Utente
Salve

Sono un ragazzo di 34 anni.
Una settimana fa durante un rapporto sessuale ho avuto un mal di testa esplosivo precisamente all interno degli occhi molto intenso della durata di alcuni minuti.
Data la particolarità dell episodio mi sono fin da subito preoccupato e considerato che seppur non intenso il dolore sembrava persistere continuando ad avvertire bruciore agli occhi mi sono recato da un neurologo.
Preciso che in questo momento mi trovo a Mauritius e quindi fuori dall Italia.
Dopo una prima anamnesi lo specialista al fine di escludere problematiche secondarie mi ha sottoposto ad un esame radiologico con mezzo di contrasto dal quale non sono risultate anomalie pertanto il neurologo ed Il radiologo hanno escluso la presenza di masse tumorali ictus ecc.
Tuttavia, in questi sette giorni ho continuato ad avvertire un senso di indolenzimento agli occhi e alle tempie con dolore di tipo ovattato per tutto il giorno.
Non sono sicuro se si tratti di autosuggestione ma avvertivo inoltre rigidità alla mascella ed occlusione dentale.
Oggi il dolore si intensificato con senso di spossatezza e una pressione alla zigomo sinistro proprio sotto l’occhio.
Di cosa si potrebbe trattare?
con Il CT brain con contrasto si possono escludere definitivamente occlusioni o masse?
Posso aspettare una settimana in modo da tornare in italia e sottopormi ad ulteriori visite specialistiche o potrebbe esserci problemi gravi ed imminenti?
Sono molto preoccupato ed impaurito spero di ricevere a breve un vostro consiglio/supporto

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'esame è attendibile per escludere importanti problematiche neurologiche.
A questo punto la cefalea è primaria e potrebbe essere quella forma associata ad attività sessuale che è ben definita nella classificazione internazionale delle cefalee.
Il dolore residuo potrebbe assimilarsi ad una cefalea tensiva ma ovviamente solo come ipotesi a distanza.
Se non ha particolari problemi può attendere il rientro in Italia.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro