Utente
buonasera, sono una signora di 67 anni in buono stato di salute, vi scrivo perchè da qualche mese ho problemi alla lingua che non riesco a risolvere.tutto è cominciato questa primavera, un giono guardando per caso la mia lingua allo specchio ho scoperto su di essa dei solchi più profondi del normale, poco tempo dopo all'interno dell'area biancastra che di norma ricopre la mia lingua è comparsa un'area rosa dai contorni curvilinei definiti che mi procurava un prurito moderato. il mio medico di base, pensando che potesse trattarsi di un fungo, mi ha prescritto "mycostatin 100.000 UI/ml", da prendere due volte al giorno (o una volta, non ricordo bene) per 15 giorni; successivamente, poichè la cura non aveva risolto il problema, pensando potesse trattarsi di una carenza vitaminica, mi ha prescritto un integratore alimentare: "supradyn", da prendere per 15 giorni e, in un secondo momento, dato che il problema persisteva, un integratore specifico di vitamina b12: "dobetin 5000 mcg", da prendere per 10 giorni (una fiala al dì), anche questo non ha prodotto gli esiti sperati. il mio medico di base mi ha anche prescritto degli esami di routine del sangue e delle urine che sono risultati nella norma. nel corso di questi mesi di indagini e cura, i miei sintomi hanno subito variazioni ma non sono mai andati incontro a remissione completa, per la precisione: la macchia di colore rosa sulla superficie della mia lingua ha più volte cambiato posizione e dimensioni, inoltre, ho notato la comparsa di piccolissime protuberanze sul fondo della lingua (come papille ingrossate) che mi procurano fastidio durante la deglutizione (è proprio a causa di questo fastidio che le ho notate). di recente, ho fatto impiantare delle protesi dentarie che si trovano anche in corrispondenza della macchia descritta e sfregangola di continuo, determinano un'intensificazione del prurito; ho perciò chiesto il parere dell' odontostomatologo che mi ha detto che la mia sintomatologia potrebbe essere l'effetto del reflusso gastro-esofageo. c'è da dire che la stessa diagnosi mi era stata fatta quest'inverno dall'otorinolaringoiatra per spiegare un'intensa e persistente infiammazione della gola e da qualche mese, proprio per questo ipotetico reflusso gastro-esofageo, su consiglio del mio medico di base, assumo regolarmente "omeprazen 20 mg" una volta al giorno a digiuno. a cosa può essere ascritta, a vostro parere, la sintomatologia che vi ho descritto? c'è qualcosa che posso fare per eliminarla definitivamente o almeno ridurla per poter sopportare le protesi? grazie fin da ora per la vostra attenzione. cordiali saluti



[#1]  
Attivo dal 2010 al 2010
Cara e Gentile Signora, darle consigli diagnostici via Web in una situazione come la sua in cui è necessario vedere e visitare la sua lingia e la sua intera bocca ed avere una anamnesi completa orale e generale, sistemica, non è possibile.

In ogni caso potrebbe trattarsi di una banalissima cosiddetta "Lingua geografica" che non ha nessun significato patologico se non qualche fastidioso sintomo.

Potrebbe essere una Glossite da irritazione per la presenza di materiali protesici diversi o non nobili o sovradimensionati in bocca

o di origine gastro enterica come le è stato detto.

Le dico solo di tranquillizzarsi perchè non è niente di grave. il fatto stesso che la macchia rosa sia migrante è un buon segno.

Ovvio che debba vederla l'Odontoiatra per prudenza e per escludere altre patologie!

Per ora può fare sciacqui con clorexidina, non posso dire il nome di commercio perchè è un farmaco, ma in farmacia conoscono questi colluttori, prenda il più diluito e poi lo diluisca ulteriormente alò 50% in acqua e faccia sciacqui per qualche secondo. Pulisca delicatamente anche la lingua con uno spazzolino da lingua e curi molto l'igiene orale e dentale e stia tranquilla!

Cordiali saluti

Cordialmente

[#2] dopo  
Utente
grazie mille per la sua tempestiva risposta dottore, farò quanto mi ha suggerito. cordiali saluti

[#3]  
Attivo dal 2010 al 2010
Prego Signora cara, mi fa piacere di esserle stata utile
Cordiali saluti a Lei e buon Fine settimana

[#4]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Una domanda: il reflusso gastro-faringeo (se ha causato la faringite...!)le è stato diagnosticato dopo visita specialistica o sono solo supposizioni teoriche? Le dico questo perchè un problema di reflusso "serio" può portare alla sintomatologia da lei descritta. Nel frattempo curi la sua igiene orale in modo ottimale seguendo anche i consigli del collega Petti.
Cordiamente
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#5]  
Attivo dal 2010 al 2010

Certo la Domanda del Collega Muraca è pertinentissima.

Attendiamo la sua risposta

Cordialmente

[#6]  
Dr. Cataldo Palomba

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
la descrizone, tra l'altro molto accurata, che ha fatto delle manifestazioni a carico della lingua non può che indirizzarci verso un'ipotesi diagnostica di 'Lingua a carta geografica' o 'Glossite migrante benigna', condizione dello stato trofico della mucosa linguale considerata più un'alterazione che una patologia, almeno allo stato attuale delle conoscenze.

In più nel suo racconto ha fatto cenno alla presenza di solcature particolarmente evidenti sempre sulla superficie linguale, un'altra condizione benigna, congenita, detta 'lingua plicata o fissurata o cerbriforme', che spesso si associa proprio alla lingua a c.g.

La lingua ac.g. è descritta in questo articolo
https://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/306-la-lingua-a-carta-geografica-o-glossite-migrante-benigna.html

Non è stata rilevata alcuna correlazione tra reflusso gastro-esofageo e la lingua a c.g.: la prima condizione spesso è accompagnata da manifestazioni linguali come patina biancastra, iperplasia delle papille gustative circumvallate e alitosi, anche se non sono manifestazioni esclusive nè peculiari di questa patologia. Questo non esclude che le due condizioni siano concomitanti.

Il reflusso g.e. necessita anche di un riscontro strumentale per essere diagnosticato con certezza, come per esempio tra gli altri una gastroscopia.

I consigli per la lingua a c.g. sono descritti nell'articolo;
per quanto riguarda la fastidiosa sensazione dovuta allo sfregamento della protesi (presumo mobile) sulla lesione, purtroppo non c'è da aspettare se non la risoluzione della LCG, che nel suo decorso presenta remissioni e riacutizzazioni ad intervalli variabili.

Infine voglio sottolineare quello che ho scritto sopra :'ipotesi diagnostica', cioè deve comunque fare riferimento al suo medico per una diagnosi definitiva.

Cordiali Saluti





https://www.facebook.com/dentistarantonline
Risposta ad esclusivo scopo informativo, non costituisce diagnosi, non sostituisce la visita medica.

[#7] dopo  
Utente
buonasera,
rispondo al vostro quesito sul reflusso gastro-esofageo: il mio otorinolaringoiatra per primo ha avanzato l'ipotesi di un reflusso gastro-esofageo, per spiegare una intensa e persistente irritazione della gola, mi ha dunque inviato al mio medico di base che mi ha prescritto direttamente una cura; non ho mai condotto indagini specifiche. di recente, il mio odontoriatra (che mi ha anche impiantato le protesi), che è anche odontostomatologo, ha valutato la mia sintomatologia e mi ha prospettato le differenti possibili cause, quando mi ha chiesto se avevo problemi allo stomaco ed è così venuto a conoscenza del mio ipotetico problema di reflusso, mi ha detto che poteva essere quella l'origine di tutto. questo è quanto,ringrazio tutti per la vostra attenzione, nell'attesa dei vostri pareri, vi saluto cordialmente