Utente 218XXX
Salve ....sono in cura con i sali di litio da sei anni con ottimi risultati....ho 37 anni...soffro di depressione bipolare....da quando avevo 19 anni....ho avuto diverse ricadute piu o meno gravi negli anni....intrapendevo una cura con un nuovo farmaco e poi sospendevo dopo 6 mesi....le ricadute avvenivano ogni 2 anni circa....forse in estate di piu verso giugno....bene volevo chiedere...6 anni di litio non una sola ricaduta....da questo fine marzo.....sento una lieve ricaduta......leggeri sintomi....come sbandamenti....sonno piu leggero ...un po di ansia se ci penso pero....tendenza al pianto sempre se mi fisso pero nel pensarci....che cosa ne pensate?si tratta di una ricaduta?siamo a meta agosto e va sempre cosi....devo chiedere un farmaco di potenziamento?é possibile avere lievi ricadute dopo 6 anni?o forse é questo clima ....che non si é stabilizzato che agisce su di me?la mia citta...vivo fuori italia....non molto lontana da venezia.....qui comunque ha fatto caldo 35 gradi anche....ma questa estate solo 20....insomma che ne pensate?cordiali saluti e grazie per il vostro lavoro....Dio vi benedica Sempre

[#1] dopo  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
i sali di litio non dovrebbero prevenire le fisiologiche fluttuazioni di umore (comprese quelle che possono seguire il cambiamenti climatici stagionali), ma attenuare queste fluttuazioni in modo tale che non si manifestano in maniera patologica con un episodio depressivo maggiore o con uno maniacale. E' quello, mi sembra, che succede con Lei.

Prima di pensare di pensare ad un farmaco in più per un rinforzo controllerei che la concentrazione del farmaco nel sangue (la litiemia) sia corretta. Nei trattamenti protratti, come nel Suo caso, già per anni, in teoria sarebbe sufficiente un controllo ogni 2-3 mesi, ma bisogna consultare il Suo psichiatra: può darsi che in questo periodo ci vorrà un controllo anticipato. Assieme con la litiemia controllerei anche gli ormoni tiroidei (che possono essere influenziati dal litio), e, ovviamente, la visita dallo specialista che La conosce già è un metro importante per valutare il Suo stato attuale.
Dr. Alex Aleksey Gukov

www.psichiatriagenova.tk
www.proiettivo.tk

[#2] dopo  
Utente 218XXX

Gentile Dottore ho fatto tutte le analisi che si tengono ogni anno per chi assume litio....e risultano ok cosi come la litiemia....esame del sangue e urina....credo rientrano anche quelli per gli ormoni tiroidei....devo controllare....le chiedo se tutto va bene ....che devo fare?perché non mi sento piu al cento come prima....in tutti questi sei anni?puo darsi che il litio sta esaurendo le sue proprieta con il mio organismo.....?forse un farmaco in piu.....o aspettare la stagione fredda ?cordiali saluti

[#3] dopo  
Utente 218XXX

Gentile Dottore volevo aggiungere :puo darsi che il litio dia degli effetti collaterali anche se dopo 6 anni ...sento come sbandamenti quando cammino ....se sto fermo no....diciamo che se prima mi sentivo 7 adesso 6.....qui gli sbalzi di temperatura e il cambiamento in continuo del tempo forse contribuicono....anche la mia compagna ha avuto degli effetti simili questo anno...lei non ha la depressione....ma a me in maniera piu patologica evidentemente....ho avuto anche pensieri tipo preoccupazioni che mi accada qualcosa di brutto,morte,ictus....etc...sento che il cervello é indebolito.....che dite?cordiali saluti

[#4] dopo  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile utente,

al litio è possibile associare ad esempio un antidepressivo nella fase depressiva, però nella "Depressione Bipolare" e nel periodo estivo è una scelta che va presa sempre con molta cautela (ovviamente, solo assieme con lo specialista che La segue) soprattutto per il rischio di viraggio nella fase di umore opposta o mista (tale rischio è maggiore d'estate). Spesso è difficile distinguere fra la fase depressiva e mista, lo si può fare solo alla visita specialistica dal vivo. L'approccio corretto è l'iniziare dalla valutazione della terapia di base (col litio) che Lei segue. Prima di pensare che il farmaco abbia "esaurito le sue proprietà" (che è poco probabile), bisognerà capire (col Suo specialista) se Lei lo assume a dosaggio giusto. Lei scrive che fa controlli ogni anno. Un anno è un periodo lungo.. Quanti mesi fa ha fatto l'ultimo controllo della litiemia e quale è stato il valore ? Quale dose di litio assume ? E' fondamentale sia per la valutazione che dose sia efficace, sia per la valutazione dell'eventuale tossicità.

Gli "sbandamenti" durante il caminno nella stagione calda potrebbero essere attribuiti in prima ipotesi all'apporto idrico insufficiente (forse Lei non beve abbastanza acqua..). Quanta acqua beve? Bisogna che ne beva a sufficienza, forse di più, soprattutto d'estate, perché il farmaco ha anche un'azione diuretica. E' invece molto poco probabile che questi "sbandamenti" possano essere i segni di tossicità accumulata, di lunga data.
Dr. Alex Aleksey Gukov

www.psichiatriagenova.tk
www.proiettivo.tk

[#5] dopo  
Utente 218XXX

Gentile Dottore...gli esami di controllo ,sangue e urina,li faccio ogni anno come mi hanno detto....il vecchio specialista a Bari,,,,,la litiemia ogni 2-3 mesi....il dosaggio é di due compresse e mezzo da 500 mg.i risultati di due settemine

[#6] dopo  
Utente 218XXX

Gentile Dottore...gli esami di controllo ,sangue e urina,li faccio ogni anno come mi hanno detto....il vecchio specialista a Bari,,,,,la litiemia ogni 2-3 mesi....il dosaggio é di due compresse e mezzo da 500 mg.i risultati di due settimane fa sono tutti positivi....la litiemia é buona con questo dosaggio....sono a Budapest qui le compresse da 300 mg non ci sono e non sono rivestite e incapsulate....non so....a bari mi aveva prescritto 4 compresse da 300 mg....traducendo qui a Budapest sono due e mezzo da 500mg....ok 50 mg in piu....ma la litiemia é buona.....acqua 3 l anche piu al giorno....non so cosa dire ancora....io credo nella stagione....per due volte mi é successo di tornare a stare bene come prima quando il tempo sembrava stabilirsi.....poi niente....da maggio ormai mi sento piu indebolito mentalmente....non tanto come ho detto ma un po mi infastidsce la cosa....ho provato con qualche goccia di EN....e ho sntito un Miglioramento....anche con gli sbandamenti....forse ci vuole un farmaco simile....non saprei.....aspetto ancora una sua risposta ..la ringrzio della sua cortese attenzione....a presto..marcello.

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il fatto che si tratti o meno di una lieve ricaduta deve farlo giudicare al medico.
Lei sta curando un disturbo bipolare, non una depressione bipolare, il disturbo bipolare non è un tipo di depressione, è una cosa diversa.
La prevenzione riguarda primariamente il fenomeno eccitatorio del disturbo. Sei anni di assenza di ricadute sono un precedente positivo.
Le oscillazioni d'umore o sbalzi d'umore intese in senso generale non sono necessariamente fenomeni patologici o da curare, anche perché questo risponderebbe ad un modello di persona senza variazioni d'umore o con variazioni sfumate, il che è possibile per alcuni, ma non per altri.
I sintomi lievi vanno comunque valutati ma inquadrati bene nel contesto di quel che sta accadendo alla persona.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 218XXX

Gentile Dottore Pacini....leggo adesso i risultati degli esami del 27 7 2011 ....la litiemia é buona....il TSH Supersensitivo é di 3,790 tra i valori di 0,465 e 4,600 cosi é scritto....lo psichiatra qui a Budapest che mi ha in cura da 1 anno circa mi ha detto che forse sono nella fase negativa,down,per cui adesso sento questi sbandamenti .....effettivamente sto bene l'umore va bene....ma queste vertigini mi hanno preoccupato al principio...da maggio..ormai ne convivo...adesso che scrivo non ci sono....ma sento che sono li ....ecco...é difficile da spiegare...e mi creano un clima di insicurezza se sto li a pensare.......Evidentemente non sono come prima ...se no non parlerei....si Dott Pacini ho pensato anche io che forse non cé niente da fare....ripeto puo darsi che a stagione fredda tutto torni come prima.....si vede che sto invecchiando....visto che prima non ho mai avuto di q sintomi in 6 anni di cura col litio....fra due sett dovrei partire...per cui non vorrei rischiare di assumere un farmaco che magari non funziona...che ne dite ?aspetto ancora una vostra risposta e poi decido cosa é meglio fare....grazie ancora cordiali saluti marcello

[#9] dopo  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile utente,

<<.. .non vorrei rischiare di assumere un farmaco che magari non funziona..>>

<<...e poi decido cosa è meglio fare..>>

Cambiando autonomamente e bruscamente la cura (soprattutto se a base di litio) rischia di più.

Rispetto alla Sua esperienza con l'En (delorazepam), bisogna riferire a quello psichiatra che l'ha visto ultimamente.

Scusi se sono noioso, ma quale è stato esattamente l'ultimo valore della litiemia ? ("buono" è una risposta un po' vaga). Valori degli ormoni tiroidei fT3 ed fT4 ?

Dr. Alex Aleksey Gukov

www.psichiatriagenova.tk
www.proiettivo.tk

[#10] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il giudizio dello psichiatra mi sembra sensato, durante una fase "negativa" ci possono essere anche in assenza di un umore marcatamente diverso (perché la cura regge sostanzialmente) una serie di sintomi di tipo somatico o ansioso che emergono.
La scelta se trattarli o attenderne l'esaurimento spontaneo spetta al medico, anche perché il trattamento con antidepressivi su questi sintomi nel contesto di un disturbo bipolare potrebbe peggiorare poi la stabilità dell'umore.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#11] dopo  
Utente 218XXX

cari dottori vi ringrazio gia di queste ultime risposte oltre che a tutto il resto....é in effetti quello che penso anche io....anche qui lo psichiatra era abbastanza restio a darmi un altro farmaco e mi ha riferito che probabilmente sto attraversando una fase negativa col disturbo bipolare....in effetti la cura regge bene .....sento un miglioramento lieve in questi giorni....per cui penso che sia meglio aspettare...dico penso ....ma non vi preoccc...il fai da te ormai non mi riguarda piu....chiedero sempre il parere al mio psichiatra....ah proposito...vedo adesso che non ho i risultati del ft3 e ft4....ho in mano tutti gli altri codici..sigle internazionali....ma questi no.. ..mi vien da pensaree che questo psichiatra non me li ha prescritti....anzi vi chiedo......a Bari l'altro psichiatra mi faceva fare anche l esame urine delle 24 ore...questo a Budapest no,,,,,chi ha ragione?
e se non ricordo male queste sigle le ho forse viste a Bari tra gli altri risultati....non so ma mi vien da pensare che qui a Budapest non siano molto competenti come da noi,seppure so che uno dei migliori psichiatri al mondo é stato o é un ungherese....quindi adesso riferiro a questo qui che ho devo avere anche i risultati della tiroide ossia ft3 e ft4 giusto?sono sigle internationals vero?...ancora cordiali saluti marcello

[#12] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non esiste il migliore psichiatra, non è un campionato mondiale. Lei sceglie un medico e ne segue le indicazioni sulla base del vostro rapporto di fiducia. Non è costruttivo chiedere semplicemente conferma della bontà o della correttezza delle prescrizioni del medico senza particolari motivi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#13] dopo  
Utente 218XXX

Si ha ragione....é solo che come paziente vuoi avere una sicurezza....come in tutte le professioni....ci sono quelli bravi e quelli meno....qui non si tratta di cosa da poco...é la salute che é molto importante ma concordo con lei...bisogna avere un rapporto di fiducia....a Bari mi fidavo ...qui meno...tuttto qui....del prof a Pisa non faccio il nome mi son fidato perche si sa che é uno dei piu esperti in materia...tutto qui......allora ho visto i valori degli ormoni tiroidei....qui a Budapest usano altri codici e il medico,che li conosce mi ha detto che va tutto bene....quini con la cura del litio ci sono....oggi giornata calda.uant...son stato peggio....ma da quanto ho capito che é meglio per me non rischiare ...il litio é abbastanza.....ok....vi ringrazio...dovessi peggiorare é bene che chiedero al mio psichiatra cosa fare.....una domanda...é possibile che il litio in futuro perda le sue proprietá o il mio disturbo puo essere curato a vita dal litio?o bisogna cambiar farmaco in futuro ?a presto saluti

[#14] dopo  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
il litio, come molecula, non perde le sue proprietà: è una costante.

Quello che può cambiare nell'arco della vita sono, eventualmente, le sue concentrazioi ematiche, l'evoluzione del Suo disturbo, le condizioni della Sua salute fisica e psichica, possibili effetti collaterali del farmaco che possono svilupparsi negli anni: tutti gli elementi che devono essere periodicamente monitorati dallo specialista (possibilmente lo stesso specialista), che è in grado di far paragone rispetto alle Sue condizioni precedenti.

Non si può escludere che questi cambiamenti potranno comportare la necessità di cambiare la dose del farmaco o il farmaco stesso, per ora però si tratta delle questioni piuttosto ipotetiche alle quali, nel tempo presente, si può dare le risposte solo speculative.
Dr. Alex Aleksey Gukov

www.psichiatriagenova.tk
www.proiettivo.tk

[#15] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il litio è il farmaco più antico per il trattamento di questo disturbo, ed è quindi molto ben conosciuto anche per una prospettiva di cura di decenni, cosa che non si può dire per tutti i prodotti disponibili (quelli recenti).
Il fatto che una cura non possa funzionare è qualcosa che deve interessare il medico, preoccuparsene così in generale non avrebbe senso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#16] dopo  
Utente 218XXX

Gentili Dottori....volevo chiedere ..ma adesso che sto vivendo da maggio questa situazione....lieve ricaduta....ecco quanto tempo durerá?ripeto mi sento piu indebolito mentalmente....non vorrei rimanere cosi a vita...che voi sappite ci sono casi come il mio...con il litio si intende?pensavo di rimanere stabile per decenni ma adesso mi devo ricredere....quanto durera questa ricadut?e se peggiora?
cordiali saluti

[#17] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

sono domande generiche che non le fa bene "rimuginare", ha uno specialista che la segue, preoccuparsi comunque non è costruttivo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#18] dopo  
Utente 218XXX

Gentile Dottore,sono appena rientrato dalla visita dal mio psichiatra.....lui non vede in me uno stato tale da dover assumere un altro farmaco....si sa che si tratta probabilmente di una fase negativa....ma comunque sto abbastanza bene da poter lavorare o fare sport etc...quindi non se l'é sentita di rischiare ....mi ha detto onestamente che non sa quale farmaco prescrivermi...almeno se le condizioni non peggiorano!!!
penso proprio che abbia ragione.....voi cosa ne dite?
gli ho detto dei mie sensazioni di sbandamenti...sensi di vuoto....insomma prima stavo meglio che ora....voi che ne pensate?ancora grazie di tutto cordiali saluti

[#19] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Se pensa che abbia ragione significa che si fida del suo specialista, atteggiamento che mi sembra coerente con il fatto di seguirne le indicazioni.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#20] dopo  
Utente 218XXX

Cari Dottori volevo chiedere ancora una cosa....la depressione ...la mia depressione ossia disturbo bipolare....puó essere dovuto a cause esterne non prettamente fisiologiche....per esempio ad una carenza di affetto nell ambito familiare....i miei genitori si sono separati dopo 25 anni insieme ...quando avevo circa 19 anni.....dopo mi é arrivata la depressione....ma non ho sofferto in verita della loro separazione....ma ripeto forse una carenza di affetto accumulata nel tempo ....che ne pensate?so di una ragazza che dopo tanti anni di malattia é stata bene grazie alla fede e all affetto dei suoi cari.....é cosi anche per me?come faccio a stabilire se lo é o se si tratta solo di una patologia del cervello vera e basta?cordiali saluti

[#21] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il disturbo bipolare non è la depressione, non lo chiami così perché questo è uno dei punti principali per evitare di fraintendere il punto di partenza di questa malattia.

Le cause esterne non sono da intendersi come cause vere e proprie, poiché corrispondono a eventi di vita comuni. La "carenza di affetto" non corrisponde ad una situazione oggettiva, è più facile che chi è depresso si senta trascurato o disgraziato sul piano affettivo come sintomo della fase depressiva, e così nel tempo conservi questa memoria umorale.

Stiamo parlando di cervello e del modo in cui tende a funzionare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#22] dopo  
Utente 218XXX

sono d'accordo.....ma é provato SCIENTIFICAMENTE che si Tratti di una Malattia del Cervello o sono solo delle Teorie?cioe le mie cellule sono malate?....insomma come faccio a capire se posso guarire senza uso di psicofarmaci?il disturbo bipolare non si puo curare senza psicofarmaci?......in questi giorni mi vengono dei pensieri quali:e se peggioro?é possibile che succeda?

[#23] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non so cosa intenda per "scientificamente". Il disturbo bipolare si può curare efficacemente con alcuni farmaci e con la terapia elettroconvulsivante in alcune sue fasi specialmente. Il cervello è l'organo di provenienza delle funzioni mentali, come l'umore, per cui stiamo parlando di una parte del sistema nervoso centrale.

Non capisco perché si debba porre il problema di non curarlo. E perché, anche se esistessero tecniche efficaci di tipo non farmacologico, dovrebbe decidere a priori di scegliere quelle ed escluderne altre.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#24] dopo  
Utente 218XXX

si lei parla bene dottore la ringrazio....in effetti mi affido alla scienza cioe a voi per la mia malattia....potrebbe suiccedere anche a me che peggiori la malattia da dover fare l elettroschok opp no?cordiali saluti

[#25] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

L'elettroshock non si usa per casi incurabili, è una delle cure disponibili. Per il resto, è un disturbo da curarsi con la stessa tranquillità e fiducia con cui si curano altre malattie. Purtroppo trattandosi di un disturbo che invece il cervello non lascia la persona tranquilla o oggettiva rispetto al problema, ma la trova in una condizione di umore alterato, o di ansia, o di preoccupazione, o di instabilità nelle decisioni e negli atteggiamenti di sfiducia/fiducia, il che è inevitabile all'inizio.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#26] dopo  
Utente 218XXX

gentile dottore e se facessi adesso un elettroschok.....forse mi guarirebbe totalmente o quasi....ormai sono in cura da sei anni col litio....grazie a Dio da allora non ho piu avuto pesanti ricadute....solo da questo marzo che accuso qualcosa...."lievi sbandamenti"...una leggera ricaduta diciamo......per sei anni sono stato sempre bene.....beh prima della depressione ossia di questo disturbo....stavo ancora meglio....voglio raccontare questo dottore non so se pu&#337; dire qualcosa in proposito....beh subito dopo la mia prima ricaduta a 19 anni...ricordo che mi succedeva uno strano "fenomeno"....ossia quando entravo in luogo chiuso..in una stanza ...mi sentivo guarito.......venendo da un luogo aperto-viceversa quando non sentivo bene e mi trovavo in un luogo chiuso,non appena uscivo all Aperto subito si apriva qualcosa nella mia mente nel cervello...insomma sentivo meglio guarito dalla depressione.....ossia vedevo la realtá BENE!!!ecco questo....le dice niente dottore?
.....e ancora....una volta ho provato ad andare alle giostre alle montagne russe nonostante la mia paura....non mi curavo all epoca.....dopo i 19 anni ....sui 25 forse.....bene la adrenalina non saprei mi diede dentro come una scarica di elettroschok e mi sentivo bene dopo ....come l episodio che le ho detto di entrare o uscire da una stanza?------che significa questo secondo lei?
ecco perche le dico e se chiedessi adesso una seduta di elettroschok.....chi sa forse mi aiuterebbe...o ppure devo rinunciare a priori visto che sono in cura gia da sei anni col litio?che dice?devo chiederlo al mio specialista?
cordiali saluti e grazie ancora per i vostri preziosi aiuti....il Signore vi dia sempre spirito di saggezza e di compassione nei vostri cuori.......a presto marcello

[#27] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non ci sono terapie per la guarigione nel senso di eradicazione del disturbo. Una cura è comunque da mantenere o rinnovare periodicamente, che sia farmacologica o l'ect. L'elettroshock non è "una scarica di elettroshock" come gioco di parole, non c'entra niente, cerchiamo di non far confusione tra il senso tecnico e i modi di dire.

Deve consultare il suo specialista per fargli scegliere le cure del caso, oppure chiedere un secondo parere, ma senza aspettative di guarigione assoluta. Lei aspira ad un benessere completo e questo è comprensibile e possibile, ma tramite una cura. Se questa ha dei limiti la può fare integrare o sostituire a giudizio di chi la segue,


Se crede che non abbiamo spirito di saggezza e compassione nei nostri cuori non ha molto senso rivolgersi qui.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#28] dopo  
Utente 218XXX

Gentile Dottore....grazie ancora.....per tutto ...penso che non ho altro da chiedere adesso....mi affido alle mani del mio specialista....non intendevo solo....che trovare delle persone che ti danno calore e affetto....questo aiuta di piú il paziente.....tutto qui.....grazie ancora e alla prossima.....e grazie a Medicitalia....ottimo lavoro...ottima idea qui sul net. Ciao

[#29] dopo  
Utente 218XXX

***ATTENZIONE!***
Questo consulto risulta aggiornato a più di DUE MESI fa:
valuta attentamente se la tua risposta può ancora essere utile all'utente!

Se ritieni opportuno inviare comunque il tuo consulto all'utente allora CANCELLA TUTTO QUESTO AVVISO e scrivi qui di seguito, grazie.

[#30] dopo  
Utente 218XXX

Caro Dott Pacini sono sempre il paziente di qualche tempo fa............38 anni in cura col litio per disturbo bipolare....in cura da sette anni ormai.........ho dimenticato di chiederle :...per sei anni il litio ha funzionato benissimo ....da piu di un anno ormai accuso una ricaduta....la cura regge comunque....pero ho sintomi come ansia e sbandamenti quando sono in movimento....dall interno....non so come spiegare....e poi pensieri sulla morte....un po come nel passato ma in forma piú lieve...insomma una ricaduta se no non starei qui a parlarne ....ora in italia a bari io assumevo la dose di 4 compresse da 300mg :2 al mattino e 2 alla sera.Qui in Ungheria ci sono le compresse da 500mg per cui lo specialista che mi segue qui mi ha prescritto 1 compressa al mattino ,mezza a pranzo e una alla sera.Cosi che la quantitá é piu o meno la stessa.Io ho letto che il litio va assunto in 2 dosaggi a distanza di 12 ore .qui alle 9.30 prendo la prima compressa,poi verso le 12 e la terza dose alle 17.Che ne pensate?devo comunicarlo al mio specialista anche se lui non mi ha detto niente ....Sara una coincidenza forse visto chle a bari é andato tutto bene e qui dopo un anno con la dose che le ho descritto mi sono venuti questi sintomi?che ne pensate?é la tossicitá del litio?......ho gia prenotato la visita per lunedi col mio specialista per parlarne con lui....cioe se cambiare gli orari per il dosaggio.......lei dottore che dosaggio mi consiglia,?la mattina mi sveglio per le 9 visto che lavoro in pizzeria.....cordiali saluti

[#31] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Ma la litiemia quando l'ha fatta l'ultima volta ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#32] dopo  
Utente 218XXX

Caro Dott Pacini...é la faccio ogni 2-3 mesi...va Benissimo!!!

[#33] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

a parte gli orari, al suo specialista deve comunicare i sintomi. Non è che ogni singolo sintomo debba per forza preannunciare un episodio di ricaduta o motivare un cambiamento della cura, ma se la preoccupano glielo dica.

L'unica cosa sulla modalità di assunzione è che le compresse, se sono di quelle a rilascio prolungato (non saprei), quando sono spezzate diventano a rilascio più rapido.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#34] dopo  
Utente 218XXX

Si sono compresse bianche come aspirine ......volevo sapere a che ora prenderle....la mattina alle 9 e poi?per i sintomi vedo che nessuno sa dare delle risposte precise.....lo specialista che mi segue dice che si potrebbe trattare di una fase negativa.....eppure ripeto per sei anni di litio non un solo sintomo ...tutto bene...poi é cominciato a maggio dell anno scorso.....piano piano soffro di questi sintomi....sbandamenti interni...non so come dire....abbassamento un po dell umore....paure ansie...un po come quando non mi curavo....ma in minima minima parte mi capisce dottore?che ne pensa lei.....mi dia delle risposte dirette la prego a qcio che le chiedo....solo cosi posso sentirmi pi in pace....cmq mi fido del mio specialista.....ma vorrei sapere anche da voi che ne pensate.....alle 9 prendo la prima dose e dopo a che ora?la sera?va bene per le 20 o troppo tardi?che ne dice di questi sintomi....???

[#35] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Qui non può chiedere indicazioni su come prendere le medicine, per questo ha il suo medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#36] dopo  
Utente 218XXX

cari dottori............mi dareste una risposta la piu precisa se posssibile.....ho gia scritto diverse volte in passato...........vorrei grazie alle vostre risposte avere l'animo in Pace!!
Ricapitolo :a 19 anni ho avuto la Depressione....in seguito mi hanno detta che si tratta di Disturbo bipolare.....adesso ho 39 anni....Dopo varie cure con anafranil....tofrannil..en gocce e non ricordo....(la cura la facevo per 6 mesi.poi la lasciavo...stavo bene per 2 -3 anni e pooi di nuovo ricaduta.Cosi sono andato avanti fino al 2005 cioe a 31 anni lo psichiatra mi ha dato il LITIO!!).Con il Litio tutto Bene per 6 anni ..Ma da 2 anni ormai ho di nuovo una Seppur non Di grande intensita ,piu lieve ma pur sempre Ricaduta!!!Mi sento dei sbandamenti interni non so come spiegarveli....piu ansia...meno sonno...di nuovo paure per la morte etc....insomma UNA RICADUTA IN FORMA PIU LIEVE!!!Il dott che mi segue adesso Dice che Probabilmente il Cervello é in Fase Negativa e non si sa quando finira questa fase....Eppure senza medicine ossia quando interrompevo un trattamento dopo 6 mesi stavo BENE anche per 2-3 anni come gia detto.Da 19 anni sono andato avanti cosi(6 mesi di cura e poi 2-3 anni Buoni senza niente)fino ai mie +1 anni ossia quando ho iniziato a prendere il Litio.Sono 8 anni adesso con il l6 Buoni e 2 no....Vorrrei Sapere da Voi di Cosa Si Tratta?La mia Paura che Forse la Situazione si Peggiori....Piu invecchio e piu chi sa il cervello Impazzisce....Conoscete altri casi come il mio?Vi prego di Rispondermi perché questo mi Aiuterebbe tantissimo!!!Mi hanno detto che si puo impazzire senza una Cura é Vero?Me lo ha detto Cassano di Pisa ...lo ha detto a mio Padre!!!Mi suggerite di prendere un altro Farmaco di Rinforzo?Comunque svolgo tuttte le mie attivitá...la Cura Regge....ma sono come gia dettto piu indebolito!!!!Aspetto Vostre risposte e vi prego di rispondere a tutte le Domande che vi ho fatto perché solo cosi mi sentiro piu tranquillo!!!!So che rispondete come vi dice il vostro Bounsenso ma Vi chiedo per favore di darmi risposte a Tutte le domande che ho fatto perché se non noon sentirei in pace...ok?Per esempio conoscete altri casi come il mio?si diventa pazzi per davvero?devo prendere un farmaco in piú?etc.....Cordiali Saluti e Grazie di Tutto'"

[#37] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Perché chiede di cosa si tratta. Riporta già una diagnosi di Disturbo Bipolare, è stato bene a lungo con un classico farmaco per il disturbo bipolare (il litio), ora ha una ricaduta di intensità minore rispetto al passato, con un connotato credo depressivo (questo vorrà semplicemente dire che è in fase "negativa").
Senza una cura si può impazzire ? Mi sembra una cosa banale, si sta curando il cervello. Se si stesse curando il cuore il discorso sarebbe: senza una cura le può venire un infarto (mi sembra ovvio come discorso). Che significa "si diventa pazzi per davvero", che c'entra con il suo caso, Lei la cura la sta facendo ?

Probabilmente si sta fissando su alcune domande in maniera tale che più le girano in testa e meno le sembra di avere risposte, anche avendole già in partenza. Le domande che pone in realtà sono tutte cose a cui ha già risposto Lei nel raccontare la sua storia, e non lasciano aperti scenari preoccupanti o prospettive drammatiche. La preoccupazione se mai è riprodotta nelle domande che si pone.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#38] dopo  
Utente 218XXX

Dr Pacini la cura ormai la sto facendo da 8 anni in giusto modo seguito dagli specialisti.Purtroppo non l ho fatta in passato in maniera costante.Si adesso mi sembra di aver riavuto una seconda depressione.Credevo di aver chiuso per sempre con la depressione ma dopo 6 anni di litio ancora una volta sono in fase negativa. e in effetti per questo mi vengono pensieri negativi per tutto specialmente per il futuro e per la mia salute.Ma adesso ho buone probablitá di stare bene?non capisco percché questa fase duri da 2 anni.Prima come ho scritto sono stato bne anche senza farmaci per 2 -3 anni.
Lei cosa ne pensa?Questo significa che potrei anche tornare a stare bene come Prima cioe durante i primi 6 anni di Litio?Se avessi fatto la cura da 19 anni q é iniziata la depressione il rischio di impazzire sarebbe stato minore vero?Un ultima cosa potro mai stre bene in futuro forse in Vecchiaia?cordiali saluti e grz di Tutto.Dio la Benedica.

[#39] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

I pensieri negativi sono sintomatici di una fase depressiva. Le domande sul futuro come le dicevo sono inutili e dannose. Idem "se avessi etc".

Potrà stare meglio in futuro, magari non lontano, questa è l'idea guida che comunque vada è quella utile e che le permette di intraprendere dei tentativi in questo senso.

La cura può essere migliorata in considerazione del fatto che da due anni le cose si sono arenate su un tono umorale non buono. Se il litio da solo non basta di solito si aggiunge qualcosa, sempre scegliendo fra i farmaci antibipolari.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#40] dopo  
Utente 218XXX

Dott Pacini puó Lei consigliarmi un farmaco .Le dico io sono all estero e per quanto mi fidi di questo specialista sento di dare piu fiducia a lei,ho letto il suo cv.Cosi potrei suggerire il farmaco che mi consiglia lei al mio specialista e vediamo un po cosa dice? 2 anni di fase negativa mi sembrano troppi non crede?conosce altri casi come il mio?Se si mi sentirei piú sereno.Comunque grz alla sua ultima risposta mi sento gia piu tranquillo.La ringrazio tanto.I miei piú cordiali saluti.

[#41] dopo  
Utente 218XXX

in effetti credo anche io che basterebbe un "piccolo" farmaco di rinforzo per ritornare a starebene come stavo prima.....chi sa perché il mio specialista non me lo ha prescritto in questi 2 anni....Distinti saluti

[#42] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Per indicare terapie devo conoscere il caso, tramite internet non è possibile questo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#43] dopo  
Utente 218XXX

capisco...forse ha in mente ,in base a quanto le ho detto fin ora,qualche farmaco che farebbe al caso mio.Comunque volevo sapere se conosce casi come il mio...cioe di persone che nonostante la cura dopo 6 anni hanno nuove ricadute e debbono assumere un altro farmaco in aggiunta.cordiali saluti

[#44] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Statisticamente le persone che prendono più di un medicinale per un disturbo bipolare sono la maggioranza
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#45] dopo  
Utente 218XXX

gent Dott Pacini....lo specialista mi ha consigliato di prendere ma non necessariamente 20 mg di Anafranil....ossia il medicinale che ho usato in passato prima di arrivare al Litio....Lui forse non vede un problema cosi grave in me....in effetti non lo é....mi ha consigliato di piu di prendere il frontin non so se cé in Italia...che ha un effetto simile ad ÍEn gocce credo......ieri ho deciso di prendere una compressa di Anafranil 20 mg e ho avuto una Botta che non pensavo...sará anche causa del cambiamento di tempo che qui non sta facendo dormire un po di gente...Sono stato male....so che é il primo effetto di questo farmaco.....pero la verita é che non sono sicuro di prenderlo....forse un miglior specialista (senza offendere lui)mi darebbe pi fiducia.....ho pensato di prenotare Visita a Bari.nella mia citta dal mio vecchio specialista...lui che mi ha dato il Litio.....che ne pensate?tra l'altro avevo avuto in queste sett alcuni miglioramenti.....senza farmaci...dopo 2 anni .....non so .....comunque l'anafranil é una buona scelta ?cordiali saluti

[#46] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"mi ha consigliato di prendere ma non necessariamente 20 mg di Anafranil"

? Lo deve prendere o no ? Chi deve decidere ?

E' Lei che deve scegliere se seguire o meno lo specialista, chiedere semplicemente se è una buona scelta o meno non è costruttivo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#47] dopo  
Utente 218XXX

Gentile Dott Pacini vorrei chiederle per quanti anni si fa la cura col Litio?O meglio quando si puó decidere di scendere col numero di compresse?diminuire?io sono in cura ormai da 9 anni e ho 40 anni.A 19 anni ho avuto la prima ricaduta per disturbo bipolare!!!se mi fossi curato continuamente da allora avrei 21 anni di farmaci adesso.É normale una cura cosi prolungata?cordiali saluti marcello

[#48] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

La domanda è male formulata. Lei deve chiedersi quanto si fa la cura per un disturbo. La durata la decide l'andamento del disturbo e l'effetto che la cura fa sul disturbo.

Un disturbo bipolare maggiore, con diverse fasi già svolte, elementi di rischio come ad esempio la familiarità, richiede una cura continuativa. La cura (litio o anche altro) tiene la malattia sotto controllo, può tenerla dormiente, estinta, ma non eradicarla.

La cura non è prolungata, è una cura preventiva per un disturbo con andamento recidivante.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#49] dopo  
Utente 218XXX

Salve dott Pacini abbiamo già parlato in precedenza ma brevemente vi dico solo che sono in cura col litio efficacemente da 10 anni ormai,ho 41 anni.Come scritto nei messaggi precedenti 4 anni fa sono cominciate delle strane sintomatologia come dei giramenti di testa ma non proprio dei giramenti non saprei come spiegarmi. Forse il cervello impazzisce lei lo sa meglio di me ma va bene sto bene. Anzi erano più accentuati qualche anno fa ora vameglio .qualcuno mi ha suggerito il Depakin al post del litio.Qui lo psichiatra non vede la necessità di cambiar farmaco è non ha accennato al Depakin. LEI cosa mi consiglia di fare?potrei prenotare una visita da Lei a Milano?sono a Budapest. Come sento io sento che il Litio mi basta anche se ci sono questi fastidiosi sbandamento così li chiamo. (È interessante Dottore che quando Fisso un punto Fermo sto bene non avverto questi sbandamenti).credo si tratti più di un movimento interno. . ho pensato che un nuovo farmaco il Depakin ad esempio può far qualcosa ma è vero anche il contrario.aspetto vostre notizie Grz

[#50] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Cambiare il litio col depakin è una questione relativa al suo uso nella prevenzione delle ricadute del disturbo bipolare.

Lei invece propone sintomi di altro tipo, che potrebbero essere ricondotti ad uno stato ipocondriaco, oppure essere sintomi somatici indipendenti.

Lei può chiedere un secondo parere a chi crede, vedo che già in passato il medico comunque le aveva suggerito un prodotto da assumere, che evidentemente poi invece non è stato confermato, o non ha preso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#51] dopo  
Utente 218XXX

Salve sono sempre io Marcello e volevo chiedere visto che sono dodici anni che sono in cura col litio ,faccio molto sport adesso ma ho notato che quando faccio attività intensa per esempio un ora e mezza di Body building oppure di Kick boxing il mio corpo e la mia mente sono privi di Energia!
Se faccio una semplice corsa o comunque una attività non troppo impegnativa tutto Tranquillo!
La mia domanda è posso prendere degli integratori di Proteine o Amminoacidi o Carnitina visto che sono in cura col litio oppure devo risolvere solo con una Buona Alimentazione che già seguo ma alle volte per il lavoro o per gli impegni vari non riesco a seguire bene!
Cosa mi consigliate?
Cordiali saluti

[#52] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non è possibile dare indicazioni su cosa assumere. Non capisco il problema: se si sforza si stanca... non potrebbe essere altrimenti. Se si sforza meno non si stanca invece.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#53] dopo  
Utente 218XXX

Quando faccio un allenamento intenso di una ora è mezzo circa mi ritrovo non stanco ma peggio,non so come spiegare ma privo di Vita di Energia e fisica e mentale per due giorni di fila.
Se faccio una corsa di mezz'ora e ancora un allenamento più leggero mi stanco ma dopo in giornata ricupero subito le forze !
Mi hanno consigliato di assumere integratori quando faccio allenamenti pesanti tipo la Carnitina o integratori di Proteine o Bianco di Uovo
Tipo quelli che assumono coloro che praticano il Body building! Da quello che so che bisogna mangiare subito dopo un allenamento intenso per dare le giuste proteine e carboidrati all'organismo!
La mia domanda era semplicemente questa se può rispondermi : gli integratori di Proteine oppure la Carnitina fanno male se interagiscono col Litio?
Posso assumerli senza effetti indesiderati o collaterali?
Cordiali Saluti

[#54] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

I prodotti da associare vanno considerati nello specifico, non per categorie generali tipo "integratori".
E deve valutarli chi glieli prescrive. Non è detto che vi siano informazioni sulle associazioni con tutti i prodotti.
C'è anche da considerare che alcuni prodotti contengono sostanze psicoattive, che più che col litio possono interferire col disturbo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it