Utente 505XXX
Gentili dottori,

Ho 27 anni e sono tutto sommato in salute.

Vorrei chiedervi un consulto riguardo ad uno strano mal di testa.

Sabato sera mi sono chinato per raccogliere delle cose da terra, e con la testa china il mio collo premeva contro il colletto rigido del giaccone, circa a metà della trachea. La pressione non mi sembrava troppo elevata, né troppo fastidiosa, e sarà durata circa un minuto.

Dopo essermi rialzato però mi è venuto un mal di testa medio-forte, ma ancora sopportabile. Inizialmente ha colpito la tempia destra, l'occhio destro e dopo un paio d'ore (o poco più) si è spostato sopra l'occhio sinistro e la tempia sinistra, rimanendo infine sulla tempia sinistra. Dopo meno di 24 ore si è alleviato progressivamente ed è scomparso.
Non ho avuto altri sintomi.

Premetto che 3 settimane fa ho subito un lieve colpo di frusta, non ancora passato del tutto. Il mal di testa potrebbe quindi essere dovuto a questo, forse.
La mia paura, però, è che possa essermi procurato una danno cerebrale (per ischemia/trombosi?). E' un timore ingiustificato? Dovevo comunque evitare la pressione sul collo?

Vi ringrazio anticipatamente e chiedo scusa per il quesito (spero) banale.

Buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
il timore di essersi procurato un danno per una costrizione dei vasi del collo, senza alcuna alterazione dello stato di coscienza immediatamente susseguente, è del tutto ingiustificato. Un elemento però va tenuto sotto controllo ed è rappresentato dal fatto che la posizione reclina del capo le abbia causato un'immediata cefalea. Nel caso infatti detta fenomenologia tenda a ripresentarsi, può essere opportuno contattare un neurologo.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 505XXX

Gentile Dott. Colangelo,

La ringrazio per la risposta.

Purtroppo questa sera il problema si è ripresentato, anche se in forma più lieve.

Ancora una volta, avevo la testa chinata in avanti, e involontariamente facevo pressione con il collo sul colletto del giaccone. Questa volta sono rimasto solo pochi secondi in quella posizione, ma subito dopo si è ripresentato il mal di testa. Rispetto all'altra volta, il mal di testa era meno forte, direi leggero-moderato, e più concentrato sulla fronte, meno sulle tempie.

Anche la durata è stata inferiore, dopo 4/5 ore già
sta passando.

Al momento sono un po' preoccupato, perché leggendo sul web sembra che possa anche trattarsi di mini-ictus, o TIA.
E sebbene non abbia avuto altri sintomi, pare che un mini-ictus possa presentarsi anche come semplice mal di testa.

E' vero che sono giovane e non fumatore, ma sono anche stressato e con una vita molto sedentaria.
Un ultima cosa, che mi allarma abbastanza: questo mal di testa non si presenta mai quando rimango con la testa china senza però avere pressione sul collo.

Mi piacerebbe molto avere un suo parere in merito.

La ringrazio per l'aiuto, e le auguro una buona giornata,

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Il mio suggerimento, per dissipare ogni sorta di dubbio, è che lei esegua una Risonanza magnetica che valuti particolarmente il tratto di transizione cranio-vertebrale.
Cordiali saluti
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it