Utente
Salve,

spero mi possiate dare almeno delle delucidazioni e dei consigli in merito.
Sono un ragazzo di 24 anni, molto preoccupato perché mi sono informato su internet riguardo agli acufeni e pare che non se ne venga MAI a capo...

Parto dal fatto che dopo la comparsa di alcuni linfonodi (2 sottomandibolari di cui 1 presente da ormai parecchio tempo e due ai lati del collo) La Dottoressa mi ha prescritto una panoramica dentale io ho deciso di fare anche un'ecografia.
Entrambe non hanno riscontrato niente di grave, a quanto pare i linfonodi sono tutti di tipo reattivo-flogistico, si è evidenziata un'infiammazione ad una ghiandola salivare (sottomandibolare). La panoramica evidenzia gli ottavi storti che non usciranno mai a quanto dice il Radiologo, secondo lui è meglio estrarli per evitare problemi.

Detto ciò il mio problema reale è la comparsa di acufeni acuti bilaterali,
non ricordo bene come è andata, ho sentito un fischio forte all'orecchio destro (di quelli normali che si possono sentire ogni tanto ma solo decisamente più intenso) dopodiché sono rimasti questi fischi acuti.. Ricordo che i giorni precedenti di tanto in tanto mi capitava di sentire "il respiro dentro l'orecchio sinistro" non saprei come spiegarlo meglio.

Ora io mi sono rivolto ad un otorino, mi ha fatto un esame audiometrico (secondo me anche un po' sparatanamente) ha avuto esito positivo, dice di non aver trovato grosse tracce di cerume o catarro.
Mi ha prescritto una cura cortisonica sperando che faccia effetto.

Detto ciò ho dimenticato di dire allo specialista che da un po' di notti ho la gola secca, probabilmente dormo con la bocca aperta eppure non mi sembra di avere il naso tappato o probelmi di respirazione... Ma ogni volta che mi sveglio (e ormai capita spesso durante la notte) devo bere, la mattina sento un po' di mal di gola.

Potrebbe c'entrare qualcosa? Posso guarire? Sono un ragazzo molto ansioso.
Cosa dovrei fare? Un acufene può venire dopo un periodo di stress/ansia?
Eppure prima d'ora non ne avevo mai sentito parlare.
Vi ringrazio in anticipo per un'eventuale risposta.

Maurizio

[#1]  
Dr. Ivano Bruno Bertetto

28% attività
8% attualità
12% socialità
OLBIA (SS)
TEMPIO PAUSANIA (SS)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
L'acufene può presentarsi per diversi motivi, che sarebbe impossibile elencare ed approfondire in questo momento, ma innanzitutto si rassicuri se l'esito dell'esame audiometrico effettuato risulta normale!Certo lo stress e l'ansia possono accentuare la percezione dell'acufene.
Segua la terapia con il cortisone che il collega le ha prescritto, poi effettui una nuova visita con esame audiometrico tonale + impedenzometria, se non ci sono problemi otologici, anche la funzionalità della articolazione temporo-mandibolare potrebbe essere da valutare.
Un saluto
Dr. Ivano BRUNO BERTETTO

[#2] dopo  
Utente
Dr. Bruno, la ringrazio per la risposta,
non mi è stato detto granché in merito, mi ha semplicemente riferito che non ci sono problemi nonostante pare io senta meglio da destra rispetto a sinistra.

Il fatto di ritrovare la gola secca non significa nulla?
Scusi se le faccio delle domande, ma sinceramente mi sono un po' preoccupato.
Oggi sono al secondo giorno di terapia, in compenso vedrò di sottopormi agli esami da lei elencati.
Ascolti, quando mastico mi sembra che l'acufene aumenti è normale, succede un po' a tutti?

La ringrazio per la risposta e un'altra domanda,
la notte dormo davvero male, mi sveglio in continuazione, mi aiuto con rumori della natura che metto al pc spero che questo non peggiori il mio acufene.

[#3]  
Dr. Ivano Bruno Bertetto

28% attività
8% attualità
12% socialità
OLBIA (SS)
TEMPIO PAUSANIA (SS)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Rispondo nell'ordine: il mal di gola e la sensazione di gola secca non credo sia collegato all'acufene. Quando mastica, la contrazione dei muscoli masticatori aumenta la senzazione ed il 'volume' dell'acufene. I suoni della natura (pioggia, onde del mare, ecc.) sono un ottimo rimedio (l'acufene viene percepito più intenso nel silenzio)per rilassarsi e prendere sonno. Mi faccia sapere!
Dr. Ivano BRUNO BERTETTO

[#4] dopo  
Utente
Ormai la cura a base di cortisone:
Deltacortene
1 cp
1 cp
1/2 cp
1/2 cp
1/4 cp
1/4 cp

è terminata ma non ci sono stati miglioramenti,
ora in teoria dovrei iniziare una seconda cura che l'otorino mi aveva prescritto in caso di insuccesso.
Vessel fiale 1 fiala al giorno
per dieci giorni dopodiché
vessel compresse: 2 al dì per un mese.

Volevo chiederle se è la strada giusta da intraprendere, un mese e dieci giorni sono parecchi.
So di persone a cui l'acufene è durato mesi per poi scomparire, sinceramente io ho la paura che duri per sempre.

[#5]  
Dr. Ivano Bruno Bertetto

28% attività
8% attualità
12% socialità
OLBIA (SS)
TEMPIO PAUSANIA (SS)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Non deve spaventarsi, la terapia è senza dubbio stata prescritta sulla base della visita e dell' esame audiometrico effettuati, sui quali purtroppo non posso essere di utilità in quando non effettuati da me e sui quali quindi non so pronunciarmi: la terapia è valida la segua come consigliatole, no tralasci però , dopo la cura, di seguire i consigli che le ho dato nel consulto precedente ( visita, esami, consulenza gnatologica) !!!
Dr. Ivano BRUNO BERTETTO