Utente 504XXX
Buongiorno
Inizio col dire che a maggio del 2014 ho avuto un periodo molto buio dove a causa di svariati episodi sono caduta nel cerchio dell ansia e della depressione. Ho iniziato a prendere le gocce "levopraid" , che però presi solo per un mese perché avevo la sensazione di stare peggio in quanto dormivo sempre e di conseguenza non uscivo mai e questa cosa mi faceva stare male parecchio. Un giorno mi alzai e Iniziai a scavarmi dentro e capi di dover cambiare stile di vita... iniziai a lavorare e mi sentivo bene, felice e sapevo controllare la mia ansia con una facilità che non pensavo potessi riuscirci.
Poi però persi il lavoro ... ( l attività è stata chiusa) ed ecco che ricado di nuovo .. con pensieri ,stavolta , suicida... (ma io assolutamente non volevo fare una cosa del genere) e capi' che dovevo trovare un altro lavoro perché passavo tutte le giornate a casa a deprimermi in quanto le mie amiche lavoravano tutte! Trovai lavoro ... ed ecco che sto di nuovo bene, felice , non mi fa paura niente, ho autostima di me stessa,parlo con tutti , non ho più ansia ... se pensavo che prima avevo quei pensieri suicida mi prendevo per cretina da sola perché percepivo quanto bella fosse la vita. Oggi dopo un anno e mezzo ecco che si ripresenta... E penso che la causa sia il fatto che il mio ragazzo si è ammalato (malattia al cuore) e quindi per me è un periodo di forte stress E mi ripeto più volte che questi pensieri negativi e la rabbia andranno via presto...E me lo auguro... perché io amo la vita ma non so perché a volte ho paura di perdere il controllo. Dico a volte perché ho sempre voglia di uscire e mi diverto un casino... mi capita quando sto da sola il pomeriggio a lavoro... poi la sera se ci ripenso dico tra me e me " ma cosa pensavo di pomeriggio, sono pazza?". Avevo pensato di andare da uno psicologo , però non ho voglia di assumere psicofarmaci in quanto ,quando ho i periodo dove sono felice rianalizzo i periodi tristi e mi dico che sono abbastanza forte da superarli come ho sempre fatto e che in quanto abbastanza sensibile soffro anche per i dispiaceri altrui. Vorrei sapere un vostro parere. Grazie mille. Scusate per la lettura... :) un Po lunga ma adesso che ho scritto mi sento bene. Tanti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
"....... perché ho sempre voglia di uscire e mi diverto un casino......"
non mi sembra che si possa parlare di un qualche tipo di disturbo depressivo nel suo caso almeno in atto, ma potrebbe essere presente una tendenza alla disforia e una reazione eccessiva agli eventi stressanti della vita, queste condizioni andrebbero valutati nel tempo, se pensa che la sua vita sia modificata in modo negativo dal suo stato psichico allora potrebbe essere utile un colloquio psichiatrico.
Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta