Utente cancellato
Salve Dottore,

ho bisogno di un suo parere, riguarda un disturbo di cui soffre mia madre.

Ha 81 anni, e ha, da tempo, un problema di forte prurito in testa. La notte, specialmente. Con una sorta di sensazione/allucinazione di insetti che le cascano dal campo. E' una sensazione molto fastidiosa e invalidante, perché non le consente di riposare.
Per questo problema le era stato prescritto il farmaco "Olanzapina" 2,5 mg. Ma dopo qualche mese ha iniziato ad avere problemi di aritmia cardiaca (flutter) con battiti molto alti e rinquadramento doveroso della terapia.
Le chiedo, intanto, se potesse dipende da un effetto collaterale del farmaco stesso.

Successivamente, risolti i problemi di aritmia, le è stato consigliato il farmaco "Serenase".

Volevo sapere cosa pensa a riguardo dei sintomi, del farmaco che le erra stato prescritto precedentemente, e se il "Serenase" potrebbe essere una terapia indicata.

Grazie, saluti.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Il farmaco precedentemente prescritto oramai pare sospeso per cui non ha motivo di chiedere chiarimenti che tra l’altro,poteva richiedere al prescrittore.

Il serenase può avere indicazione nei sintomi di sua madre in evidenza di un corretto inquadramento diagnostico.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
492928

dal 2018
Dovevo spiegarle la cosa dettagliatamente, quindi il motivo c'era.
1) Esattamente da cosa possono derivare tali sintomi?
2) Il Serenase può creare effetti collaterali ai danni del cuore? Questo è molto importante saperlo.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Le alterazioni percettive notturne dell’anziano possono dipendere da diverse condizioni riguardanti lo stato cognitivo e l’insorgenza di demenza.

Il farmaco prescritto può avere indicazione e chi lo ha prescritto lo ha fatto con cognizione di causa, valutando quindi anche lo stato cardiologico di sua madre.

Non ha specificato i dosaggi di farmaco.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it