Utente 514XXX
Buongiorno cari dottori,
Io soffro da sempre di mal di testa, ma sono due mesi che soffro quotidianamente di mal di un mal di testa diverso, non del tutto invalidante, ma molto fastidioso, che mi sta causando fastidi a livello di stile di vita. E' localizzato sopra la testa (leggermente più indietro dell'attaccatura dei capelli) e sulla zona della nuca. Spesso, anche se non ho dolore, avverto un senso di pressione alla testa, come se qualcuno mi stesse schiacciado il cranio, e un forte senso di tensione mandibolare.
E' iniziato tutto con l'infiammazione della gengiva di un dente del giudizio che era già uscito, e che è stato abbastanza difficile da estrarre, ma anche conseguentemente all'estrazione del dente i dolori sono rimasti. Sto attualmente usando un bite superiore da circa un mese e mezzo.
Nel corso di questi due mesi ho: effettuato una RM cervicale che è risultata praticamente negativa e l'ortopedico ha prescritto fisioterapia e kinesioterapia. Una visita Neurologica (19-12-18) effettuata un mese fa ha dato esito negativo e mi sono stati prescritti Alprazolam (5 gocce la mattina e 15 la sera) e Daparox (mezza compressa da 20 la mattina). La dottoressa era una Neurologa, ora in pensione, molto stimata della mia zona. Mi ha prescritto tale terapia anche in vista della familiarità di mal di testa e periodo stressante.
Una visita psichiatrica, presso il centro dove anche un anno fa ero stata in terapia, due settimane dopo la visita neurologica (2-12-18) dove il dottore non ha modificato la cura. Ora sono quattro settimane che sto proseguendo con mezza compressa di paroxetina e le gocce nello stesso dosaggio, ma il mal di testa, pur essendosi calmato, persiste ancora quasi quotidianamente, quando più, quando meno. Alterno momenti della giornata in cui sto bene e altri in cui torna. Ci sono giorni in cui è sopportabile, altri in cui devi prendere antiinfiammatori che non risolvono completamente il problema. E' un dolore "variabile". A volte sono scosse, altre bruciore, altre freddo, altre "solletico" altre volte senso di pressione. Con gli psicofarmaci si placa, ma sono stordita.
Ho ricontattato la mia neurologa qualche giorno fa che, senza troppa urgenza, mi ha consigliato di effettuare una RM encefalo. Nel corso di questi due mesi mi sono anche recata da un otorinolaringoiatra molto esperto nella mia zona, che mi ha prescritto una TC per eventuale problemi legati alla sinusite, poichè ho setti nasale deviato e problemi di sinusite sin da piccola.
Detto ciò, mio padre è medico e mia madre farmacista. So che molto probabilmente non si tratta di nulla di grave, e loro me lo fanno notare, anche in seguito di analisi del sangue buone (solo un po' di anemia che sto già integrando da un mese) a causa forse di ovaio multifollicolare e perdite molto abbondanti, ma io continuo a provare e dolore e tutti mi danno dell'ipocondriaca e basta. Quattro settimane della terapia che sto seguendo potrebbero essere ancora poche per riscontrare miglioramenti?

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la sintomatologia che descrive è assimilabile ad una cefalea tensiva, nulla di grave come Lei certamente sa.
Quattro settimane sono sufficienti per vedere un miglioramento, miglioramento che mi pare ci sia stato anche se il disturbo non è regredito del tutto.
Consideri che non tutti i farmaci che si utilizzano in questi casi hanno lo stesso effetto su tutti i soggetti, la reazione a qualsiasi terapia è individuale.
Contatti nuovamente la neurologa e riferisca la parziale efficacia della cura, la Collega troverà, se lo riterrà opportuno, soluzioni idonee alternative.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 514XXX

Grazie mille dottore,
Per ora sono in cura presso uno psichiatra dello stesso team della mia terapeuta che mi segue da anni. Già è previsto l'incremento a 20mg di daparox, poiché la dose che sto assumendo è al di sotto di quella terapeutica. Eventualmente valuterò con lui variazioni terapeutiche e/o accertamenti se i sintomi non dovessero sparire del tutto.
Una forte componente è senza dubbio di origine ansiosa, vista la forte familiarità e alcuni traumi che ho dovuto affrontare. A dimostrazione di questo il fatto di aver chiesto un consulto poco dopo essermi ricordata di aver dimenticato di prendere la paroxetina stamane. Dopo averla presa avevo molto meno dolore. Immagino, poi, che la sintomatologia, come i relativi effetti positivi e collaterali dei farmaci, varino molto da persona a persona, però i sintomi sono così generalizzati a volte, nel mio caso, da favorire il pensiero ipocondriaco. Detto questo la ringrazio di nuovo per il sostegno, molto importante per me, in questi momenti difficili.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

bene, si faccia seguire dai medici che ormai conoscono il Suo caso e stia tranquilla.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 514XXX

Grazie ancora

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 514XXX

Gentile dott. Ferrarolo,
sono in attesa di una visita presso un centro cefalee. Attesa molto snervante di un mese. Nel frattempo sono in cura presso la mia psicoterapeuta e lo psichiatra. Entrambi hanno affermato che i sintomi svaniranno a breve e lo psichiatra ha detto che potrebbe anche trattarsi di emicrania e che ho fatto bene a prenotare una visita al centro di neurologia. Attualmente, infatti, ho episodi di emicrania durante il ciclo mestruale, ma ho anche un mal di testa "diverso" e nuovo in contemporanea, insorto dopo l'estrazione del dente dl giudizio per forte infiammazione curata con antibiotico sotto consiglio del mio dentista perchè si stava gonfiando un linfonodo. Il dente era già uscito, ma piegato e parzialmente coperto dalla gengiva.
Il mio mal di testa è un dolore a intermittenza e sordo, localizzato sempre all'apice della testa e alla nuca sulla destra, indipendente dal movimento, e che non passa del tutto con gli antidolorifici o fans. Mi capita di vedere dei piccoli puntini neri (come quelli che si vedono dopo aver fissato una luce) che scompaiono nel giro di pochi secondi, anche ad occhi chiusi. Ho anche orecchie con catarro e dolore alla mandibola. Potrebbe essere tutto causato da una sinusite non ben curata e ansia?
Grazie infinite di nuovo

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

una sinusite con dolore nucale è da escludere, potrebbe anche esserci un’origine odontoiatrica, ne ha parlato col dentista?
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 514XXX

Grazie mille per la risposta,
il dentista ha controllato il foro del dente che sembra molto ben cicatrizzato, però la mandibola mi fa male e ogni volta che la apro sento uno scricchiolio interno all'orecchio che mi fa male. Lo specialista in questione sarebbe uno gnatologo o un qualsiasi dentista?
Grazie

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
La figura di riferimento per problemi all’ATM è lo gnatologo o un dentista che si occupi di gnatologia.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 514XXX

grazie mille dottore,
questa mattina misono recata dal medico di base che mi ha prescritto una RM encefalo e massiccio facciale che ho appena eseguito e avrò i risultati martedì. Oggi ho un attacco di mal di testa che non mi sta passando con tachipirina 1000, localizzato sempre in alto sulla testa e 37,3 di febbre, anche dopo tachipirina. La dottoressa mi ha prescritto Homer e Bentelan per sospetta sinusite. Ho tantissima paura. Quante probabilità ci sono che si tratti di qualcosa di grave?

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non si faccia prendere dall’ansia, probabilmente non c’è nulla di grave.
Mi faccia sapere l’esito della RM encefalica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 514XXX

Grazie mille dottore,
le farò sapere

A presto

[#13] dopo  
Utente 514XXX

Buonasera dottore,
Rm encefalo, come prevedibile, è risultata totalmente negativa. Il mio corpo si sta gradualmente adattando all'aumentata dose della paroxetina e il mal di testa è sparito totalmente da una settimana e mi sembra di essere tornata sulla terraferma dopo mesi in mezzo alla tempesta. Se qualche paziente ipocondriaco dovesse capitare qui, vorrei dire che il primo passo per stare meglio è riconoscersi come ipocondriaci e capire che il sintomo è lì per dirci qualcosa di noi. Un conto è avere una malattia grave, un altro è averne paura.
Saluti e grazie di nuovo

[#14] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

sinceramente mi aspettavo l'esito negativo della RM encefalica. Mi fa piacere che stia meglio e che stia curando il disturbo ansioso con ottimi risultati.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro