Sospensione citalopram

Ho 36 anni e da un anno e mezzo sono in cura presso il MOM della ASL per un disturbo da attacchi di panico.Ho assunto Ansiolin e Citalopram, partendo da 20 gt al giorno di ciascuno,suddivise tra mattina e sera,poi gradualmente ridotti sotto il controllo della psichiatra, fino ad azzerare completamente,dalla scorsa settimana,il Citalopram.Prima della sospensione assumevo 5 gt di Citalopram e 10 di Ansiolin la sera,attualmente assumo solo 10 gt di Ansiolin.Sto contemporaneamente seguendo una psicoterapia e gli attacchi di panico non si sono più presentati,se non in forma molto leggera e gestibile,ma da quando ho interrotto il Citalopram,dopo circa 5 giorni,ho cominciato a soffrire di una forte irritabilità,ansia,sbalzi d'umore,sono molto aggressiva e intollerante.Ho crisi di pianto immotivate.Dato che il dosaggio finale era,mi è stato detto,molto basso e insufficiente a curare un'eventuale depressione"grave",mi era stato assicurato dalla dottoressa che era improbabile che, sospendendolo,potessi stare male di nuovo.Mi chiedo,quindi,se i sintomi che attualmente riscontro,possano essere semplicemente effetti temporanei da sospensione(che però non avevo riscontrato nel corso delle precedenti riduzioni)e pertanto passeggeri,vorrei,se possibile,un secondo parere.Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione che vorrete dedicarmi
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 40.7k 990 63
Gentile utente

I sintomi da sospensione sono possibili e possono durare per un paio di settimane dalla sospensione.

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio molto, in questo caso cercherò di avere pazienza (e spero che le vittime della mia irritabilità ne abbiano altrettanta con me).
Cordiali saluti
[#3]
Dr. Stefano Garbolino Psichiatra, Psicoterapeuta, Sessuologo 2.5k 36 2
Gentile utente,

tenga anche presente che, qualora tali aspetti non fossero risolti nel giro di poco tempo (così come già indicato), sarebbe opportuna una rivalutazione del quadro clinico.

Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#4]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio: qualora le cose non dovessero migliorare entro la fine della settimana sono già d'accordo con la psichiatra di reintrodurre una dose di 3 gt al giorno e, eventualmente non fossero sufficienti, tornare alla mia dose "canonica" di 5 gt fino alle prossime stadiazioni (avevo omesso di specificare che sono una paziente oncologica e che, anche in assenza di attacchi di panico, mi è stata mantenuto un supporto farmacologico minimo per evitare ricadute umorali in caso di esito infausto dei controlli periodici).
Grazie a entrambi per avermi risposto, vi auguro una buona giornata

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto