Utente
Buonasera,
chiedo un consulto per dei problemi che sto avendo da circa un mese.

Premetto che da gennaio soffro di cervicale, per cui sto andando da un fisioterapista.
Avevo spesso mal di collo, mal di schiena nella parte alta e leggero formicolio alla mano sinistra, probabilmente dovuta anche dovuto al fatto che passo parecchie ore al computer per lavoro.

Circa un mese fa sono andata a sciare e al ritorno, dopo circa una settimana, ho iniziato ad avvertire dei formicolii sotto i piedi che con il tempo sono migliorati ma tutt'ora li avverto quando mi siedo, dopo alcuni minuti, per esempio a pranzo e a cena.
Non sono formicolii forti e non li avverto quando sono in piedi o quando cammino, localizzati prevalentemente nella pianta del piede (parte alta) e nelle dita dei piedi.
Alcune volte ho come la sensazione di spilli sempre sotto i piedi ma anche essi tendono a passare dopo alcuni minuti e iniziano comunque quando sono seduta (alcune volte anche alle mani e con le stesse dinamiche).
Alla mano sinistra invece avverto alle volte una sensazione di intorpidimento, soprattutto dopo che passo parecchio tempo al computer o comunque nelle stesse posizioni.
Ho iniziato ad avere anche problemi di reflusso frequenti.

Circa 10 giorni fa ho iniziato a vedere dei puntini neri e filamenti che "camminano" negli occhi, soprattutto quando rivolgo lo sguardo verso superfici luminose o se guardo per terra.
Preoccupata sono andata dall'oculista che ha esaminato il fondo dell'occhio e non ha riscontrato problematiche.
Ho solo una leggera allergia probabilmente alla polvere o qualche polline, con occhi che pizzicano, un po' arrossati e una palpebra leggermente più gonfia dell'altra.

L'oculista ha attribuito le mosche volanti alla miopia (mi mancano quasi 5 gradi a occhio).

Ultimamente soffro di mal di schiena nella zona lombare oltre che di mal di testa con dolore alla fronte e rigidità del collo, sensibilità alla luce e ai rumori forti.
Mi preoccupa però vedere dei punti di luce, tipo flash, quando sbattono le palpebre e che tendono a scomparire dopo un po', ma che ritornano in concomitanza di episodi di mal di testa.
Per i mal di testa non sto prendendo farmaci in quanto tendono a scomparire dopo un po' senza crearmi particolari problemi.
In questo periodo questi episodi capitano spesso e i sintomi stanno via via peggiorando.
Inoltre ho anche dei problemi alla mandibola, già riscontrati dal dentista.
In particolare quando apro la bocca, la mandibola va verso sinistra e la mattina, appena mi sveglio, faccio una leggera difficoltà ad aprirla.
Inoltre mi sta spuntando il dente del giudizio, causando dolore alla gengiva soprattutto quando mangio.

Mi chiedo se i vari formicolii e le mosche volanti siano la spia di qualche problema più serio, pensiero che mi assilla da un po' di tempo a questa parte e mi sta mettendo parecchia agitazione.
Ci tengo inoltre a dire che in questo periodo sono parecchio ansiosa a causa di varie situazioni che sto vivendo.

Grazie

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Paziente,
nel suo variegato resoconto anamnestico vengono citati una serie di disturbi che chiamano in causa altre due distinte specialità (gnatologia ed oculistica) cui può inoltrare la richiesta di consulto. Per risponderle dal punto di vista strettamente neurologico, devo dirle che la sensazione che lamenta a carico di mani e piedi definisce la condizione definita "parestesia" ossia una alterazione qualitativa indolore della sensibilità. Per poterla correttamente inquadrare, occorre verificare clinicamente la sensibilità con i consueti test semeiotici. Per quanto attiene alla cefalea accompagnata da fenomeni visivi, che parrebbero essere scotomi scintillanti, potrebbe essere una emicrania con aura, cosa che deve essere valutata comunque in un contesto clinico. Voglio farle presente che, considerata l'attuale contingenza, lei potrebbe chiedere per questo aspetto un teleconsulto con un neurologo. Se volesse averlo direttamente con me, potrebbe contattarmi sul mio indirizzo mail.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta. Ho effettuato la visita oculistica e risulta tutto nella norma. L'oculista ha confermato l'ipotesi emicrania oftalmica.
La cosa che mi preoccupa di più sono gli scotomi scintillanti che tendono a presentarsi quasi ogni giorno, alcune volte seguiti da mal di testa e altre no. Per scotomi intendo una piccola macchia nera scintillante dalla durata di 1 secondo che scompare non appena sbatto le palpebre. Premetto che ho una miopia di 5.00 e 5.25. Ho sempre portato lenti a contatto da 4.75 per ogni occhio così come gli occhiali da vista graduati a 4.75. Generalmente ho sempre portato lenti fino a quando ho avuto una congiuntivite che mi ha costretta a sospenderne l'uso. Da allora ho ovviamente notato che l'occhio sforzava un po di più, soprattutto alla guida dell'auto, motivo per cui ho deciso di comprare un nuovo paio di occhiali con la gradazione corretta che arriveranno a giorni. Questi mal di testa possono essere dovuti a un eccessivo sforzo degli occhi? Passo molto tempo al computer per lavoro, motivo per cui tendo ad avere spesso occhi secchi e prurito.
Inoltre queste macchie sono comparse dopo circa 1 mese e mezzo dall'assunzione della pillola che ho smesso poco dopo il verificarsi di questi fenomeni visivi.
Vorrei un Suo parere a riguardo visto che questa situazioni mi sta preoccupando molto. I dolori cervicali possono essere un possibile causa?
In ogni caso ho prenotato una visita neurologica per la settimana prossima.
Grazie

[#3]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Tenga separati dal fenomeno "aura" i disturbi del segmento anteriore dell'occhio, di cui è competente l'Oculista. La sua condizione di emicrania con aura visiva può essere agevolmente trattata da parte dello specialista e non è consecutiva a nessuna condizione patologica a carico del rachide cervicale.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it