Utente 408XXX
Gentilissimi dottori,
da pochi giorni il mio psichiatra, visto che pativo una forte inerzia e angoscia, mi ha fatto passare dallo Zyprexa 5 mg all'Abilify 5 mg...dicendo che quest'ultimo è più utile nel mio caso perchè ha un effetto anche attivante oltre che antiossessivo....però ho notatto un aumento dell'ansia...è normale o, spero, transitorio?

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Innanzitutto sono due antipsicotici, o antibipolari, non so in che funzioni li usi (e se da soli o associati ad altro).
E' possibile un aumento dell'ansia, anche semplicemente per la sospensione dell'olanzapina.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 408XXX

Gentilissimo Dr. Pacini,
intanto la ringrazio per avermi risposto. Sono farmaci che non prendo nè per disturbo bipolare nè per psicosi, ma come aggiuntivi per la depressione e il disturbo fobico ossessivo resistenti. Insieme prendo anche Venlafaxina 150 mg, da portare a 75 mg, Mirtazapina 15 mg e Rivotril 7 + 8 + 10. L'Olanzapina la sto sospendendo gradualmente, cioè sto prendendo (per qualche giorno ancora) 2,5 mg....anche se il medico mi aveva detto che potevo sospenderla senza scalare...Sento un lieve miglioramento per l'angoscia, ma, come dicevo precedentemente, ho un aumento dell'ansia...le chiedo nuovamente se è un fenomeno transitorio e normale con questo farmaco. Poi tra qualche giorno sentirò anche il mio psichiatra.
Cordialità

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

In questo caso, sì, è verosimile che sia l'introduzione dell'abilify, che può dare sintomi del genere, la cui evoluzione è semplicemente da verificare, perché è molto variabile.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 408XXX

La ringrazio gentilissimo Dr. Pacini per la risposta.
Ora, dopo 10 giorni da quando ho iniziato l'Abilify, l'aumento dell'ansia sta andando scemando. Le volevo chiedere se secondo lei questo farmaco alla lunga potrebbe aiutarmi a fare a meno della Venlafaxina. Il mio psichiatra intanto me l'ha ridotta da 150 mg a 75 mg.
Cordialità.

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sono due farmaci con meccanismo e indicazioni diverse. Una terapia con solo abilify è teoricamente possibile, ma non perché sostituisca nel meccanismo la venlafaxina, se mai perché è sufficiente da solo, il tutto da verificare sulla base dell'andamento della situazione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 408XXX

Grazie Dr. Pacini per le chiarissime risposte.
Volevo infine chiederle altre 2 cose. L'Abilify al dosaggio che assumo io, 5 mg, è un antidepressivo, e a dosaggi superiori invece è un antipsicotico più sedativo? In ultimo...ma noi che soffriamo di disturbi psichici in pratica abbiamo squilibri biochimici nel cervello?
Cordialità

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Avere squilibri biochimici del cervello non è che significhi niente di particolare. Se uno ha gastrite, avrà squilibri nello stomaco, biochimici certamente, siamo fatti di quello.
In questo caso parliamo di cervello.

A dosaggi ancora minori di 5 mg forse è un antidepressivo, nel suo caso è usato come antiossessivo. A questo dosaggio è solitamente inefficace come antipsicotico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it