Patologia innata, indotta o assente

avrei bisogno di un parere professionale circa quello al quale ho assistito giorni fa.
Ho per caso incontrato un ragazzo che frequento da 2 anni. Era in un evidente stato confusionale anche se sapeva benissimo dove si trovava e dove stava andando, senza chiavi di casa ne portafoglio.
Non saprei come descrivere lo stato in cui fosse: guardo vago, pupille dilatate, schiena curva. Gli ho chiesto più volte cosa gli fosse successo dato che non riuscivo a chiamarlo da giorni. Mi ha risposto più volte irritato che non aveva fatto nulla e che non aveva nulla. Ad ogni modo mi chiede di accompagnarlo a casa. La cosa strana è che invece di andare a casa sua mi porta dalla madre dove aveva palesemente passato la notte. Non mi accorgo subito di come stava anche perchè riusciamo a fare un discorso abbastanza serio durante il quale però rinnega di avermi chiesto di metterci insieme 2 settimane prima. Premetto che ha sempre avuto il comportamento sfuggente. Decideva sempre lui quando vederci e dopo circa 10/15 spariva per poi ricomparire come niente fosse anche dopo un mese. Io attribuivo il suo comportamento a semplice menefreghismo ma ora inizio ad avere seri dubbi.
Insomma durante l'ultima giornata iniziano ad accadere cose strane. Dopo il discorso serio si alza ed inizia a vagare per casa spostando oggetti e facendo cose senza senso: buca un succo di frutta con uno spaghetto, mette in fila tutte le posate, prepara metà tavola in cucina e metà in salotto, trovo vecchie foto alle pareti i cui volti sono stati recentemente cancellati con pennarello, mi chiede di prendere cose in posti inesistenti, buchi di memoria. In passato mi aveva raccontato dei rapporti difficili con una madre che dall'età di 10/11 gli dice che l'averlo fatto è stata una maledizione...ebbene ho visto in realtà una madre dolcissima e decisamente spaventata per come stava il figlio quel giorno. Ad un certo punto durante il pranzo si ammutolisce ed inizia a fissarmi facendo ogni tanto qualche smorfia. Ho provato a farlo parlare chiedendogli se avesse preso qualcosa ma non mi ha proprio risposto. Posso dire per certo che spesso beve e in passato ha integrato con altre droghe come cocaina ed MDMA. Fa molto spesso uso di cannabis (circa 4 g al giorno). Quello che so me l'ha raccontato lui ma non credo sia tutto. La madre ha più volte cercato di dirmi qualcosa quel giorno ma lui l'ha sempre fermata. Non mi ha tolto un attimo le mani di dosso e nonostante gli dicessi di no insisteva per fare sesso. Ad un certo punto ha iniziato a correre per la stanza...insomma ha fatto cose che non gli ho mai visto fare. Quando ci vedevamo in passato era molto tranquillo, loquace, divertente, dolce... Ho pensato ad una patologia (Bipolarismo) aggravata dal prolungato uso di alcol e stupefacenti ma mi servirebbe un vostro consulto anche a grandi linee.
Credo che comunque cercherò di parlare da sola con la madre anche solo per capire con chi ho avuto a che fare in questi 2 anni.
lui ha 30 anni
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.5k 990 248
"Fa molto spesso uso di cannabis (circa 4 g al giorno)."

E' sufficiente questo per produrre quadri psicotici. Se fosse una cose del genere, alcuni dei comportamenti da Lei descritti in effetti tornerebbero.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#2]
dopo
Attivo dal 2013 al 2014
Ex utente
Gentile Dott. Pacini,
quindi fumarsi 4 g al giorno di cannabis per tempi molto prolungati può portare a patologie? Non sono neanche sicura che lo faccia tutti i giorni...
ammetto che sono non poco spaventata da quello che ho visto...e nei miei 30 ne ho viste di cose. Insomma anche io non sono sempre stata una santa ma lavoro, faccio sport, ho degli amici, nessun problema nella sfera sociale anzi adesso che ho delle responsabilità sto maggiormente alla larga da persone simili.
Per me è stato un filmine a ciel sereno...mai in vita mia ho visto una persona comportarsi così...
Un momento apparentemente lucido, tanto da utilizzare metafore per spiegare alcune cose...ed un momento dopo buca un succo di frutta con uno spaghetto.
Non potrebbe essere una sostanza diversa od un mix?

ps. A questo punto non so proprio con chi ho avuto a che fare per 2 anni e non so se vale la pena capire magari cercando di parlare con la madre che comunque cercava di dirmi qualcosa...oppure lasciar perdere...
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.5k 990 248
Gentile utente,

Potrebbe essere una qualsiasi sostanza in grado di indurre psicosi, così come essere una forma spontanea. Ma rispetto alle sostanze, è sufficiente un consumo frequente di cannabis.
Disturbo bipolare

Il disturbo bipolare è una patologia che si manifesta in più fasi: depressiva, maniacale o mista. Scopriamo i sintomi, la diagnosi e le possibili terapie.

Leggi tutto