Distubo bipolare

salve sono un ragazzo di 28 anni.
ho dovuto attraversare un momento molto difficile della mia vita a seguito di un esaurimento nervoso dove sono implosi il mio disturbo dell'umore.....data l'ignoranza e l'incompetenza di molti dottori che hanno voluto speculare sulla salute, la malattia si prottratta per diversi anni (dal 2007 al 2011)....ho cambiato davvero tantissimi farmaci per lo più di natura antidepressiva,ma aimè sono arrivato ad assumere anche antipsicotici seri come lo zyprexa e il risperdal senza ottenere alcun risultato.
ho iniziato con l'aiuto di una dottoressa un percorso di psicoterapia dove mi è stata formulata una prima diagnosi comportamenti ossessivi/compulsivi con tratti di maniacalità(principalmente l'ansia che durante la giornata si trasforma come se fosse un climax in angoscia, malessere fisico con fitte al petto, insicurezza,fobia sociale, insonnia).
Con una nuova cura farmacologica iniziata nel 2009 e portata avanti fino al 2011 formata da 30 mg di Daparox e 1 cps di Mutabon Mite pian piano i problemi sono spariti e sono riuscito a riprendere in mano la mia vita. (decidendo con il mio psichiatra e psicologa di eliminare il Daparox e lasciare come cura di mantenimento il solo Mutabon Mite fino al natale 2012.
Poi la ricaduta dovuto principalmente a stress per studio, e il mio corpo è ricaduto, rimanifestando nuovamente questa forma di ansia che si tramuta in angoscia e malessere generale psicofisico:ho molta paura che tutti gli sforzi e i risultati di questi due ultimi anni vengano vanificani.
Il probela principale è che non riesco a gestire le mie emozioni/senzasioni ed entro nel panico per qualsiasi cosa.
Passo da stati di depressione a stati di massima serenità nella intera giornata.
Oggi ne ho riparlato con il mio psichiatra che ha deciso di riformualare la terapia nel seguente modo:
20 mg di daparox + 2 compresse di depakin crhomo da 500 mg due volte al giorno e mutabon antidepressivo alla sera.
ovviamente il percorso di psicoteria è tutt'altro che concluso in quanto ho un distrubo dell'attaccamento e di diffidenza totale...riesco a distruggere ogni rapporto umano/frequentazione femminile che provo ad instaurare.
volevo chiedere innanzittutto se l'introduzione dell'equilibratore possa trovare sollievo alla mia istintività e incapacità di ragionare...i miei sbalzi di umore sono fin troppo frequenti.....vorrei migliormi davvero ma farlo non è davvero facile.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.5k 1k 63
Gentile utente

In evidenza diagnostica di un disturbo di tipo bipolare l'introduzione dello stabilizzatore del tono dell'umore dovrebbe essere di prima scelta.

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
Utente
Utente
dottore in realtà l'equilibratore non era stato inserito prima perchè il disturbo dell'umore non ricade completamente nel disturbo bipolare.
in ogni caso crede che la nuova terapia farmacologica possa aiutarmi a trovare giovamento tanto in riferimento all'angoscia che mi subentra quanto hai cambiamenti fin troppo drastici del mio pensiero?
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.5k 1k 63
Gentile utente


L'unico modo per capire se la terapia ha un effetto valido nel suo caso è assumerla e sottoporsi a controlli periodici per eventuali valutazioni di variazione.
[#4]
Utente
Utente
dottore quello che mi chiedevo dopo diversi anni di cure senza o con pochissimi risultati se il nuovo farmaco avesse quanto meno le capacità di darmi un po di sollievo.
ovviamente continuerò il mio percorso di psicoterapia.
Disturbo bipolare

Il disturbo bipolare è una patologia che si manifesta in più fasi: depressiva, maniacale o mista. Scopriamo i sintomi, la diagnosi e le possibili terapie.

Leggi tutto