Utente 518XXX
Buona sera gentili Dottori, vorrei proporvi la mia storia per avere dei vostri pareri.
Tutto ha avuto inizio questa estate precisamente pochi giorni dopo aver compiuto il mio compleanno dei trent’anni (luglio) a casa di un forte stress dovuto al ricovero urgente di mio padre per problemi cardiaci ho iniziato ad accusare un forte senso di instabilità mentre camminavo è una lieve sensazione d’ansia. Pensavo che tutto ciò fosse la conseguenza di un’accumulo di stress visto che l’anno precedente avevo perso mia madre a seguito di una malattia neurovegetativa perciò ho aspettato circa un mese pensando che una volta dimesso e ristabilita la normalità la situazione sarebbe migliorata, ma così purtroppo non è stato. La situazione a settembre era decisamente peggiorata tanto da spingermi a rivolgermi ad uno specialista in psichiatria il quale mi diagnosticava dei disturbi d’ansia e panico pertanto mi prescriveva una terapia a con brintellix (10mg al dì) rassicurandomi che nel giro di qualche settimana sarei migliorato. Così non è stato anzi questo farmaco purtroppo sì è rivelato totalmente non tollerabile da me poiché a distanza di un mese ero completamente azzerato con ansia a tremila è una miriade di paronoie in testa. Costatato questo venivo indirizzato verso l’assunzione di daparox (20 mg al dì) e superati gli effetti iniziali di assestamento piano piano stavo iniziando a sentirmi meglio fino ad essere arrivato ad un discreto livello di benessere intorno al mese di novembre. Intorno alla metà di dicembre però ebbi nuovamente un forte attacco di ansia e prontamente mi venne consigliato di aumentare il dosaggio di daparox fino a 30 mg e nel giro di una decina di giorni sono stato davvero bene ansia scomparsa angoscia inesistente preoccupazioni inutili sparite! Ora però settimana scorsa è venuto a mancare improvvisamente mio nonno e l’ansia e le angosce sono nuovamente tornate. Contatto così nuovamente lo specialista il quale mi dice che per il momento non è il caso di aumentare il dosaggio del farmaco poiché non essendo nemmeno un mese a piena dose secondo lui sarebbe troppo avventato e di aspettare qualche altra settimana (almeno un paio) per poter fare una nuova valutazione e e casomai decidere di incrementare. Spiegata la mia situazione la mia domanda è questa possibile che questo evento luttuoso possa avermi nuovamente stravolto nonostante sia sotto cura farmacologica? È possibile che la situazione si riassesti senza dover incrementare la dose di farmaco poiché i tempi di assunzione a 30 mg sono ancora brevi? Vi ringrazio in anticipo per le risposte

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La prima cura col panico non si abbinava molto, la seconda invece sì, è una cura classica antipanico.
E' corretto che un evento, per quanto importante, non necessariamente produce un peggioramento o la necessità di variazioni di dose, specie se non ci sono sintomi specifici del panico che recidivano.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 518XXX

La ringrazio per la risposta Dottore. Quindi concorda con il parere dello specialista che mi segue, ovvero che anche se in questo momento sento un ritorno di ansia e un tono dell’umore basso devo pazientare per valutare se si tratti di una ricaduta o se di una situazione passeggiera dovuta al lutto.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sì, mi pare un discorso sensato.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 518XXX

Grazie mille dottore per il consulto! Se mi permette le porgo un’ultima domanda. Anche secondo lei essendo meno di un mese che assumo il farmaco a questo dosaggio incrementare sarebbe prematuro?

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
i tempi sono quelli
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 518XXX

Quindi dottore mi scusi l’insistenza ma come detto da suo collega potrebbero volerci anche 6 settimane per fare una piena valutazione. La ringrazio.

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ha ricevuto un'informazione, chiaramente è impaziente e quindi ripete la domanda, ma non c'è ragione di ripeterla, altrimenti avrebbe risposte che ha già avuto, con la conseguenza che tornerebbe poi dopo altri tot giorni a porsi la stessa domanda.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 518XXX

Dottore la ringrazio e ho capito il senso della sua ultima risposta sarebbe un inutile rimuginare. La scuso ma lei mi insegna che quando si hanno problemi legati all’ansia spesso si diventa anche un tantino ossessivi...mi scuso ancora per il disturbo e la ringrazio ancora per i consulti dispensati.