x

x

Il 18/4 sono andata in pronto soccorso

ila notte del 18 aprile verso le 5 mi sono svegliata con un fortissimo mal di testa sul retro nella parte sinistra della nuca occhio orecchio e metà naso solo a sinistra.
Da allora non è più passato migliora verso le 6 di sera mi lascia dormire per poi tornare verso mattina.
Il 18/4 sono andata in pronto soccorso, mi hanno dato del rachideo che praticamente non è servito a nulla Mi hanno fatto esami del sangue, Tac, visita neurologica e Visita d ll’otorino Secondo loro tuttto a posto e quindi mi dimettono con diagnosi di emicrania muscolo te si va e con terapia di tachidol che non ha funzionato. Il medico di base mi prescrive iniezioni di voltare e muscoli L. Di nuovo nessun effetto. Passiamo al rachicaf è un altro miorilassante. Nessun effetto. Torno al ps mi fanno tre diverse flebo di antidolorifici tra toradol Tachipirina e passa lievemente. Intanto prendo anche xanax 5 gocce al mattino e 5 alla sera senza alcun beneficio. Faccio una nuova visita neurologica e fortunatamente tutto è a posto. Secondo l’odontoiatra di mia figlia potrebbe essere causato dal morso incrociato . Ma è possibile che sia apparso così all’improvviso? Ora devo fare una risonanza con metodo di contrasto dopodomani. Sono un po’ preoccupata ma sopratutto non cè la faccio più ad avere sempre questo dolore che non passa con nulla. Sono anche stata per tre sedute da un agopuntore che mi ha detto chef più di così non può fare e sto facendo delle sedute da un osteopata. a volte l’ore sinistro si tappa ma l’otorino dice che ho una membrana perfetta da manuale. Spero in un vostro aiutò. Grazie
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 71.5k 2.2k 23
Gentile Signora,

un problema odontoiatrico in generale, e particolarmente dell’articolazione temporo-mandibolare può essere presa in considerazione, si rivolga ad uno gnatologo per avere un parere specialistico diretto. Anche il tapparsi dell’orecchio, considerato che è sempre il sinistro, potrebbe avere la stessa origine.
Le ricordo che siamo solo a livello di ipotesi a distanza.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio molto per la risposta
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 71.5k 2.2k 23
Di nulla.

Buona serata
[#4]
dopo
Utente
Utente
Volevo chiedere ancora una cosa. Domani devo fare la Rm con contrasto e sono un soggetto allergico alle graminacee e vari tipi di polline con reazione rinite. Mi hanno dato la preparazione ma mi sembra eccessiva 50 mg di cortisone 13 ore prima 50 7 ore prima e 50:1 ora prima + antistaminico e ranitidina. Mi sembra veramente tanto altre strutture danno solo 25 g di cortisone boh non so che fare
Grazie
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 71.5k 2.2k 23
Gentile Signora,

ci sono protocolli diversi, evidentemente questo ambulatorio utilizza questi dosaggi, Lei si attenga a quanto previsto da questo ambulatorio radiologico anche perché la faranno firmare per dichiarare che ha seguito correttamente la prescrizione fornita.

Cordialmente
[#6]
dopo
Utente
Utente
Buon giorno oggi ho ritirato l’esito della Rm che poi mi hanno fatto senza contrasto. Nell’insieme tutto bene ci sono solo di frasi che non capisco mi può aiutare?
Prima: Pare riconoscersi la presenza di alterazioni del segnale a carico dell’apice della Rocca pietrosa di destra, di aspetto iperintenso nelle sequenze Tr lunghe, meritevole di ulteriore approfondimento mediante Tc mirata .
Seconda: Le sequenze specifiche per lo studio delle regioni degli angoli ponto-cerebellari mettono in evidenza uno stretto rapporto di contiguità tra alcune sottili strutture vascolari ed il tratto intercisternale d l V nervo cranico di sx e del complesso VII-VIII nervo cranico omolaterale a livello della cisterna ed all’interno del condotto uditivo interno, da correlare con i precisi dati clinico-anamnestici .
La ringrazio anticipatamente per la sua gentile risposta.
Domani mattina comunque andrò dal mio medico curante.
[#7]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 71.5k 2.2k 23
Gentile Signora,

a parte l'alterazione del segnale a livello dell'apice della rocca petrosa che deve approfondire come Le hanno consigliato, i conflitti neurovascolari possono teoricamente causare la sintomatologia riferita. Per conflitto neurovascolare s’intende una condizione in cui un nervo e dei vasi sono tra loro in contatto, potendo determinare questo contatto un problema al nervo che poi si traduce in sintomi ben precisi.
Ovviamente deve fare visionare le immagini dell’esame ad un neurologo per avere un parere diretto e valutare un’eventuale correlazione con i sintomi riferiti.

Cordialità
[#8]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la sua gentile risposta questa mattina vado dal medico e mi faccio prescrivere la tac è una visita da un neurochirurgo.

L'emicrania è una delle forme più diffuse di cefalea primaria, può essere con aura o senz'aura. Sintomi, cause e caratteristiche delle emicranie.

Leggi tutto