Utente 776XXX
Sono il figlio dell'utente e vorrei chiedere un consulto.Ho 31 anni e soffro dall'età di 17 di attacchi di panico e disturbi dell'umore.Da allora sono in cura con depakin 300 mg e citalopram 20 mg.Durante gli attacchi più acuti prendevo e prendo ancora En gocce (10 o più).Inizialmente le cure mi sono state di aiuto e gli attacchi di panico sono diminuiti di intensità e frequenza.Inoltre era migliorato il tono dell'umore.Dopo un periodo di benessere i primi anni ho iniziato a vivacchiare poichè come umore non ero al massimo e si ripresentavano gli attacchi di panico.Però tra il 2014 e il 2016 sono stato nuovamente meglio e non ho avuto disturbi.In concomitanza avevo ridotto il dosaggio giornaliero di depakin e citalopram ad una pastiglia al giorno.La voglia di fare,la reattività e l'acutezza di pensiero erano migliorati con la riduzione dei farmaci.I problemi si sono ripresentati da un anno a questa parte e anzi sono aumentati.Stress,tachicardia,rabbia incontrollata e attacchi di panico più forti che in passato oltre a momenti di depressione.A questo si sono aggiunti incapacità di concentrazione,difficoltà a leggere (io che ero un lettore accanito),forti tremori e tachicardia durante tutta la giornata.A quel punto in seguito ad insonnia su consiglio dello psichiatra ho riaumentato depakin 300 a due pastiglie al giorno mattino e sere e citalopram 20 a due pastiglie mattine e sera.Mi è stata prescritta inoltre olanzapina 2,5 alla sera.Inizialmente grazie all'olanzapina ho ripreso a dormire bene ma dopo poco tempo ho iniziato a dormire praticamente tutto il giorno,sono aumentato di peso e mi sento totalmente senza energia.Il vero problema è che gli attacchi di panico sono quotidiani(questo già prima dell'assunzione di olanzapina)e più volte al giorno.In concomitanza ora presento anche momenti di vera e propria confusione mentale che invero si presentano anche al di fuori degli attacchi di panico.Ora il mio stato è di ansia continua,tachicardia,fastidio di fronte ai rumori e alla luce solare,giramenti di testa frequenti.Adesso sto in casa perchè col caldo e il sole sto malissimo.Non esco più con gli amici.La mia paura è rappresentata dai sempre più frequenti episodi di confusione mentale,dalla mia ormai totale incapacità di concentrazione e di provare piacere e qualsiasi emozione positiva.La sensazione che ho è come se una parte di me o del mio cervello fosse morta e totalmente incapace di riprendere le sue normali funzioni come se il cervello fosse in black out.Non so se sia o meno depressione.In ogni caso oltre a questo si è aggiunta una forma moderata di impotenza e disinteresse quasi totale per la sfera sessuale.Segnalo perdita di capelli e obesità.Non so più cosa fare e temo che i miei sintomi siano dovuti ai farmaci dopo anni di utilizzo continuato (ben 13 anni) o che questi sintomi siano dovuti a qualcosa di natura organica che non mi è stata diagnosticata.Vi ringrazio per l'attenzione e spero in una rapida risposta.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Alcuni dei suoi disturbi sono probabilmente effetti collaterali (come l'incremento ponderale, la sonnolenza e i problemi sessuali). Altri sono sintomi della sua patologia.
Appare chiaro che il suo protocollo terapeutico ha bisogno di una revisione.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 776XXX

Grazie dottore per la sua risposta.La mia paura però oltre al calo della libido è dovuta soprattutto ai momenti di confusione mentale e alla sensazione di svuotamento emotivo.Mi sento come se il mio cervello fosse bloccato e incapace di provare qualsiasi sensazione positiva oltre ad essere in calo in quanto capacità cognitive.Leggendo sul web ho trovato il termine anedonia e la descrizione si addice perfettamente al mio caso.Questa situazione può essere dovuta all'Olanzapina che prendo da pochi mesi,è dovuto alla mia patologia oppure entra in gioco qualcosa di organico? Vi ringrazio nuovamente per la gentile attenzione e la solerzia nel rispondere.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Non posso che confermare la mia prima risposta. Deve riparlarne con il suo specialista.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-