x

x

Un semplice antidepressivo

Salve, volevo chiedere se avendo preso per un semplice doc per 3 mesi 5mg di abilfy abbinato con 60mg di cymbalta e poi successivamente per un mese circa 40mg di zeldox abbinato con 60mg di cymbalta mi abbiano potuto provocare qualche danno irreversibile al cervello dato che ho smesso di prendere questi farmaci perchè mi addormentavano tutto il giorno e poi una volta lasciati c'è stato un tracollo di umore e mi sentivo come se nmon avesi più le capacità cognitive di una volta, come se mi avessero lasciato un segno indelebile, dato che ho visto effettivamente che fanno davvero male al cervello...che poi non ho capito perchè sto medico, se medico si può chiamare, mi abbia dato dei neurolettici se il doc si cura con un semplice antidepressivo...
[#1]
Dr. Stefano Garbolino Psichiatra, Psicoterapeuta, Sessuologo 2.5k 36 3
Gentile utente

effettivamente non è chiaro il razionale della scelta farmacologica. Cosa le ha detto in merito lo specialista?

Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#2]
dopo
Utente
Utente
Da lui non ci sono più andato, anzi menomale che non me lo sono trovato mai più d'avanti...però un'altro specialista ha detto la stessa cosa sua e cioè che non gli è sembrata razionale la scelta dei farmaci, nello specifico delle zeldox...ora però la mia rabbia deriva dal fatto che io dopo quei farmaci ho avuto delle sensazioni che non avevo mai avuto primae vorrei sapere se effettivamente come ho riscontrato su internet questi farmaci provocano un danno irreversibile al cervello...quest'ultimo specialista mi ha detto che lui non crede che per così poco tempo e a dosi basse mi abbiano potuto provocare qualche danno neurologico, ma effettivamente lui però non mi conosceva prima...io non dico che non sono diventato normale ma solo che mi abbiano provocato uno squilibrio biochimico a livello di neuroni......perfavore ditemi la verità, grazie mille...
[#3]
Dr. Stefano Garbolino Psichiatra, Psicoterapeuta, Sessuologo 2.5k 36 3
Gentile utente

non credo proprio che l'assunzione dei farmaci da lei indicati siano responsabili di danni irreversibili, in quanto di per se un mese di terapia non è davvero molto.

L'importante adesso è trovare un professionista con cui instaurare un buona relazione di lavoro e con cui poter discutere tranquillamente di ogni questione.

Eventualmente ci tenga informati sul proseguimento delle cure.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille dottore, anche se continuo a dire che io da quando li ho assunti non mi sento più come prima.....