Utente
salve a tutti.
sono una ragazza di 20 anni, a cui è stata diagnosticata un'emicrania senza aura, definita dal neurologo abbastanza severa.
la terapia che mi è stata prescritta prevede Inderal 40 mg (mattina e sera), leroxil (6 gtt a sera) e vitamina B2.
Innanzitutto aggiungo che soffro, dall'età di 3 anni, di allergia agli acari; l'allergologo mi ha prescritto di assumere Accarizax (a giorni alterni) per circa 6 mesi.
questa terapia potrebbe in qualche modo interferire con la terapia prescritta dal neurologo?

inoltre soffro spesso di ipotensione (la mia pressione si aggira intorno ai 90/60).
l'inderal, essendo un beta-bloccante, potrebbe avere qualche effetto su un'ulteriore riduzione della PA?

in attesa di risposto, cordiali saluti a tutti

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

non sono note interazioni tra i farmaci che menziona, consideri pure che con Accarizax non sono stati condotti studi di interazione.
L'Inderal potrebbe ridurre la pressione arteriosa, Le consiglio di parlarne col cardiologo anche perché, essendo un betabloccante, è indicato effettuare preliminarmente un Elettrocardiogramma.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore, la ringrazio per la celere risposta.
In passato ho eseguito visita cardiologica con ecocardiogramma per tachicardia, ma niente è stato rilevante.
Proverò a parlarne nuovamente con il neurologo, pensa che possa esserci un altro farmaco che Il mio neurologo potrebbe
consigliarmi che non sia un betabloccante? O la terapia per emicrania si basa proprio su questa tipologia di farmaci?

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazza,

la terapia di prevenzione dell'emicrania si basa su diverse tipologie di farmaci, compresi i betabloccanti.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro