Utente 154XXX
Buonasera,
sono Max ho 31 anni
verro' subito al dunque.
mi capita circa 5/6 volte l'anno da circa 10 anni, di rivivere da sveglio le sensazioni e frammenti di sogni ad occhi aperti...la mia mente rivive gli attimi della fase rem, che si intrecciano con la realtà....sogni che ho totalmente rimosso ma che in quel frangente si ripresentano e posso dire che i sogni sono molto strani non hanno molto senso logico, e che improvvisamente ricordo anche se non ricordo mai alla perfezione di cosa si tratti e questo in quel frangente mi provoca tipo un flash con improvvisi stati d'ansia...è molto difficile da spiegare , e spero che sappiate di cosa sto parlando in modo da poter centrare in pieno il mio problema....premetto non o mai sofferto in vita mia di stati d'ansia, e non sono assolutamente un tipo ansioso. infatti quando mi prende cerco di rilassarmi e perche no schiacciare un pisolino....
questi momenti possono durare anche per 3/4 ore...e devo dire sono sensazioni molto forti tipo attacchi di panico...
Ringrazio cordialmente chi risponderà, rimango a disposizione per ulteriori delucidazioni a riguardo.
grazie

[#1]  
Dr.ssa Flavia Massaro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MARIANO COMENSE (CO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Caro Max,

è sicuro che questo stato duri addirittura 3-4 ore?
E in questo caso, cosa dura così tanto?
Lo spavento che lei prova o le sensazione di rivedere frammenti dei suoi sogni come dei flash?

Ha già sottoposto la questione al suo medico?
Se sì, cosa le ha detto?
Fa uso di sostanze o di farmaci particolari?

Vorrei inoltre chiederle come mai si preoccupa solo ora e proprio ora di un fenomeno che è iniziato ben 10 anni fa.
Dr.ssa Flavia Massaro, psicologa a Milano e Mariano C.se
www.serviziodipsicologia.it

[#2] dopo  
Utente 154XXX

Salve inanzi tutto La ringrazio per la celere risposta.
circa 3-4 ore dai primi sintomi cioe di rivivere i sogni...(che durano circa un'oretta) per il resto sono solo sensazioni post "dèja vu".
esattamente rivivo i miei sogni come sensazioni e flash che si ricostruiscono mano a mano che li vivo...è un po come la facolta di riscavare nel sogno e ritirare sensazioni e immagini totalmente rimosse (ora non so se funziona come i deja vu che la mia mente crede di aver vissuto ma in realta è uno stato apparente...le sensazioni sono come quelle del deja vu amplificate mille volte), è come riuscire a rientrare nel sogno e vedere tutte le cose strane (e ce ne sono) che sogniamo di notte ma che per qualche combinazione che ignoro il cervello riesce a nascondere al conscio.

non ne ho mai parlato con il medico

soffro di cefalea con aura , ho una aorta bicuspide e non assumo sostanze particolari, non fumo non uso stupefacenti di nessun tipo e odio le medicine...tranne il nimesulide al momento della cefalea.
non mi sono mai preoccupato perche questo fenomeno è passegero e non sono un tipo che si preoccupa molto , pensavo fosse un problema da stress....che si verificava in momeni particolari (ma apparentemente non è cosi) questo prima di conoscere due anni fa il mio deficit valvolare...(dopo di che ho iniziato a preoccuparmi in modo piu' esaustivo del mio stato)
con quale nome è conosciuto questo fenomeno , oppure è una malattia nota del sistema nervoso?

La ringrazio infinitamente del suo intervento
Con stima
Max

[#3]  
Dr. Armando De Vincentiis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
gentile utente, ansia, panico fenomeni dissociativi ecc sono tutti possibili candidati per spiegare la sua situazione, ma vista la complessità sarebbe auspicabile una diangosi dal vivo persso uno psicoterpaeuta o psichiatra per poi poter imparare a gestirla, soprattuto se la cosa le crea disagio.
provi a leggere questo articolo seppur non specifico su ciò che ha raccontato
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/908-che-sensazione-di-estraneita-sara-dissociazione.html
saluti
Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks

[#4] dopo  
Utente 154XXX

addirittura fenomeni dissociativi....
mi scusi ma non riesco a trovare il nesso di voler "scappare" dal mare fantastico della calabria il 20 di agosto....sto messo veramente male se il mio cervello vuole scappare da un posto desiderato per oltre 10 mesi....quindi questa sintomatologia è riconducibile solo a fenomeni dissocitivi o ci puo essere qualcos'altro.
La prego di non considerare il mio messaggio offensivo, non intendo in nessun modo contraddirla, cerco solo di capire cosa mi sta accadendo.
La ringrazio per la risposta

[#5]  
Dr. Armando De Vincentiis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
l'intento del mio messaggio è quello di invitarla a recarsi da uno specialista perchè in questa sede, oltre le ipotesi, non si può andare.
saluti
Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks

[#6]  
Dr.ssa Flavia Massaro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MARIANO COMENSE (CO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
E' importante che lei ne parli con un medico perchè il fenomeno che descrive è complesso e francamente è abbastanza difficile comprenderne la descrizione: visto che abbiamo la possibilità di coinvolgere nella discussione anche altri specialisti sposto la sua richiesta in Neurologia (ma tenga presente la possibilità di postarla anche in Psichiatria) perchè potrebbe trattarsi di un fenomeno di natura organica più che psicologica.

Cordialmente,
Dr.ssa Flavia Massaro, psicologa a Milano e Mariano C.se
www.serviziodipsicologia.it

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Max,

come Le hanno già detto i colleghi psicologi il problema potrebbe essere anche di natura neurologica o psichiatrica. Pertanto una valutazione neurologica è consigliabile insieme a qualche esame diagnostico che il neurologo, meglio un epilettologo cioè un neurologo esperto in epilessie, eventualmente potrebbe prescrivere, per es.un elettroencefalogramma, se lo riterrà opportuno.
Con questo non voglio dirle che il disturbo sia di tipo epilettico ma che non è da escludere questa ipotesi.

Sposto adesso il consulto in Psichiatria per sentire il parere dei colleghi psichiatri.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Gentile utente

Direi primariamente di escludere le cause neurologiche come ad esempio alcune forme di epilessia.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#9] dopo  
Utente 154XXX

Vorrei ringraziare tutti i medici che hanno risposto fino ad ora....
dalle Vostre risposte emerge (o almeno quello che leggo io tra le righe) che i miei sintomi nn sono molto comuni, e molto noti.
la situazione non mi preoccupa piu di tanto, anche perche abituato oramai da piu di 20 anni a soffrire di emicrania con aurea....e fenomeni di afasie importanti, parestesie ecc...non mi preoccupa di certo avere un po' d'ansia e rivivere delle sensazioni...diciamo che ho imparato a gestire il dolore e il mio corpo e vivere quei momenti con "filosofia"...

attendo nuove risposte

Grazie

[#10]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Non so da dove emerga quanto lei dice ma primariamente la valutazione neurologica dovrebbe escludere focolai epilettogeni, in presenza di anamnesi positiva per i sintomi che descrive a maggior ragione tale valutazione non andrebbe esclusa.

Per il resto, se soffrisse di un disturbo psichiatrico ci sarebbero strumenti adatti al trattamento senza alcuna difficoltá
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

potrebbe parlarne prima col neurologo che eventualmente La segue per l'emicrania con aura per avere un primo parere ma lo specilista di riferimento resta, al momento, l'epilettologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 154XXX

secondo voi visto che oramai è noto che l'emicrania con aura puo' essere scaturita da un deficit cardiaco, che questi problemi da me riportati siano causati dal mio problema valvolare? e visto che è una malattia degenerativa con il peggiorare del quadro clinico peggiorino anche gli altri problemi "simpatici"?

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'emicrania con aura, a volte, può essere correlata col PFO (Forame Ovale Pervio) e non con un generico "deficit cardiaco". Ha fatto i dovuti esami diagnostici che hanno messo in evidenza un PFO?
A tale riguardo può leggere il seguente articolo
https://www.medicitalia.it/minforma/neurologia/1440-pervieta-del-forame-ovale-ed-emicrania-il-parere-del-neurologo.html

Esattamente qual è il problema valvolare di cui parla?
E cosa intende per problemi "simpatici"?

Dr. Antonio Ferraloro

[#14]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Non mi è ben chiaro il nesso tra l'emicrania e il suo problema valvolare né tutto il ragionamento che ne è scaturito, certamente la situazione cardiologica va tenuta sotto controllo, i fenomeni che però descrive sembrano apparire come di altra natura e per tale motivo vanno valutati separatamente.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#15] dopo  
Utente 154XXX

ho un'aorta bicuspide con ectasia del bulbo aortico di 46mm ca, il pfo non è ben chiaro se ci si o no ((ho effettuato tutte le analisi possibili, dalla rm , tac , ecocolor doppler, transesofageo) chi evidenzia un pfo chi no, in piu è presente un rigurgito aortico moderato con inizio di ipertrofia ventricolare sx.
tornando al mio problema dei "sogni" volevo capire se siste in medicina un tale problema e a cosa è riconducibile.
grazie per la Vostra disponibilità

[#16]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

un eventuale PFO potrebbe essere correlato all'emicrania con aura, il resto della patologia cardiaca no.
Già da più post Le stiamo dicendo che il disturbo potrebbe essere di tipo epilettico, anch'esso non correlato con i problemi cardiaci menzionati, in questo caso neanche con l'eventuale PFO.
Occorre però una visita neurologica presso un epilettologo o un centro per lo studio dell'epilessia che generalmente è annesso ai reparti di neurologia dei Policlinici Universitari, dei grandi ospedali o di Istituti neurologici specializzati.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#17] dopo  
Utente 154XXX

volevo ringraziarVi a tutti delle risposte...al piu presto effettuero' una visita neurologica e poi staremo a vedere di cosa si tratta....per adesso ho letto che la derealizzazione, si avvicina molto ai sintomi che sento...

[#18]  
Dr.ssa Flavia Massaro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MARIANO COMENSE (CO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Caro Max,

prima di pensare ad un fenomeno psicologico vediamo di chiarire l'ipotesi sulla possibile natura neurologica dei suoi sintomi.
Ok?

Ci faccia sapere!
Dr.ssa Flavia Massaro, psicologa a Milano e Mariano C.se
www.serviziodipsicologia.it