Utente 247XXX
buongiorno sono una donna di 43 anni e un mese fa ho avuto un intervento di quadrantectomia ed exeresi del linfonodo sentinella ascellare.l'esame istologico dice carcinoma duttale infiltrante scarsamente differenziato del diametro di 1 cm con associata componente in situ di tipo solido con necrosi.non evidente invasione vascolare neoplastica.margini e linfonodi indenni.pT1bN0(sn)G3. ProteineRE:90% int.3 ProteineRPr:90% int.3.Ki67 positivo nel 20%.Ho consultato 2 oncologi,uno mi ha proposto(e devo decidere io) un programma di chemioterapia con epirubicina e ciclofosfamide per 4 cicli poi radioterapia e terapia ormonale,l'altro mi ha detto che la chemioterapia non mi serve ma farebbe più danno che bene visto che l'operazione è stata radicale e mi consiglia solo l'ormoneterapia e radioterapia.Mi trovo a dover decidere io la cura da fare ma come posso decidere!! Ho paura di fare la scelta sbagliata.cosa mi consiglia in merito.Grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ho appena risposto ad un altro utente che ci poneva lo stesso quesito.

https://www.medicitalia.it/consulti/Oncologia-medica/276412/Carcinoma-mammario

Purtroppo non è possibile (perchè vietato) esprimersi in assenza di una visione diretta di tutta la documentazione
per una decisione così importante
Anche nel suo caso si tratta di una situazione bordeline , ma rispetto all'altro caso linkato suppongo che la indicazione ad una chemio adiuvante sia determinata dalla presenza di G3 , dalla giovane età specie se in premenopausa.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 247XXX

La ringrazio per la sua disponibilità e la sua risposta .il mio unico dubbio ora è quello che mi ha detto il secondo oncologo,cioè la chemioterapia non è una passeggiata e i residui mi rimaranno per sempre con rischio di andare incontro magari fra 10 anni a malattie cardiache ,leucemia ecc.e se non necessaria non è da fare.ma io mi chiedo come faccio io che non sono medico a decidere il da farsi?grazie

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ha ragioni da vendere !

Non si può lasciare al paziente tutta la responsabilità di una scelta così impegnativa.
ma il medico dovrebbe trovare argomenti convincenti.

Senta un ultimo parere , ma poi si fermi lì e prenda una decisione.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 247XXX

la ringrazio nuovamente.saluti