Depressione ed ansia

Buongiorno.
Ho sofferto in passato di depressione ed ansia e curato tali patologie con cipralex e lexotan. Dopo 6 anni di psicoterapia, stando meglio ho smesso, sempre sotto controllo medico (psicologo e psichiatra).
Precisamente un mese fa l'ansia è tornata, ero fuori per lavoro ed in farmacia mi hanno potuto solo dare gocce di biocalm. Dopo 3 giorni di assunzione (10 gocce per 3 volte/die) sono tornata a casa e stavo meglio. Ho interrotto e dopo 10 giorni si sono riverificati gli attacchi di panico. Ero di nuovo fuori per lavoro. Al rientro mi sono recata dallo psichiatra ed oggi è il 20esimo giorno che assumo cipralex (prima settimana 2,5 mg, seconda settimana 5 mg, questa settimana 7,5) a pranzo e 15 gocce di xanax la sera. Sono stata bene già dopo 3-4 giorni finchè l'altro ieri non ho avuto di nuovo attacchi di panico e mi sono sentita giù. Distraendomi va meglio ma comunque non va bene. In compagnia non ci penso ma vorrei rimanere sul divano di casa mia a guardare la tv. Sono preoccupata perchè lunedì riprendo il lavoro, ho tanti progetti in scadenza e non posso stare male.
Cerco di farmi forza, sapendo che prima di un mese può capitare di non vedere miglioramenti mentre io già pochi giorni dopo le prime assunzioni stavo meglio. Il mio psichiatra dice che può capitare di sentirsi così soprattutto nel primo mese. Io cerco di reagire, farmi forza, non pensarci e distrarmi ma non sono la persona di sempre. Io sono solare, ottimista, amo la vita, mi godo la vita di coppia e ho tanti progetti. Non vedo l'ora di stare meglio e aspetto rassicurazioni. Seguo le prescrizioni del mio psichiatra naturalmente ma mi chiedo perchè questa ricaduta. Ringrazio dell'attenzione. Un saluto e buon sabato.
[#1]
Dr. Piergiorgio Biondani Psichiatra, Medico di base, Perfezionato in medicine non convenzionali, Psicoterapeuta 1.6k 51
Gentile utente,
sul motivo della ricaduta è piuttosto difficile esprimere un parere a distanza,potrebbe essere stato un accumulo di stimoli stressogeni che lei non ha elaborato sufficientemente a livello consapevole e che, lavorando sotto traccia, hanno minato l'equilibrio che aveva raggiunto,come potrebbero anche esserci altre motivazioni che andrebbero valutate assieme ai suoi terapeuti.
Per quanto concerne la cura attuale penso sia ancora piuttosto presto per aspettarsi un rialzo ed una stabilizzazione del tono dell'umore,tenga conto che non ha ancora raggiunto quella che è generalmenteconsiderata la dose minima efficace di 10 mg..
Ci vorrà pertanto ancora qualce settimana di pazienza per vedere dei risultati concreti e stabili.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio moltissimo dottore. D'altronde solitamente i tempi per vedere miglioramenti si aggirano intorno alle 4/6 settimane quindi sono stata fortunata a stare meglio prima o sbaglio? Sicuramente rispetto ai primi giorni sto meglio, nel senso che mi sento giù ma non mi chiudo in casa rimanendo a letto e piangendo come accadeva, bensì cerco di non pensarci, mi distraggo, tengo la mente impegnata, penso comunque alle possibili cause del mio stato e butto giù pensieri per superare tale momento. Fortunatamente sono fidanzata e la mia ragazza mi è molto vicina, così come mia madre. Purtroppo quando uno cadeuna volta in tali patologie, poi anche solo il pensiero di riprovare le stesse brutte sensazioni è struggenti, e non so se aspettare con ansia/entusiamo che arrivi il fatidico 30esimo giorno di assunzione, arrivando a 10 mg possa essere negativo, in quanto caricato di aspettative. Ma io giro l'Italia per lavoro, sono a contatto col pubblico, e sono sempre stata una bella persona, non voglio stare così :( C'è qualche possibilità che la cura possa essere non adatta? (in passato ha sempre funzionato cipralex), motivo per cui c'è stata la ricaduta o devo solo attendere con pazienza, resistendo e facendomi forza?
Inoltre sforzarmi (nei limiti del consentito) di condurre una vita normale e distrarmi come sto facendo è positivo secondo lei o sarebbe meglio accettare i limiti che il mio stesso corpo/mente mi impone?
Grazie mille e buona giornata.
Ansia

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto