Utente 459XXX
Buonasera, sono un ragazzo di 27 anni e da circa 8 mesi assumo una compressa di Anafranil 75 mg al giorno. Vi scrivo perché da quando ho iniziato questa terapia ho iniziato a soffrire di disturbi dell'attenzione e capogiri/vertigini, nel senso che molto spesso durante la giornata (specialmente durante gli orari pomeridiani/serali) è come se perdessi i sensi per delle frazioni di secondo. Ne ho parlato sia con il medico della mutua che con lo specialista che mi ha consigliato di intraprendere questa cura ma il primo dice che potrebbe essere carenza di ferro e il secondo invece sostiene che siano delle recrudescenze di panico e che quindi mi ha consigliato di aggiungere 10 gocce di Escitalopram al mattino. Ormai è circa un mese che assumo entrambi i farmaci e i risultati, a mio modo di vedere, sono tutt'altro che soddisfacenti.
Inoltre da quando ho cominciato la terapia ho iniziato a soffrire di miodesopsia abbastanza "pesante" che mi provoca forti mal di testa il ché sicuramente non aiuta.
Ho iniziato ad assumere psicofarmaci a causa di un disturbo ossessivo che, però, grazie ad una auto-terapia cognitivo comportamentale e psicoterapia sono riuscito a tenere sotto controllo ritenendo dunque abbastanza inutile continuare la cura farmacologica.
Negli anni ho assunto: zoloft/sertralina (e nelle volte in cui dimenticavo di assumere il farmaco provavo le stesse sensazioni di mancamento che provo in questi mesi) per 5 anni e fluvoxamina per 1 anno.
Secondo voi queste sensazioni di ottundimento mentale, capogiri, vertigini ecc.. possono essere causate dal farmaco?
Vorrei cominciare a smettere di essere dipendente da questo tipo di medicine.
Vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Portuesi

28% attività
20% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gli antidepressivi non danno dipendenza. Possono dare come tutti i farmaci effetti collaterali che vanno verificati con il medico prescrittore. Nel caso del disturbo ossessivo compulsivo non vedo perche proseguire una terapia farmacologica se il rapporto costo benefici non risulta convincente. Lei poi accenna a un disturbo di panico, ma non e' chiaro se soffra anche di un disturbo di attacchi di panico.
Dr Giovanni Portuesi