Utente 522XXX
Buonasera sono una donna di 54 anni sposata e con due figli adolescenti. Ad agosto 2017 dopo otto anni che non andavo in ferie per svariati avvenimenti importanti(lutti, malattie,problemi economici) sono riuscita con la mia famiglia ad andare al mare una settimana. Tornata a casa dopo una settimana ho cominciato a vomitare e a non riuscire più a mangiare. Sono finita al ps xché non tenevo nello stomaco più niente. Fatto Gastroscopia risultati ernia iatale che già sapevo. Eco e risultati del sangue a posto tranne sospetta celiachia borderline. Da qui è iniziato il calvario. Non riuscivo più a mettermi a tavola xché mi veniva l'ansia. Sono dimagrita 25 kg. Non uscivo più di casa, paura di tutto, non guidavo più, non avevo più motivo di vivere. Sono stata curata dal dottore di base con paroxetina xanax e minias xché non dormivo più e vomitavo sempre. Dopo due mesi senza risultati ho iniziato anche una terapia psicologica. Sono stata assente sei mesi dal lavoro. Adesso prendo venlafaxina al mattino da 75 e una alle due da 37'5, xanax 20 gocce durante il giorno, 1 da 0,50 alla sera + 10 gocce minias per dormire. Ho iniziato a lavorare (un lavoro stressantissimo) guidare ma soltanto in paese. Faccio fatica ancora a relazionarmi con le persone, ma la cosa peggiore è che ho 24 ore al giorno un'agitazione fortissima, dolori ai polpacci, mi irrigidisco e mi blocco davanti ad ogni imprevisto o situazione da affrontare. Ci sono giorni che penso di non riuscire a sopportare più questa situazione dopo quasi un anno e mezzo logorante. Voglio uscire da questo tunnel divertirmi, vivere, godermi la vita ma non ce la faccio. Dove o cosa c'è di sbagliato? Grazie per l'aiuto.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La diagnosi di trattamento quale sarebbe di preciso?


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 522XXX

Una vera e propria diagnosi non mi è stata mai comunicata. all'inizio era sicuramente depressione.Non ho specificato che quasi un anno prima della caduta avevo smesso gradualmente di prendere la paroxetina dopo 16 anni per attacchi di panico, poi si parlava di ansia depressoria. ultimamente lo specialista mi ha detto che ho dei comportamenti ossessivi. Mah! se per ossessioni si intendono paure immotivate oppure ingigantite forse sì. In casa da sola non ci sto. Faccio fatica a fare ordine e preparare da mangiare. Ho paura che se non esco un giorno non riesco poi più a uscire. (Ho il terrore di fermarmi in casa ancora come lo ero quando sono caduta)Vorrei stare sempre fuori casa ma anche fuori casa sono sempre in tensione. Difficile da spiegare!