Utente 508XXX
Buonasera. Ho già provato a rivolgermi al vostro servizio e ho sempre trovato medici gentili pronti ad aiutare gratuitamente nel momento di sconforto.
Vorrei chiedere un aiuto per interpretare sintomi che avverto.
Assumo alralzolam 0.25 da luglio di quest'anno a questo dosaggio:
0.25 appena sveglia
0.25 dopo 6 ore
5 gocce prima di cena ma non sempre
0.25 prima di andare a letto

Ho notato che quando si avvicina l'orario in cui dovrei prendere la dose successiva (circa dopo4/5 ore da quella presa) inizio ad avvertire tremori giramenti di testa nodo in gola... Ansia.
Può essere che il mio fisico oramai è abituato all'effetto alprazolam e appena inizia a svanire lo richiede facendomi sentire determinati sintomi? Grazie a chi mi potra rispondere.

[#1] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
L'alprazolam e tutte le benzodiazepine dovrebbero essere usate solo per brevi periodi o saltuariamente, in caso di necessità. Diversamente, come ha intuito, creano assuefazione e spesso occorre aumentare la dose per ottenere lo stesso effetto iniziale. Il risultato è una dipendenza con possibile tendenza all'abuso.
I farmaci per la cura a medio-lungo termine dell'ansia, dell'agitazione sono altri. Deve rivolgersi ad uno Psichiatra che le dia una cura efficace e, successivamente, la aiuti a sospendere gradualmente l'alprazolam.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#2] dopo  
Utente 508XXX

Grazie dottore. Quindi lei ritiene che questi sintomi siano dovuti a una dipendenza che ormai ho innescato?
Sono seguita da agosto dal cps della mia città. E tramite loro indicazione ho iniziato ad assumere alprazolam a questo dosaggio. Da circa 3 settimane ho iniziato parallelamente a livello privato un percorso psicologico. ( gli incontro al cps sono mensili... Troppo lunghi i tempi tra uno e l'altro... E fatico a gestire l'ansia).
La psichiatra del cps mi ha sempre detto che il mio dosaggio è ancora molto basso e non rischiavo in questo modo dipendenza. Ma io riscontro una situazione diversa. Ho provato a scalare la dose anche di una sola goccia ma il risultato è sempre peggio. Giramenti di testa. Vista offuscata. Tremore. Paura.
Quindi lei è dell'idea che tali sintomi sono dipendenti dalla mia ormai assuefazione? Grazie ancora e buona serata.

[#3] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Sembrano proprio sintomi da astinenza, la dose è bassa ma questo non impedisce l'assuefazione al farmaco.
Una cura farmacologica di sole benzodiazepine non è solitamente corretta, che lei associ o meno una psicoterapia.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#4] dopo  
Utente 508XXX

Me ne rendo conto. Ho provato sempre sotto direttiva della psichiatra del cps ad iniziare una terapia con antidepressivo ma visto il riscontro disastroso insieme abbiamo deciso di interromperla. Io vorrei riuscire a eliminare le benzodiazepine e imparare o meglio ritornare a saper gestire la mia ansia senza medicinali. Lo scalaggio so che deve essere fatto sotto indicazione medica. Ma sicuramente non voglio aumentare... Semmai appunto riuscire a eliminare. Crede che tra la terapia psicologica che ho iniziato e uno scalaggio graduale programmato con la psichiatra del cps riuscirò a riavere una vita normale senza tremori e giramenti che non fanno che aumentare l'ansia stessa? Grazie per la sua pazienza e disponibilità

[#5] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Ci sono diversi antidepressivi efficaci, troverà quello meglio tollerato. La riduzione degli ansiolitici senza un antidepressivo "antipanico" che l'aiuti rischia solo di indurre un aumento dell'ansia. La terapia psicologica va bene se funziona ma lei non mi sembra che ne abbia tratto tutto il giovamento necessario. I medicinali, se servono e sono ben gestiti, sono efficaci e sicuri... il cervello è un organo come altri e, talvolta, ha bisogno di un "aiuto". Ricordi che il nemico è il disturbo che la fa viver male, non un farmaco mirato ed efficace.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#6] dopo  
Utente 508XXX

Come ultima soluzione la psichiatra del cps mi aveva proposto il brintellix a suo dire molto più leggero rispetto a quelli da me provato (dopraxin e zarelis). M Vista l'esperienza negativissima dei 2 non l'ho mai iniziato. E la dottoressa mi ha quindi detto di continuare con alprazolam. Son sincera nel dire che la paura degli effetti collaterali è la paura di dover poi ipoteticamente dover prendere questo farmaco a vita mi terrorizza. Proprio per questo ho iniziato la terapia pscilogica nella speranza di risolvere senza farmaci.
Asuo parere... Se può rispondere... Questo farmaco sarebbe efficace? E sempre a suo parere... Avrebbe davvero meno effetti collaterali rispetto agli altro 2 da me provati? (LE ASSICURO CHE MI RENDEVANO UNO ZOMBIE). GRAZIE

[#7] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Meno effetti secondari probabilmente sì, sull'efficacia il discorso è complesso. Alcuni Psichiatri lo ritengono un farmaco valido, altri sostengono che sia poco efficace. E' recente, manca ancora un volume importante di studi che ne suggeriscano una solida attività antipanico.
Parli col suo medico, se lei non tollera i serotonergici come dropaxin e zarelis (quest'ultimo a dosi medio-basse si comporta come serotonergico e non "doppia azione") esistono i vecchi triciclici che, se ben conosciuti e somministrati, sono una valida alternativa.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#8] dopo  
Utente 508XXX

Grazie ancora. Proverò sicuramente a parlargliene al prossimo incontro. Per ovviare ai sintomi da me elencati in precedenza lei mi consiglia di continuare ad assumere alprazolam a questo dosaggio nel frattempo?(fintanto che incontrerò la dottoressa al 15bdindicembre)O provo a eliminare una goccia a dose? . Che brutta bestia questa ansia!!! Grazie ancora per la sua gentilissima pazienza. Non la disturberò più poi.

[#9] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Non si preoccupi, siamo qui per questo.
Meglio però non ridurre l'ansiolitico finché non avrà una terapia davvero efficace (farmacologica o meno). Non c'è fretta, le dosi sono basse e al momento giusto si libererà dell'alprazolam senza fatica. Mi stia bene.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#10] dopo  
Utente 508XXX

Grazie davvero di cuore.sentirsi dire ciò rincuora un animo tormentato come il mio adesso!! Verrei in terapia da lei se potessi!! Buona serata!

[#11] dopo  
Utente 508XXX

Gentili dottori. Torno a disturbare la vostra pazienza perche la mia situazione è sempre più complessa.
Praticamente non riesco più a fare nulla.
Cammino e mi sembra di cadere... Ho continui giramenti di testa e visione annebbiata... Questa cosa mi crea panico.. Tanto che non capisco più se è ansia o altro. Il problema è che se assumo alprazolam alle 8 ho giramento da subito... Come se non avessi preso nulla. Mi chiedo se il giramento è un effetto collaterale del farmaco o se questo farmaco per me è Ormaii nullo. L'ansia mi accompagna 24h su 24. Non riesco più a uscire per paura di sentirmi male in giro. Ho il terrore di star sola con la mia bimba più piccola... Perché temo possa accadermi qualcosa e lei sarebbe sola. Andare al supermercato o anche Solo al ristorante e un incubo. Sto tutto il tempo come in non equilibrio e con un senso di costrizione e tremore interno. È un incubo. Quasi questo ansiolitico ha aumentato le mie ansie anziché sedare. La psichiatra al telefono mi ha detto di raddoppiare la dose 3 v al di. Quindi 0.50 più 0.50 più 0.50. Ma io non voglio aumentare un farmaco che dovrei smettere!!! E che on più non mi calma e non toglie le somatizzazionie ( se i giramento lo sono)., non son più che fare. E il 15 dicembre non arriva mai... (data in cui avrei l'appuntamento con la dottoressa). Aiutatemi vi prego a capire come posso fare per uscire da questo infermo e a capire se questi sintomi sono effetti ollaterali o piuttosto mancanza di copertura. Grazie a chi risponderà... Pensare che ho tutto per esser felice e invece son divorata dalla paura

[#12] dopo  
Utente 508XXX

Nessuno può darmi un parere...

[#13] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
segua le indicazioni del suo Psichiatra. Aumenterà il farmaco solo temporaneamente e, meglio starà, più sarà facile ridurlo
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#14] dopo  
Utente 508XXX

Grazie... Farò così... Anche se la cosa mi dispiace davvero tanto... Ho paura della sonnolenza a quel dosaggio... E degli effetti collaterali... Grazie come sempre per la sua attenzione.

[#15] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Sonnolenza se ce ne sarà durerà poco e gli effetti secondari a breve termine sono inesistenti o tra i più lievi in farmacologia se sta attenta a non associare alcolici. Semmai eviti di guidare i primi giorni.
Stia bene.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#16] dopo  
Utente 508XXX

Grazie davvero. alcolici non ne bevo ma faccio un lavoro che impone lucidità e attenzione. Inoltre ho una bimba piccola e l'idea di essere _anestetizzata_ mi spaventa. Grazie ancora