sintomi sembrano accentuarsi quando ci penso e anche perché prima della visita neurologica, a parte il dolore e la debolezza alla gamba, non ho notato particolari anomalie.
Lei mi consiglia quindi, nei limiti di un consulto online, di effettuare un'altra visita neurologica e non, per esempio, una risonanza all'encefalo per eliminare eventuali dubbi?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l’eventuale RM la richiederà il neurologo se ne vedesse l’opportunità, nulla vieta però di effettuarla prima per tranquillizzarsi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 512XXX

Grazie mille dottore, è stato gentilissimo. Le auguro buona serata.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona serata anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 512XXX

Egregio Dottore,
sperando di non approfittare troppo della sua gentilezza, vorrei aggiornarla sulla situazione: circa un paio di settimane fa, ho effettuato una risonanza senza e con mezzo di contrasto a cervello e tronco encefalico, che sembrerebbe completamente negativa: "In conclusione l'esame RM permette di escludere la presenza di processi espansivi endocranici o lesioni focali e può essere considerato nei limiti della norma."
Ammetto che alcuni sintomi adesso sembrano essersi attenuati, o forse sono io a non darci più troppo peso. Tuttavia, anche prima della risonanza ho notato che a volte, starnutendo, provo una scossa elettrica alla mano destra. Mi è successo solo 3-4 volte, ma quando capita la sensazione è forte, seppur non dolorosa, e la provo solo alla mano destra. La prima volta mi è sembrata una sorta di "esplosione" interna, non capivo cosa fosse accaduto. Le altre volte, invece, ho chiarito che fosse una vera e propria scossa.
Da cosa potrebbe essere provocato? Dovrei fare altre indagini?

Cordiali saluti

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

probabilmente può esser una vigorosa contrazione muscolare, all'atto dello starnutire, che causa una compressione su un nervo periferico, ovviamente è solo un'ipotesi a distanza, senza alcuna pretesa di spiegazione del meccanismo patogenetico.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 512XXX

Sembrerebbe nulla di preoccupante, quindi. Grazie ancora, dottore, le auguro buona serata.