Utente 446XXX
buongiorno,
soffro di d.o.c. il mio doc è la paura di non addormentarmi.

assumo Zyprexa 2.5 mg e Sertralina 100 mg

la cura è abbastanza efficace, ma
-non riesco a fare sesso con la mia ragazza
-ho problemi di stipsi, l'intestino non funziona come dovrebbe
-alla mattina sono frastornato
-sono ingrassato di 10 - 12 kg in meno di un anno

il mio psichiatra si ostina a dire che lo zyprexa non da questi effetti collaterali, che sono io che mangio di più, che si tratta di un ottimo farmaco.

lunedì torno da lui, esiste un alternativa senza questi effetti collaterali?

mi pare di capire che sia zyprexa che sertralina siano farmaci a basso effetto anticolinergico, percui se questi mi provocano stipsi, non oso immaginare l'effetto che mi farebbe l'anafranil

Io vorrei avere a disposizione una cura senza questi effetti collaterali, non è possibile che alla mattina quando vado a lavorare sono stordito per colpa dello Zyprexa, oppure che non riesco a fare sesso con la mia ragazza perchè la sertralina provoca ritardo eiaculatorio.

Com'è possibile che vengano commercializzati farmaci assolutamente obsoleti, come aloperidolo, promazina, clomipramina, ecc.. pieni di effetti collaterali gravissimi. Parliamo di molecole che provocano più danni che benefici

Da quando ho capito lo Zyprexa dovrebbe essere un neurolettico di seconda generazione con pochi effetti collaterali, non credo sia proprio così.

Nella mia carriera da paziente psichiatrico ho avuto il dispiacere di provare diverse molecole tra cui
- amitriptillina
- bupropione
- citalopram
- agomelatina
- quetiapina
- vortioxetina

TUTTI questi farmaci mi provocano effetti collaterali all' apparato digerente (stipsi), percui credo che sia una caratteristica comune all'intera classe farmacologica degli psicofarmaci.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Potrebbe beneficiare di terapie con minori effetti collaterali se compatibili con la possibilità di prescrizione nel suo caso specifico ed in ogni caso non è escludibile a priori la possibilità che si presentino nuovamente effetti collaterali.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 446XXX

In pratica mi sta dicendo che esistono alternative terapeutiche ?
Inoltre chiedo se un paziente con doc è destinato a curarsi chimicamente a vita.

Inoltre, benché la letteratura sia concorde nel considerare la TCC come trattamento cardine per il disturbo, il mio psichiatra non me la consiglia.

cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
La letteratura non indica la tcc come trattamento cardine.

Esistono diverse alternative

Il suo psichiatra stabilisce trattamenti ed anche eventuale psicoterapia sulla base della valutazione diretta
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#4] dopo  
Utente 446XXX

vedremo stasera cosa decide il mio psichiatra.

nell'ambito degli antipsicotici (tipici e atipici) esistono molecole dotate di scarsa attività sedativa ? il termine 'tranquillante maggiore' indica che il neurolettico agisce da sedativo? l'attività antipsicotica si associa sempre ad attività sedativa ?

l'aripiprazolo è indicato nel doc ?