Utente 685XXX
Il 20 giugno scorso ho partorito un bimbo all'età gestazionale di 32 sett e 5 gg, peso alla nascita 2 kili, lunghezza 45 cm, circ. cranica 31 cm.Il bimbo è stato ricoverato in terapia intensiva per due settimane e dimesso senza alcuna patologia.E' stato da sempre alimentato con allattamento misto. Attualmente pesa 5 kili e 500 grammi. L'inizio dell'allattamento è stato molto stancante in quanto mio figlio chiedeva di mangiare anche 15 volte al giorno, adesso il numero dei pasti è sceso intorno agli 8/10 al giorno. Ho notato che quando si alimenta al seno si attacca e si stacca con molta frequenza e che non è mai sazio neanche dopo un'ora di poppata, e nemmeno dopo l'aggiunta di latte artificiale. Come posso spiegarmi questo bisogno continuo di mangiare? Adesso ha quasi tre mesi e mangia ancora con la frequenza di un bimbo appena nato. Inoltre dorme pochissimo: durante il giorno al massimo tre ore (spezzate) di notte al massimo 4,5 ore (di fila). Piange molto spesso nonostante sia pulito, coccolato e non abbia coliche. Ho provato di tutto: a portarlo in giro, a distrarlo, usa pochissimo il ciuccio. Non so davvero come comportarmi, mi sento inadeguata, stanca e non capisco dove sbaglio.

[#1] dopo  
221488

Cancellato nel 2012
Gentile signora,
concentrandosi sul parametro di salute più importante che é la crescita del piccolo direi che dovrebbe essere molto soddisfatta. Il piccolo che ha una età corretta di circa 4 settimane (quasi 13 settimane dalla nascita) è cresciuto molto bene, più di 250 grammi alla settimana! La frequenza normale dei pasti è molto variabile da neonato a neonato. Un neonato necessita normalmente di 8-12 poppate al giorno. E poi il sonno non è ancora strutturato. Il neonato infatti non conosce la differenza tra giorno e notte. Stare con un bambino di questa età significa adattare i propri ritmi ai suoi. Pertanto non è possibile sperare di avere tempi lunghi di riposo notturno se non fra qualche mese. Dopo i 4 mesi il piccolo inizierà ad adattare i suoi ritmi agli stimoli esterni.
Io non credo che Lei stia sbagliando nulla. Ho l'impressione invece che sta procedendo tutto bene. Ovviamente il tutto è molto stancante, verosimilmente a causa della Sua carenza di sonno e per lo stress legato al pianto frequente del piccolo. Le consiglio di cercare di dormire ogni volta che Le è possibile (quando il piccolo dorme) e/o di farsi aiutare da qualcuno per esempio quando è il momento di dare il latte in formula e/o quando il piccolo ha terminato il pasto. Potrebbe anche essere utile un supporto psicologico. Coraggio.