Utente 352XXX
Buongiorno e grazie anticipatamente ai professionisti che vorranno fornirmi una risposta. Ho 40 anni e ho sempre avuto in vita mia problemi di depressione che ho volutamente nascosto ai miei famigliari per non farli spaventare. Vivo in una famiglia senza padre e quindi ho optato per tenere allo scuro della questione chi mi vuole bene, per non gravarli ulteriormente di un problema che comunque non potrebbero affrontare/risolvere. Specifico che non mi sono mai rivolto a specialisti prima d'ora, se non saltuariamente a uno psicologo, per poche sedute, interpellato comunque solamente per una particolare sfaccettatura del mio problema (la tendenza a procrastinare per paura le decisioni emotivamente difficili). Oggi mi trovo a dover accettare la cruda realta': dopo mesi che sto male da morire e medito il suicidio (che non posso attuare anche solo per il fatto che sono consapevole che peggiorerei la situazione dei miei cari) mi sono deciso ad agire e sto valutando la possibilita' di farmi volontariamente ricoverare in una struttura psichiatrica. Le domande che vorrei porre sono due:
Uno: come e' possibile farsi ricoverare se il medico di base che mi cura non sa nulla di tutto cio' e, anzi, e' una persona che tende a minimizzare ogni cosa? E' capitato in passato che tale medico, stimabile per carita', si esprimesse in maniera non propriamente positiva verso la categoria degli psicologi.
Due: vorrei valutare la possibilita' del ricovero, ma non e' che posso assentarmi mesi da casa senza che la mia famiglia lo scopra e, comunque, non vorrei trovarmi nella posizione di essere obbligato a rimanere "ospite" della struttura fino a che i medici decidano di lasciarmi tornare a casa.
Grazie ancora a tutti i professionisti che vorranno delucidare sulla questione.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Prima di giungere al ricovero la situazione andrebbe valutata da uno specialista in psichiatria che possa considerare anche l'opportunità di trattamento al di fuori di ambiente di ricovero.

Qualora si dovesse optare per un ricovero comunque andranno informati sia il medico di base che la sua famiglia.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 352XXX

Grazie Dott. Ruggiero per la veloce risposta. Ma se ho capito bene quindi il medico di base quindi non si puo' opporre? Mi pare di capire che andrebbe quindi solo informato, nel caso uno specialista abbia preventivamente dato il proprio parere favorevole. Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Un ricovero psichiatrico può essere proposto dallo specialista ma il medico di base ha la facoltà di indirizzarla come crede.

In ogni caso, la valutazione al ricovero va fatta dallo specialista e non in considerazione di una sua supposizione.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it