Utente 424XXX
gentili dottori, scusate se sto abusando di questo spazio da molto tempo , ma in questi giorni non ho ricevuto risposta nè in ematologia, nè in medicina generale e provo anche qui contando sulla vostra pazienza e professionalità. Qualcuno di voi conosce già la mia storia: sono in cura da anni con psicologo e psichiatra per ansia, depressione, ipocondria e attacchi di panico, in questi anni ho temuto di avere ogni sorta di malattia.. linfoma, leucemie, sla, sclerosi, parkinson, tumore al colon, alla vescica, alla prostata..ho vissuto malissimo... e ho una forte tendenza alla somatizzazione: pollachiuria, colon irritabile,prurito, orticaria.... Fino al 2016 trascorrevo le mie giornate tra ospedali, laboratori di analisi, tac, ecc ecc.. fino a quando il medico di base mi ha esortato a curare esclusivamente l aspetto psichiatrico... effettivamente anche in questi due anni ho temuto di avere di tutto e lui mi ha etichettato come ansioso senza mai volermi prescrivere nemmeno analisi del sangue di routine "perchè alimenterei la tua ansia". La cosa che mi terrorizza è la seguente: -metà luglio 4 giorni di faringite e febbre, non alta -metà agosto 4 giorni di febbricola e senso di calore, con 4-5 giorni di miglioramento totale e ora da 2 giorni di nuovo sensazione di testa accaldata Su internet leggo mille storie di persone con febbricola o febbre che va e che viene con linfoma e leucemia, ma ormai non mi ascolta più nessuno e pensano tutti sia o una semplice alterazione minima dovuta al tempo, all'ansia e al fatto che, camminando tantissimo a piedi, sudo molto, o che addirittura 36.9 (temperatura massima riscontrata sotto l'ascella) e 37,1 (temperatura massima riscontrata in bocca) siano temperature normalissime e che quindi in questi 10 giorni sono stato semplicemente accaldato, ma senza alcuna febbre o febbricola. La misuro ogni 10 minuti, con termometri diversi, per strada, porto il termometro ovunque e ho paura dell'effetto " a lupo a lupo". Vorrei chiedere anche a voi un parere aggiungendo che, arbitrariamente, da mesi ho sospeso cipralex perchè ritengo che il mio problema sia oncologico e non mentale. Sto soffrendo contemporaneamente di una lieve forma di prostatite. Ho triplicato di mia spontanea volontà il dosaggio serale di xanax (da 20 a 60) e da lì ho stanchezza estrema alla gambe e sonnolenza pomeridiana. Tra i sintomi di somatizzazione e depressione rientrano anche febbricola e febbre costante? Sabato scorso (sono molto tifoso) c'è stata la prima partita della Salernitana ed è stato il primo giorno in cui mi sono sentito veramente bene. L'unico fastidio che avverto è questa fronte calda, come se avessi febbre altissima..misuro e: mattino sto bene, pomeriggio max 36.9, sera massimo 37,1 (in bocca), di notte sto bene e con i farmaci dormo. Non ho dimagrimento, inappetenza o dolori, solo un po' di reflusso e muco in gola. Effettivamente ci sono campanelli d'allarme o la mente "malata" può fare tutto questo? grazie un abbraccio

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Lei cambia la terapia a suo piacimento, poi chiede rassicurazioni in continuazione con premesse assurde e fa domande ancora più assurde.


Deve curare la sua malattia psichiatrica in modo deciso.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 424XXX

Grazie per la risposta, sebbene un po' dura.chiedevo semplicemente se l abuso di xanax può alterare la temperatura, se la febbricola rientra nella vasta gamma di somatizzazioni e se 36,9 è da considerare una temperatura corporea normale o alterata