Utente 245XXX
Gentili dottori,
ho da pochi giorni iniziato una terapia per ansia generalizzata. Al momento prendo 1/2 compressa di sereupin 20 mg la mattina (tra qualche giorno passerò a 1 intera) e 1 di gabapentin 200 mg la sera.
Sto avendo dubbi sugli effetti collaterali. Mi sembra di essere estremamente gonfio, specialmente in viso e sulle gambe. E' possibile che sia un effetto dei farmaci? Ed in tal caso dopo quanto rientrerebbe? Io soffro di un disturbo alimentare molto oppressivo e un tale gonfiore, associato all'aumento di peso che comporta, è estremamente stressante e se non scomparisse a lungo termine potrebbe indurmi a interrompere bruscamente la terapia, con gli ovvi effetti negativi che ciò provocherebbe.
Il mio medico è temporaneamente irraggiungibile perciò chiedo informazioni a voi. Grazie in ogni caso per qualsiasi risposta.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Il gonfiore si vede, per cui non saprei cosa dirLe in merito, però il discorso che fa, unito al dato del peso, mettono in campo il tipo di reazione che Lei ha a sensazioni corporee, aumenti di peso corrispondenti a gonfiori non evidenti, e così via. Lei soffre di anoressia nervosa ? (faceva riferimento ad un disturbo alimentare ma non è chiaro esattamente cosa).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 245XXX

Gentile dottore,
il gonfiore c'è e si vede, su quello non ho dubbi. Ho anche chiesto ad altre persone e confermano che è visibile. Il mio dubbio verte sulle cause.

Non ho mai ricevuto una diagnosi ufficiale, solo ufficiosa. Il mio disturbo alimentare è oscillato tra l'anoressia nervosa vera e propria e l'EDNOS. A dicembre ero estremamente sottopeso ma ora ho da poco raggiunto un IMC nella norma, quindi non rientro più nei criteri diagnostici per l'anoressia.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Scriveva "sembra"...per cui non si capiva.
A parte gli estremi di peso, chiaramente però dice di avere un problema rispetto all'idea del peso.
I medicinali possono certamente far aumentare di peso, sia per liquido che perché si mangia di più, però per capire di cosa si tratta sono elementi da vedere. Se uno è sottopeso e aumenta, questo non è un problema, può semplicemente essere ciò che le attiva una reazione di paura o fastidio.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 245XXX

La ringrazio per la risposta.

Certamente ho un terrore estremo di aumentare di peso ma il mio medico, che sa del mio disturbo alimentare, mi ha assicurato che di solito quando succede in relazione ai farmaci è perché si tende a mangiare di più in conseguenza di uno stato emotivo migliore, ma a me non è mai passato l'appetito durante la mia anoressia - al contrario ho sempre fame e mi sono abbuffato infinite volte, e i farmaci che ho introdotto negli ultimi giorni mi stanno al contrario dando una certa inappetenza per la prima volta da quando ho il disturbo alimentare. Per questo adesso il gonfiore e l'aumento di peso mi confondono molto.

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Potrebbe essere presa in considerazione una cura che copra anche i comportamenti relativi al disturbo alimentare, almeno quello delle abbuffate.
Altrimenti ci si limita a rassicurarla sul contenuto delle sue paure, ma questo non è molto utile alla strategia generale, perché le preoccupazioni non sono funzionali ad un equilibrio, ma sono sintomi di un disturbo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 245XXX

Per il mio disturbo alimentare sono già in cura, ma purtroppo è un processo lungo ed il terrore di prendere peso non passerà tanto presto, tanto più che attualmente sono al mio peso normale di sempre.

Continuo a leggere che la paroxetina provoca aumento di peso. Il mio medico mi ha rassicurato dicendo che non esistono particolari evidenze scientifiche al riguardo (nel senso che non è evidenziato un legame diretto causa-effetto e che al massimo aumenta l'appetito perché migliora l'umore), ma su internet leggo altro. Non riesco a capire quale sia la verità, ma so che non sono ancora in uno stato emotivo abbastanza stabile da reggere un aumento di peso causato dal farmaco, perciò mi chiedo se non sarebbe più sensato chiedere al medico di prescrivermi un altro farmaco che non causi aumenti di peso. Nonostante il gonfiore di cui le parlavo l'altro giorno sia quasi completamente sparito ho addirittura aumentato i miei comportamenti ossessivi nei confronti del cibo per contrastare qualsiasi aumento di peso che *potrebbe* avvenire in futuro.

In altri casi basterebbe semplicemente mettersi a dieta e fare attività fisica ma nel mio caso una dieta non sarebbe esattamente la scelta più indicata.