Utente 350XXX
salve, oggi sono andato dal dentista per una carie secolare(11 anni che è in bocca) a carico del dente 36.

mi ha effettuato una devitalizzazione: ha isolato il dente, anestesia e mentre mi diceva cosa stava facendo fino al punto in cui con il trapano accedeva alla camera pulpare non sentivo niente anche se usciva molto sangue che diminuiva man mano che ripuliva il dente; quando poi è andato a inserire gli "aghi" all'interno dei canali (nel mio caso 2) sono iniziati i dolori: 1 canale praticamente asintomatico, l'altro ad essere sincero lo avvertivo ma neanche tantissimo, cioè quel poco da serrare fortemente gli occhi ma cmq fastidioso e percettibile.
mi è stato detto che la carica anestetica era bassa perchè voleva capire quanto fosse infiammato cosi da riferire.

la cura canalare è terminata con una otturazione provvisoria ed un appuntamento tr 15 giorni per la chiusura dei canali.
ho letto anche in questo sito che teoricamente il trattamento endodontico si completa in una seduta ma che alcuni medici siano propensi a suddividere in sedute: perchè questa cosa?

voglio dire, cosa cambia da oggi a 15 giorni tanto da giustificare una tale attesa?

potreste dirmi gli aghi nei canali cosa facevano? questa fase non mi è stata spiegata, sentivo il medico parlare con l'assistente alla quale diceva di effettuare un'altro lavaggio con clorito di sodio o roba simile.

perchè un canale è asintomatico e l'altro mi infastidiva? questa domanda posta al medico come risposta ha detto che quel canale semplicemente è più infiammato, ma chiedo anche a voi.

allo stato attuale dopo qualche ora dal trattamento permane una lieve sensazione di pressione da dentro il dente, fastidio lieve quando il molare inferiore va a contatto con "l'antagonista" superiore, comunque non tale da farmi assumere antidolorifici: alla vista il dente ha una colorazione quasi bluastra.

per ora non mi vengono altri dettagli, nel caso aggiornerò il consulto.. grazie

ps ma lo spazzolino su questo molare posso passarlo?

[#1] dopo  
Dr. Marcello Fantini

28% attività
4% attualità
12% socialità
LANCIANO (CH)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
A volte il dentista può ritenete opportuno effettuare una medicazione intermedia provvisoria perché rischioso chiudere in una sola seduta. Potrebbe avere dolore tale da dover essere necessario riaprire il dente abbastanza facilmente, ad esempio.
Gli strumenti inseriti nei canali, insieme ad ipoclorito di sodio, servono a detergere e sagomare gli spazi occupati dalla polpa dentaria.
Potrebbe essere che il canale sintomatico contiene tessuto pulpare più infiammato.
Può tranquillamente pulire il dente con lo spazzolino.
Un saluto.
Dr. Marcello Fantini

www.studiofantini.jimdo.com

[#2] dopo  
Utente 350XXX

buonasera grazie della risposta.

rimango dubbioso su cosa dovrebbe succede da qui a 15 giorni: al prossimo trattamento quando il dentista tornerà a "penetrare i canali", dovrei avvertire nuovamente fastidio oppure no?


i fastidi lievi che accuso rientrano nella norma dopo un trattamento canalare?

può sembrare inusuale ma vorrei domandare, normalmente voi ci andate pesanti con l'anestesia da non far sentire niente o durante la cura canalare avendo i canali infetti è normale che questi siano immuni all'anestetico? perchè a me ha detto di aver usato un basso dosaggio per capire il grado di infiammazione

grazie

[#3] dopo  
Dr. Marcello Fantini

28% attività
4% attualità
12% socialità
LANCIANO (CH)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Si, i fastidi che avverte possono rientrare nella norma.
Se il tessuto pulpare è molto infiammato, ha un PH più acido e per tale motivo l'anestetico tende ad essere scarsamente efficace, non so cosa volesse intendere con "il voler capire il grado di infiammazione", forse per regolarsi se utilizzare una medicazione intermedia.
Ad ogni modo non si può escludere con certezza che non avvertirà più dolore la volta successiva, la medicina non è matematica, tuttavia, per esperienza personale, è poco frequente che si continui ad avvertire dolore anche in seconda seduta. Poco frequente, ma non impossibile.
Dr. Marcello Fantini

www.studiofantini.jimdo.com

[#4] dopo  
Utente 350XXX

salve le spiego meglio, essendo che la carie non era dolente, quindi tecnicamente senza pulpite in corso visto che aveva molti anni questa carie e prima di anestetizzare ha diciamo testato la sensibilità, inizialmente una piccola puntura propio sulla polpa del dente ed ha iniziato a scavare per rimuovere la polpa, individuadi i canali ha usato uno spray anestetizzante che nonostante ciò un canale era bello fastidioso non da urlare ed alzarmi dal "lettino" ma quel minimo che ti fa fare diciamo la classica "smorfia del dolore".

questa anestesia è sufficente? perchè leggevo anche sul sito diversi consulti sulla devitalizzazioni ed altre persone hanno ricevuto anche 3-4 punture di anestetico.

e laddove fosse presente nuovamente fastidio quando inserisce l'ago nel canale che succede per sua esperienza? mi devo tenere ancora una otturazione e fare la terza seduta o si chiudono i canali?

dopo circa 1 giorno dal primo trattamente i fastidi sono quasi assenti ma il dente è molto sensibile all'acqua appena tirata fuori dal frigo :( questo perchè i canali sono aperti?

grazie buona domenica

[#5] dopo  
Dr. Marcello Fantini

28% attività
4% attualità
12% socialità
LANCIANO (CH)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Non posso conoscere con esattezza il tipo e la tecnica anestetica utilizzata, tuttavia, se ha avuto solo un fastidio tale da fare una smorfia, ritengo che: la polpa fosse già necrotica, almeno parzialmente, oppure sia stata effettuata un'anestesia intrapulpare, ovvero direttamente all'interno dei canali, tecnica comunque corretta.
Per il resto non posso giudicare clinicamente come procederà, troppe variabili.
Anche la sensibilità al freddo può essere normale, ma va anche considerato che potrebbe dipendere da qualche colletto scoperto relativo ad un altro dente.
Un saluto.
Dr. Marcello Fantini

www.studiofantini.jimdo.com

[#6] dopo  
Utente 350XXX

salve a tutti dunque il 3 agosto mi sono stati chiusi i canali, sta volta senza anestesia, dal poco che vedevo il dentista aveva ricominciato a penetrare i canali con degli aghi iniettando qualcosa all'interno ed il canale che era dolorante alla prima seduta era solo leggermente fastidioso alla 2 seduta, dopo queste iniezioni una cosa che ricordo è quando ha infuocato uno strumento con il fuoco ed è entrato nei canali.

cmq la mia domanda è i denti devitalizzati sono denti morti oppure ancora vitali e in grado di percepire gli stimoli termici?
chiedo perchè se bevo acqua del frigo e la passo sul dente avverto la sensibilità al freddo.

grazie