Utente 411XXX
Gentilissimi, scrivo in questa sezione perché credo sia la più idonea al mio scopo. Ho aperto un consulto in neurologia ma, date le NON EVIDENZE in ambito neurologico, suppongo di dover articolare tutto qui.
Da circa tre mesi ho lasciato il computer poiché mi ha causato (non so se il PC ma tutto è partito in queste circostanze) serie compromissioni, dai tremori alla derealizzazione, con sintomi vasovagali associati (mioclonie, tremori, vista offuscata, acufeni, vertigine). Ad oggi non tocco più il PC e sono migliorato di molto, tuttavia resta vertigine (che si allevia con massoterapia), difficoltà di linguaggio e nomi sbagliati, memoria breve difficoltosa, senso di lieve disallineamento mentale e percezione'strana' Delle situazioni circostanti. Eseguita visita neurologica con RMN, encefalo senza problemi, rachide con perdita della lordosi e note di spondilosi da postura. Mi devo preoccupare per la memoria? Posso perderla o è una conseguenza/protezione? Cosa fare? Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Dovrebbe effettuare una visita psichiatrica per una valutazione ed un trattamento dei suoi sintomi.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 411XXX

Gentile dottore, grazie per la risposta. Farò gli accertamenti del caso. Mi chiedo tuttavia se in letteratura una condizione simile può portare spontaneamente a sintomi di compromissione permanente a questa età e a degenerazioni irreversibili. Ho molta preoccupazione ma mi piacerebbe anche ascoltare e accettare la verità. Grazie.