Utente 512XXX
Salve,
vorrei iniziare premettendo che ho richiesto nel tempo molteplici consulti su questo sito, senza mai purtroppo approdare ad una conclusione soddisfacente, che per me consisterebbe in un riscontro oggettivo ed esplicito rispetto a quello che dico. Questo consulto è quindi idealmente rivolto ad un medico col quale non abbia ancora parlato, nella speranza che possa essere d'avviso diverso rispetto agli altri specialisti che mi hanno già risposto.
È piuttosto difficile e faticoso rispiegare ogni volta il mio problema, soprattutto perché non riesco a mantenerne una consapevolezza costante, a volte penso (e mi sento) di essere depresso, con apatia e anedonia, assenza di iniziativa e di speranza e di prospettive, con idee di suicidio. Altre volte penso dI rientrare invece nello spettro bipolare, perché ravviso una certa eccitabilità, talvolta mi sento euforico in maniera slegata dalla mia realtà che è tutt'altro che esaltante, o comunque in preda ad un'agitazione furiosa o angosciata, o disforica, mi verrebbe da dire. Ho manifestato fin dalla prima adolescenza la tendenza all'uso e all'abuso di sostanze (nicotina, alcool, cannabis, cocaina, ora benzodiazepine). Altre volte ancora metto in dubbio tutto quanto detto sopra e penso di essere soltanto ansioso, ipocondriaco e ossessivo. Poi ci sono momenti in cui penso addirittura di non avere alcun sintomo di pertinenza medica, che i miei problemi siano dovuti a traumi e incidenti nell'età dello sviluppo, cattiva educazione, difetti caratteriali, scarsa intelligenza.
Non mi dilungo con ulteriori specifiche, ci sarebbero molte cose da aggiungere, ma aspetto intanto di ricevere una prima risposta.
Avrei bisogno che qualcuno mi aiuti a fare chiarezza in tutto questo. Non sto chiedendo una diagnosi, ma un riscontro.
Grazie per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Ho riletto i suoi precedenti consulti, nei quali faceva domande tecniche.
Non è chiaro che cosa lei intenda per "riscontro oggettivo ed esplicito".
I sintomi che lei descrive corrispondono ad un disturbo dell'umore.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 512XXX

Salve dottore,
quindi potrei effettivamente soffrire di disturbo bipolare, più o meno attenuato?
Per riscontro oggettivo ed esplicito io intendo un commento su quello che si può evincere da tutto ciò che dico, specialmente da ciò che esprimo magari inconsapevolmente.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Sì, dalla sua autodescrizione risulta una instabilità dell'umore. Ma la diagnosi va fatta di fronte alla persona.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#4] dopo  
Utente 512XXX

D'accordo, grazie.
È possibile, in assenza dI oscillazioni maggiori, evitare l'impiego di stabilizzatori e/o antipsicotici?

[#5] dopo  
Utente 512XXX

D'accordo, grazie.
È possibile, in assenza dI oscillazioni maggiori, evitare l'impiego di stabilizzatori e/o antipsicotici? Come avrà forse letto mi spaventano molto questi farmaci, vorrei evitarli. Sento che mi servirebbe qualcosa che mi renda attivo e propositivo, senza però peggiorare l'ansia.

[#6] dopo  
Utente 512XXX

Dottore,
non abbandoni il consulto proprio adesso. La questione dei farmaci che ho citato per me è dirimente, ho bisogno di poter sperare che ci siano delle alternative, antidepressivi e ansiolitici e/o psicoterapia. Prendo solo xanax da oltre un anno ormai, sono arrivato a 1 mg al giorno mediamente, non posso andare avanti solo con quello.

[#7] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Dipende dalla diagnosi. Nel caso di un Disturbo Bipolare anche sottosoglia o di una Ciclotimia gli stabilizzatori sono indicati, e non capisco perchè lei ne abbia così timore. Gli antipsicotici si aggiungono in caso di sintomi più seri, quale potrebbe essere quella che lei chiama "agitazione furiosa",
Se poi lei continua a far uso di eccitanti come la cocaina non c'è cura che possa risolvere la sua sintomatologia.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#8] dopo  
Utente 512XXX

No, la cocaina l'ho usata occasionalmente anni fa. La cannabis l'ho usata regolarmente per anni, ma da più di un anno ne ho sospeso l'uso, salvo qualche eccezione sporadica. Per "agitazione furiosa" io intendo dei momenti in cui mi sento molto arrabbiato a partire da avvenimenti e pensieri negativi o ricordi dolorosi, in maniera però spesso "spontanea" e senza una consequenzialità cronologica, ovvero in modo estemporaneo. In passato ho avuto degli scoppi di rabbia con aggressività (perlopiù verbale) verso altri, talvolta a partire da convinzioni forse "paranoiche". Da quando prendo xanax questi episodi si sono diradati molto.
Mi spaventano molto quei farmaci per tutti gli effetti collaterali, e per la cronicità delle cure, specie per quanto riguarda gli stabilizzatori.

[#9] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Finchè non avremo farmaci o tecniche in grado di modificare l'espressione genica il Disturbo Bipolare va considerato "cronico" (nel senso etimologico del termine, cioè "perdurante nel tempo"). Al momento attuale gli stabilizzatori sono gli unici farmaci in grado di controllare o prevenire la sintomatologia di questo disturbo. L'alternativa è tra curarsi e non curarsi. In certe situazioni favorevoli, dove un genio benigno della patologia si coniughi con l'assenza di stressors è anche possibile star bene senza cure, Ma sono casi eccezionali, se non puramente teorici.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#10] dopo  
Utente 512XXX

Allora non mi resta che sperare che la diagnosi sia un'altra, o di avere comunque una forma sottosoglia.
Lei dice "non capisco perché ne abbia così timore [degli stabilizzatori]". Forse Lei, avendo una visione d'insieme, da medico, di tutte le patologie spesso molto più gravi e letali, talvolta incurabili, che possono colpire una persona, considera in prospettiva gli effetti che quel tipo di farmaci può dare nel tempo. Ma io ho 32 anni, e per quanto ne sappia per il resto sono in salute, non riesco a ragionare in quei termini. L'idea di procurarmi il diabete o la discinesia tardiva, solo per citarne qualcuno, è semplicemente inaccettabile.
Ma non La trattengo oltre, grazie per le risposte.

[#11] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Aggiungo, per dovere di informazione agli utenti che si trovino a leggere questo consulto, che diabete e discinesia tardiva sono rare complicanze degli antipsicotici di prima e seconda generazione, non degli stabilizzatori dell'umore, i quali appartengono ad altre categorie.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#12] dopo  
Utente 512XXX

Sì, ho fatto confusione con il diabete insipido di origine nefrogena, possibile effetto riportato sul foglietto del Carbolithium. La discinesia tardiva in effetti non compare, ma si parla comunque di "ritardi psicomotori"', in una lista comunque interminabile di effetti tutt'altro che trascurabili.

[#13] dopo  
Utente 512XXX

Dottore,
a Lei sembra che il mio sia uno stato misto?

[#14] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Non sono in grado di emettere una diagnosi a distanza.
Nel Disturbo Misto dell'Umore sono presenti contemporaneamente sintomi/segni depressivi e sintomi/segni di eccitamento. Non sempre è agevole discriminarlo da un Disturbo Bipolare a cicli rapidissimi, se non con una osservazione diretta.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#15] dopo  
Utente 512XXX

Dottore, ho letto che con una risonanza magnetica o una risonanza magnetica funzionale si potrebbe appurare con sicurezza. In Italia ci sono unità di neurologia e psichiatria che effettuano questo esame?

[#16] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Non è vero, in questo campo siamo ancora a livelli di ricerca. Ma le assicuro che uno psichiatra esperto è in grado di fare la diagnosi.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#17] dopo  
Utente 512XXX

Ho fatto dei test per il disturbo bipolare online, i punteggi per quanto riguarda la mania sono bassi, rientro nel range di esclusione, mentre quelli della depressione mi posizionano nella fascia lieve-moderata. Forse mi sto autosuggestionando per quanto riguarda la mania? È possibile che una persona con una depressione lieve o moderata abbia a tratti dei momenti di benessere o di maggiore energia e positività, o al contrario magari di insofferenza e irritazione, senza per questo configurare necessariamente una forma di bipolarismo?

[#18] dopo  
Utente 512XXX

Dottore,
mi rendo conto che da un lato sto cercando conferme alla mia autodiagnosi, il che mi farebbe sentire ancora un passo indietro rispetto alla pazzia, alla totale incoscienza, dall'altro invece spero che non sia vero, che non sia grave come temo. È una modalità ossessiva, che però non esclude comunque che possa essere vero. È una trappola da cui non riesco a uscire. Ho paura di prendere dei farmaci per sbaglio, o che quelle che la psichiatria definisce cure siano soltanto uno strumento di contenimento. Allo stesso tempo ho paura di tentare la strada della psicanalisi o della psicoterapia, che comunque non posso permettermi. Vorrei almeno che la mia fosse una mania euforica e produttiva, invece sono fermo da anni. Forse dovrei richiedere il ricovero volontario, lasciar decidere qualcun altro, ma se mi stessi sbagliando su tutto, e finissi per rovinarmi con le mie stesse mani?

[#19] dopo  
Utente 512XXX

So che possono sembrare provocazioni, ma sono dubbi e paure che ho realmente, a tratti. Tutto è a tratti. Non riesco a "fermarmi", e allo stesso tempo non riesco a muovermi in nessuna direzione.

[#20] dopo  
Utente 512XXX

Qualcun altro potrebbe raccogliere il consulto? Non mi bastano queste risposte distratte.

[#21] dopo  
Utente 512XXX

Ho bisogno di parlare con qualcun altro, qualunque contributo sarebbe benaccetto. Grazie.